Fondi della sanità regionale nel caos, i segretari dem chiedono di coinvolgere i sindaci

Martedì, 08 Febbraio 2022 14:30 | Letto 376 volte   Clicca per ascolare il testo Fondi della sanità regionale nel caos, i segretari dem chiedono di coinvolgere i sindaci “Fondi della sanità marchigiana nel caos. Si convochino i sindaci e un consiglio regionale per rimediare agli errori dell’assessore Saltamartini”. Questa la richiesta avanzata dal coordinamento dei segretari provinciali del Partito democratico delle Marche Francesco Ameli (AP), Jacopo Falà (AN), Rosetta Fulvi (PS), Luca Piermartiri (FM), Angelo Sciapichetti (MC). “Grazie al PNRR il governo ha assegnato alle Marche ben 182 milioni di euro, utili a rivoluzionare la sanità a partire da quella territoriale con case ed ospedali di comunità. Stupefacente pensare che la Regione Marche si sia accorta solo ora che gran parte degli interventi che avevano pensato di fare, a partire da quelli antincendio, non possono rientrare tra quelli previsti dal PNRR! Segno che o si è politicamente incapaci o si è in malafede”, commentano i cinque segretari Pd. “Sbalorditivo che dopo quasi due anni di governo la giunta Acquaroli non sia in grado di elaborare un piano strategico per la riforma dell’offerta di salute territoriale nelle aree vaste né sia in grado di programmare investimenti con i giusti canali di finanziamento. Ci sentiamo di dare quindi un consiglio al governo regionale - propongono i segretari - si convochino subito le conferenze di Area vasta e si dia seguito alle richieste del gruppo assembleare del Pd delle Marche con la convoca di un consiglio regionale dedicato. Acquaroli e Saltamartini facciano fare i sindaci, i sindacati e le associazioni di categoria di riferimento per far realizzare in tempi brevi una proposta condivisa e credibile. Solo così sarà possibile programmare in maniera adeguata e condivisa la riorganizzazione di offerta della salute. A questo punto non è più un problema di destra o sinistra, ma è l’unica soluzione di buonsenso”. Pongono l’accento i segretari dem sulle carenze “croniche” della sanità regionale (visite programmate che saltano, gjuardie mediche a rischio, ospedali che scoppiano) e sulle cause per le quali le Marche sono in zona arancione per poi richiamare presidente e giunta alle proprie responsabilità: È ora che la giunta Acquaroli si assuma le proprie responsabilità – concludono - si occupi meno di poltrone e nomine politiche,e risolva i problemi del paese reale: quelli di noi cittadini marchigiani”.
“Fondi della sanità marchigiana nel caos. Si convochino i sindaci e un consiglio regionale per rimediare agli errori dell’assessore Saltamartini”.

Questa la richiesta avanzata dal coordinamento dei segretari provinciali del Partito democratico delle Marche Francesco Ameli (AP), Jacopo Falà (AN), Rosetta Fulvi (PS), Luca Piermartiri (FM), Angelo Sciapichetti (MC).

“Grazie al PNRR il governo ha assegnato alle Marche ben 182 milioni di euro, utili a rivoluzionare la sanità a partire da quella territoriale con case ed ospedali di comunità. Stupefacente pensare che la Regione Marche si sia accorta solo ora che gran parte degli interventi che avevano pensato di fare, a partire da quelli antincendio, non possono rientrare tra quelli previsti dal PNRR! Segno che o si è politicamente incapaci o si è in malafede”, commentano i cinque segretari Pd.

“Sbalorditivo che dopo quasi due anni di governo la giunta Acquaroli non sia in grado di elaborare un piano strategico per la riforma dell’offerta di salute territoriale nelle aree vaste né sia in grado di programmare investimenti con i giusti canali di finanziamento. Ci sentiamo di dare quindi un consiglio al governo regionale - propongono i segretari - si convochino subito le conferenze di Area vasta e si dia seguito alle richieste del gruppo assembleare del Pd delle Marche con la convoca di un consiglio regionale dedicato. Acquaroli e Saltamartini facciano fare i sindaci, i sindacati e le associazioni di categoria di riferimento per far realizzare in tempi brevi una proposta condivisa e credibile. Solo così sarà possibile programmare in maniera adeguata e condivisa la riorganizzazione di offerta della salute. A questo punto non è più un problema di destra o sinistra, ma è l’unica soluzione di buonsenso”.

Pongono l’accento i segretari dem sulle carenze “croniche” della sanità regionale (visite programmate che saltano, gjuardie mediche a rischio, ospedali che scoppiano) e sulle cause per le quali le Marche sono in zona arancione per poi richiamare presidente e giunta alle proprie responsabilità: "È ora che la giunta Acquaroli si assuma le proprie responsabilità – concludono - si occupi meno di poltrone e nomine politiche,e risolva i problemi del paese reale: quelli di noi cittadini marchigiani”.

Letto 376 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo