Anselmi elezionI M. s. martino

 

Banca Macerata tra innovazione e tradizione. Una banca locale e moderna.

29 Apr 2019
140 volte

Venerdì 26 aprile scorso si è tenuta l’assemblea dei soci di Banca Macerata che ha approvato all’unanimità il bilancio 2018. Nella sua introduzione il Presidente, Ferdinando Cavallini, ha sottolineato come, nonostante il 2018 sia stato un anno molto complesso per il Paese, per l'economia e per il sistema bancario, la raggiunta maturità reddituale, operativa ed organizzativa di Banca Macerata, unitamente alla fiducia crescente che l’Istituto sta riscuotendo sul territorio, hanno fatto superare con slancio quelle vicende. L’anno ha infatti registrato svariate positività: dall’aumento del 4,7% della raccolta complessiva da clientela, all’incremento degli impieghi del 17,8%; dalla riduzione del 28,5% dell’importante indice NPE ratio (rapporto NPLs lordi/impieghi lordi), alla riduzione del 13% dell’incidenza dei costi operativi sul margine di intermediazione. L’utile netto si è infine attestato ad € 2,3 milioni - in aumento del 40% rispetto al 2017, per effetto essenzialmente dell’aumento del 17,2% del margine di interesse e del 19,6% delle commissioni nette. I ricavi da negoziazione titoli sono restati sui livelli del 2017, mentre in significativo aumento è risultato il costo del credito (+33%) per effetto dell’applicazione dei nuovi principi contabili IFRS9. I costi operativi sono aumentati solo dell’1%, nonostante un aumento di sei unità del personale dipendente (+10%). Per effetto di tali andamenti, il ROE si è attestato al 6,7% e l’assemblea ha deciso di distribuire un dividendo dell’1,30% del valore nominale delle azioni. E’ il quarto anno consecutivo che Banca Macerata distribuisce dividendi. Anche gli indici patrimoniali hanno registrato livelli di assoluta soddisfazione, pure nel confronto con quelli del sistema: al 31 dicembre scorso il CET 1 ratio si è attestato al 15,14% ed il Total Capital ratio (TCR) al 16,34%. Da sottolineare il valore del Texas ratio che dal 94% del 2015 è ora al 61% con previsione di discesa sotto il 50% nel 2020. Il Direttore Generale, Rodolfo Zucchini, ha poi evidenziato come il 2018 di Banca Macerata non sia stato caratterizzato soltanto dai richiamati numeri positivi. E’ stato anche un anno di importanti fatti aziendali come la modifica della ragione sociale in Banca Macerata spa, il cambio di tutti i vertici aziendali, il rinnovo delle cariche sociali, la quotazione dell’azione BPrM sul mercato multilaterale Hi-MTF, la costituzione di un Fondo acquisto azioni proprie, l’inaugurazione del Punto Consulenza di Ancona, la donazione di un apparecchio sanitario al reparto oncologia dell’Ospedale di Macerata, l’erogazione di 36 ore di educazione finanziaria che hanno raggiunto 150 studenti appartenenti alle classi 3^ e 4^ di istituti superiori di Civitanova Alta, Tolentino e Recanati, un aumento di capitale e l’emissione del primo prestito subordinato della storia della Banca. La gestione complessiva e le risultanze di bilancio danno pertanto conto di una Banca in salute con prospettive di continua crescita, avente come costante faro il mantenimento assoluto degli equilibri aziendali e della adeguatezza patrimoniale. Il modello di servizio di Banca Macerata punta sempre più all’offerta fuori sede, fornita in regime di consulenza, con professionalità, correttezza, trasparenza. Il filo conduttore della strategia gestionale sta nel consolidare ed aumentare i livelli di operatività e di certezza organizzativa raggiunta ma, nello stesso tempo, porre le basi per la Banca Macerata del futuro che, pur al passo con i tempi, deve rimanere ben ancorata e al servizio del territorio di insediamento. Esempio di tale approccio è stata l’apertura dei punti consulenza di Fiuminata e Serrapetrona nei primi mesi del 2019, effettuata prevalentemente per evitare che due paesi dell’entroterra restassero privi di servizi bancari. Quindi, una Banca che coniughi sempre più innovazione e tradizione; che sia vicina alle famiglie, ai professionisti e alle piccole imprese; una Banca che svolga un’attività consulenziale “a tutto campo”, ma che educhi anche i clienti meno evoluti all’accettazione della tecnologia e alle migliori prassi amministrative di gestione familiare e aziendale; una Banca che curi l’educazione finanziaria della popolazione, al fine di evitare il ripetersi di quanto successo negli scorsi anni; una Banca che sia operativa nelle avanzate tecniche di business a distanza, ma che ponga in tale segmento di attività tutta la professionalità e l’approccio al mercato ormai consolidati nella quotidiana attività con i clienti tradizionali. Insomma, ha concluso il Presidente, una Banca locale moderna che crea valore aggiunto per gli azionisti e per il territorio il quale, da un lato, si vedrà riversare una crescente richiesta di prodotti e servizi, dall’altro lato vedrà aumentare le possibilità di occupazione giovanile locale, soprattutto quella ad elevata scolarità.

IMG 9279

Escavatore cade da un camion

29 Apr 2019
394 volte

È successo oggi intorno alle 11 a Casette Verdini, frazione di Pollenza. Per cause in fase di accertamento,  un escavatore, all'altezza della rotonda è caduta da un autotreno ribaltandosi sulla sede stradale. IVigili del Fuoco hanno messo in sicurezza il luogo con una autopompa e  cinque unità. Non si segnalano persone coinvolte.

Furto alla Choncimer: colpo da 500mila euro

29 Apr 2019
196 volte

È il secondo furto nel giro di poco più di un anno. La Choncimer di San Severino di nuovo nel mirino dei malviventi. Il primo furto causò un danno di 200mila euro ma questa volta, probabilmente sapendo già cosa andare a prendere e dove, il danno è stato maggiore: ben 500mila euro. È successo nella notte fra venerdì e sabato. I ladri si sono introdotti oscurando prima di tutto la rete di videosorveglianza e poi si sono dedicati alla scelta dei migliori concimi per l’agricoltura che l’azienda produce. Infine hanno caricato tutto su un camion e si sono dati alla fuga. Sull’accaduto stanno indagando i Carabinieri.

Profili facebook falsi per influenzare le elezioni. L’allarme da Matelica

29 Apr 2019
475 volte

Una vera e propria pagliacciata, non c’è altra possibile definizione, per l’idea venuta evidentemente a qualche matelicese per influenzare, con tutta probabilità. le elezioni comunali. Nei giorni scorsi sono infatti comparsi numerosi profili Facebook creati di recente di persone che in realtà non esistono. Alcuni ad esempio, sono stati creati il 7 aprile e hanno inviato richieste di amicizia a numerosissimi Matelicesi. 

La tecnica è usare cognomi tipici del territorio e addirittura omonimie così da indurre le persone a cui viene richiesta l’amicizia ad accettare.

Si consiglia pertanto agli utenti di fare attenzione, controllando possibilmente l’inizio dell’attività dei profili scorrendo sulla bacheca e segnalando tutti quelli che vengono ritenuti sospetti.

G.G.

Scontro tra due auto. Interviene l’eliambulanza

29 Apr 2019
317 volte

Scontro tra due auto. Per uno dei due feriti è stato disposto il trasferimento a Torrette di Ancona. È successo stamattina, intorno alle 9, lungo la Carrareccia, in contrada Pieve a a Macerata. Le cause sono ancora da chiarire, fatto sta che due auto si sono scontrate. Sul posto immediato l’arrivo del 118 che ha chiesto l’intervento dell’eliambulanza per uno dei due feriti mentre l’altro, in condizioni meno gravi, è stato portato al nosocomio maceratese. Presenti anche i vigili del fuoco e la polizia stradale.

Cingoli, pomeriggio di incidenti per un motociclista e un responsabile di gara

29 Apr 2019
129 volte

Non riesce a fermarsi in tempo alla volata finale della Nove Fossi. Un ciclista ieri ha travolto un responsabile di gara mentre superava l’arrivo. Stava scattando delle foto per documentare gli arrivi. Lo scontro ha fatto sì che l’uomo cadesse a terra e battesse il capo anche se non ha mai perso conoscenza. È stato portato in ambulanza all’ospedale di Jesi per i controlli e pare non abbia riportato gravi conseguenze. 

Sempre a Cingoli, ma sulla pista di motocross, un motociclista è caduto ed ha riportato un trauma cranico. È stata allertata l’eliaambulanza che lo ha trasferito a Torrette di Ancona.

Stroncato da una malattia. Fiastra piange la scomparsa di Riccardo Forconi

29 Apr 2019
1925 volte

Se n’è andato ieri dopo aver lottato contro un male che non è riuscito a sconfiggere. È Riccardo Forconi, giovane papà 35enne di due splendide bimbe. Impossibile per i concittadini e per tutti coloro che lo conoscevano non essere addolorati per la sua scomparsa. Poche settimane fa, peraltro, aveva perso sua mamma. Lascia moglie e due bambine.

Intossicati da una teglia nuova per pizze

28 Apr 2019
935 volte

È successo a Potenza Picena. Due giorni fa due persone originarie di Roma hanno acquistato in un supermercato di Recanati una nuova teglia per cuocere le pizze ma ogg, una volta messa in forno, qualcosa di strano è accaduto. Quasi tutti i loro pappagalli hanno iniziato a morire uno dopo l’altro e  i due soggetti hanno iniziato a sentirsi male. Brividi e tutti i sintomi di una improvvisa febbre, insieme ad una forte tosse e fatica a respirare. Subito è intervenuto il 118 poi i due soggetti hanno prwfe recarsi al pronto soccorso autonomamente. Sul posto anche i vigili del fuoco e il medico dell’asur che ha portato via le carcasse dei pappagalli insieme ad un pezzo di pizza che verrà sottoposto ad analisi. I due coniugi sono ancora ricoverati in ospedale e si sospetta si sia trattato di intossicazione da Teflon, il materiale con cui vengono realizzate padelle e teglie.

 

Monsignor Russo si dimette. Ruolo di vescovo di Fabriano e di Segretario generale della Cei inconciliabili

28 Apr 2019
164 volte

Ricoprirà il ruolo di amministratore apostolico finché Papa Francesco non nominerà un successore: monsignor Stefano Russo si dimette da arcivescovo di Fabriano - Matelica. Una decisione sofferta ma necessaria dopo la sua nomina, avvenuta il 28 settembre, a Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana. L’intensità di questi mesi ha rivelato l’impossibilità di continuare a portare avanti entrambe le responsabilità, per cui Monsignor Russo si è trovato costretto a rinunciare a esercitare il suo episcopato come Pastore della Chiesa di Fabiano-Matelica.

“La rinuncia che ho presentato al Papa è stata sofferta – confida Monsignor Russo -: in questa Diocesi ho sperimentato la ricchezza di essere pastore fra la gente, per cui l’esperienza vissuta in questa comunità la custodisco nel cuore come dono prezioso, che non smetterà di accompagnarmi. Vivo anche questo momento nel segno dell’obbedienza alla volontà del Signore con l’unico interesse di servire la Chiesa nei modi e nelle forme che oggi mi sono richieste”.

Fino all’elezione del successore, Russo manterrà i diritti del Vescovo diocesano.

Visso: Gianluigi Spiganti Maurizi e Sara Tomani, i due candidati sindaco

27 Apr 2019
546 volte

A Visso saranno due le liste a contendersi il posto del senatore Giuliano Pazzaglini che, per impegni personali, ha scelto di non ricandidarsi. Alla guida di "Insieme per Visso" Gian Luigi Spiganti Maurizi, insieme ad Agostino Albani; Mirco Loretoni; Sara Rizzi; Giancarlo Carioli; Alice Liberti; Antonio Aureli; Alessia Rastelli; Gianfranco Pugnali; Filippo Sensi; Patrizia Serfaustini.

Sara Tomani è a capo dell'altro gruppo formato da Stefano Stefani; Pasqualino Falconetti; Vincenzo Sordi; Luca Testa; Mario Martini; Maurizio Ticani; Francesco Ferraro; Anna Cherubini; Barbara Cappa; Giulia Orsini

“Prima Treia”, per i treiesi “che vogliono riprendersi la città”. Vittorio Sampaolo sindaco

27 Apr 2019
344 volte

“Faremo di Treia un laboratorio urbano di civiltà”.

Parola di “PRIMA TREIA”, la lista civica frutto della convergenza sul progetto della Lega e dei movimenti Uniti per Treia e Treia per il cambiamento.

Ai treiesi che vogliono riprendersi la città, Prima Treia risponde con un progetto amministrativo di buon senso,frutto di un cambio di passo e della condivisione di obiettivi per dare priorità a tutti i cittadini, assicurando il confronto e l’apertura achiunque voglia il miglior futuro possibile per Treia ed i treiesi, soprattutto i giovani”.

Il candidato sindaco Vittorio Sampaolo, impiegatopadre di due ragazze adolescenti ed ex arbitro internazionale di volley ha consegnato stamattina quella che, da buon sportivo, chiama “la formazione” la cuidenominazione è già un programma.

Non volevamo dubbi sulla nostra intenzione di fare diTreia unlaboratorio urbano di civiltàcon la messa al bando di quelpersonalismo e quellalogica lobbistica che stanno pesantemente condizionando la vita amministrativa– continua Sampaolo – la nostraè una squadra di treiesi che unisconoesperienze, competenze e sensibilità differenti nella visione comune del futuro della città, prontiad impegnare cose sempre più preziose cometempo ed energie a servizio della comunità.

Composta da sei uomini e sei donne le cui professioni spaziano dall’impiegato allibero professionistadall’amministratore d’azienda all’assistente familiaredal giornalista all’ informaticoPrima Treia ha un’età media di 42 anni ed è frutto della convergenza sul progetto della Lega e dei movimenti Uniti per Treia e Treia per il cambiamento. Mentore d’eccellenza l’onorevole treiese Tullio Patassini.

L’azione di governo dimostra quotidianamente che la priorità è rispondere ai cittadini – chiosa Patassini – Da uomo del Governo e da treiesesposo totalmentequesto progetto di persone perbene che hanno notevoli capacità e voglia di fare e non sono dei signorsì che poi finiscono in balìa dell’uomo solo al comando.

Gli fa eco Sampaolo rispondendo a chi minimizza il valore dellasquadra per la presenza di tanti nomi nuovi alla politica. “Visto che siamo al secondo commissariamento in pochi anni,Treia è l’esempio di come esperienza amministrativa buon governo non sempre vanno di pari passo – spiega il candidato sindaco, lui stesso alla sua prima tornata elettorale – Il periodo storico è già troppo difficile per lasciare che Treia continui ad essere terra di conquista. Basta con programmi faraonici e roboanti che sono irrealizzabili e rischiano di condizionare negativamente ed in modo irreversibile il futuro della città. Cresiamo in una città a misura di cittadino e che non ci sono cittadini di serie A e di serie B”.

 

LA SQUADRA AL COMPLETO

Vittorio Sampaolo, impiegato

Romina Angelucci, restauratrice decoratrice

Elisabetta Antolini Broccoli, quadro direttivo bancario

Elisa Carbonari, amministratore di azienda

Edi Castellanilibero professionista

Luigi Compagnoni, informatico

Gianluca Gagliardini, impiegato

Cristiano Lambertucci, impiegato

Giovanna Matteucci, avvocato

Simone Merlini, impiegato

Andrea Mozzoni, giornalista

Giuliana Palanga, assistente familiare diplomata

Edoardo Pallotti, praticante avvocato

“La buona Amministrazione”, Luca Piergentili sindaco. la novità Ermanno Dell'Agnolo

27 Apr 2019
969 volte

Esperienza, continuità, servizio ed innovazione: queste le parole chiave della lista “La Buona Amministrazione – Luca Piergentili Sindaco”.

La lista rinnova il suo impegno per Sarnano. Dopo il difficilissimo quinquennio amministrativo 2014/2019, caratterizzato dal sisma, ma nel quale sono stati raggiunti importantissimi risultati positivi per Sarnano, si riparte senza soluzione di continuità con il candidato sindaco Luca Piergentili e con una lista che garantisce quattro ingredienti essenziali per il futuro di Sarnano: l'esperienza, la continuità, il servizio, l'innovazione.

 “La Buona Amministrazione - si legge nella nota - mette in campo candidati di grande e comprovata esperienza amministrativa, a cui si aggiungono quelli che per la prima volta si affacciano all'esperienza politica in una squadra affiatata e competente. Sarnano in questi anni è cresciuta, nonostante i colpi del sisma, ed è tornata ad essere un punto di riferimento dell'entroterra in ambito regionale e non solo.

È assolutamente indispensabile dare continuità a questa efficace azione, evitando pericolosissimi salti nel buio e proseguendo sulle progettualità già tracciate dalle precedenti amministrazioni Ceregioli”.

Amministrare un comune è sinonimo di dare un servizio alla sua popolazione.

Con questo spirito la lista si propone ai sarnanesi: la pubblica amministrazione deve essere al fianco dei cittadini, e questo è possibile solo se, con impegno, dedizione e trasparenza, si instaura un rapporto di fiducia tra amministratori ed amministrati.

“Abbiamo di fronte grandissime opportunità che per essere colte appieno necessitano di un approccio innovativo e non rivolto al passato. Risorse europee, risorse della ricostruzione post sisma, risorse del “Patto per la rinascita e sviluppo”, risorse proprie dell'ente: tante occasioni che necessitano di progettualità integrate e di una visione moderna e dinamica della realtà attuale e futura”. Da parte sua il canidato sindaco Luca Piergentili si dice orgoglioso di mettersi di nuovo a disposizione della città con una squadra “che rappresenta una giusta miscela di esperienza e di novità, tutti animati da un grandissimo entusiasmo e dalla volontà di mettersi a servizio della nostra comunità. In questa lista non esiste l' “io”, ma il “noi”: se i sarnanesi, come speriamo, ci daranno la loro fiducia, troveranno sempre degli interlocutori pronti ad ascoltarli e ad impegnarsi per il bene comune”.

A comporre il gruppo saranno:

La lista dei candidati è così composta:

      Luca Piergentili, candidato sindaco

      Alessio Bonifazi

      Stefano Censori (vicesindaco uscente)

      Franco Ceregioli (sindaco uscente)

      Paolo Maria Del Giudice (consigliere uscente)

      Ermanno Dell'Agnolo ( la novità ) sotto nella foto  

      Lucia Gentili

      Stefania Innamorati (assessore uscente)

      Leonardo Luciani (consigliere uscente)

      Marisa Papi (consigliere uscente)

      Floriana Pesci (assessore uscente)

      Antonio Porfiri

      Monia Rocchi  

Ermanno DellAgnolo

Tutti i candidati della lista sono sarnanesi, ad eccezione dell'arch. Ermanno Dell'Agnolo.

L'arch. Dell'Agnolo, friulano, è conosciutissimo a Sarnano in quanto è stato il tecnico che ha donato la progettazione della scuola materna realizzata a Sarnano dalla Regione Friuli Venezia Giulia, curandone poi anche la direzione dei lavori. Inoltre, è stato grazie alla collaborazione dell'arch. Dell'Agnolo che Sarnano – unico comune dell'entroterra – è riuscita ad essere ammessa al FAIC (Forum delle Città Adriatico Ioniche), organismo che rappresenta un importante attrattore di finanziamenti europei. L'arch. Dell'Agnolo si considera ormai quasi sarnanese di adozione ed ha già collaborato con l'amministrazione comunale per la redazione dello studio di fattibilità “Sarnano 5000”, rivolto alla valorizzazione ed alla riqualificazione del territorio comunale di Sarnano finalizzato al conseguimento di finanziamenti europei.

L'arch. Dell'Agnolo ha accettato di mettersi a disposizione della comunità sarnanese, mettendo la sua indiscussa esperienza a servizio dell'amministrazione: sarà il valore aggiunto de “La Buona Amministrazione” per cogliere al meglio le importantissime risorse offerte dalla vigente programmazione europea 2014-2020 e, soprattutto, dai prossimi programmi comunitari 2021-2027, le cui anticipazioni lasciano intravedere grandi opportunità per i nostro territorio, e Sarnano sarà pronto a coglierle.

 dI SEGUITO IL COMUNICATO COMPLETO

La lista “La Buona Amministrazione” rinnova il suo impegno per Sarnano. Dopo il difficilissimo quinquennio amministrativo 2014/2019, caratterizzato dal sisma, ma nel quale sono stati raggiunti importantissimi risultati positivi per Sarnano, si riparte senza soluzione di continuità con il candidato sindaco Luca Piergentili e con una lista che garantisce quattro ingredienti essenziali per il futuro di Sarnano: l'esperienza, la continuità, il servizio,l'innovazione.

L'esperienza.

La macchina amministrativa è estremamente complessa e la sua conoscenza è sicuramente un grande valore aggiunto: “La Buona Amministrazione” mette in campo candidati di grande e comprovata esperienza amministrativa, a cui si aggiungono quelli che per la prima volta si affacciano all'esperienza politica ed il cui apporto potrà essere immediatamente proficuo perché potranno giovarsi dell'appartenenza ad una squadra affiatata e competente.

La continuità.

Sarnano in questi anni è cresciuta, nonostante i colpi del sisma, ed è tornata ad essere un punto di riferimento dell'entroterra in ambito regionale e non solo. È assolutamente indispensabile dare continuità a questa efficace azione, evitando pericolosissimi salti nel buio e proseguendo sulle progettualità già tracciate dalle precedenti amministrazioni Ceregioli: interrompere questi percorsi virtuosi significherebbe far perdere importantissime opportunità alla nostra comunità e far perdere a Sarnano il ruolo di protagonista che ha faticosamente conquistato in questi anni.

Il servizio.

Amministrare un comune è sinonimo di dare un servizio alla sua popolazione. Con questo spirito la lista “La Buona Amministrazione” si propone ai sarnanesi: la pubblica amministrazione deve essere al fianco dei cittadini, e questo è possibile solo se, con impegno, dedizione e trasparenza, si instaura un rapporto di fiducia tra amministratori ed amministrati.

L'innovazione.

Abbiano di fronte grandissime opportunità che per essere colte appieno necessitano di un approccio innovativo e non rivolto al passato. Risorse europee, risorse della ricostruzione post sisma, risorse del “Patto per la rinascita e sviluppo”, risorse proprie dell'ente: tante occasioni che necessitano di progettualità integrate e di una visione moderna e dinamica della realtà attuale e futura.

Il candidato sindaco Luca Piergentili:

“Sono orgoglioso di mettere a disposizione l'esperienza maturata in questi ultimi cinque anni di amministrazione per il bene ed il futuro di Sarnano. Abbiamo costruito una squadra che rappresenta una giusta miscela di esperienza e di novità, tutti animati da un grandissimo entusiasmo e dalla volontà di mettersi a servizio della nostra comunità. In questa lista non esiste l' “io”, ma il “noi”: se i sarnanesi, come speriamo, ci daranno la loro fiducia, troveranno sempre degli interlocutori pronti ad ascoltarli e ad impegnarsi per il bene comune”.

Tutti i candidati della lista sono sarnanesi, ad eccezione dell'arch. Ermanno Dell'Agnolo.

L'arch. Dell'Agnolo, friulano, è conosciutissimo a Sarnano in quanto è stato il tecnico che ha donato la progettazione della scuola materna realizzata a Sarnano dalla Regione Friuli Venezia Giulia, curandone poi anche la direzione dei lavori. Inoltre, è stato grazie alla collaborazione dell'arch. Dell'Agnolo che Sarnano – unico comune dell'entroterra – è riuscita ad essere ammessa al FAIC (Forum delle Città Adriatico Ioniche), organismo che rappresenta un importante attrattore di finanziamenti europei. L'arch. Dell'Agnolo si considera ormai quasi sarnanese di adozione ed ha già collaborato con l'amministrazione comunale per la redazione dello studio di fattibilità “Sarnano 5000”, rivolto alla valorizzazione ed alla riqualificazione del territorio comunale di Sarnano finalizzato al conseguimento di finanziamenti europei.

L'arch. Dell'Agnolo ha accettato di mettersi a disposizione della comunità sarnanese, mettendo la sua indiscussa esperienza a servizio dell'amministrazione: sarà il valore aggiunto de “La Buona Amministrazione” per cogliere al meglio le importantissime risorse offerte dalla vigente programmazione europea 2014-2020 e, soprattutto, dai prossimi programmi comunitari 2021-2027, le cui anticipazioni lasciano intravedere grandi opportunità per i nostro territorio, e Sarnano sarà pronto a coglierle.

G.G. 

Paoloni e la sua squadra, il primo incontro alla biblioteca

27 Apr 2019
298 volte

Tante presenze, ieei sera, per la presentazione del la candidatura a sindaco di Roberto Paoloni e della sua squadra. "Abbiamo voluto evidenziare in modo particolare le cose fatte in questi cinque anni di amministrazione e dato un idea del futuro per il nostro paese - dice Paoloni - . La squadra si è presentata ed ha dato tutta la sua disponibilità a collaborare adesso e in futuro per il paese. Il mio ruolo nell'eventuale secondo mandato sarà quello di ripartire dal terremoto e dai lavori da fare ma ci sarà sicuramente anche l'obbiettivo di realizzare importanti progetti per Belforte: completare la sistemazione dell' edilizia scolastica, realizzare una sala polifunzionale, intraprendere un percorso per una casa di riposo a servizio del territorio, valorizzare lo sport e la zona del campo sportivo, realizzare un info point turistico nella zona dell'ex Mattatoio, rendere fruibile Belforte sul piano della lotta alle barriere architettoniche, valorizzare il territorio attraverso iniziative e tante proposte che abbiamo redatto nel programma che sarebbe difficile da elencare in un passaggio breve.

IMG 20190427 WA0024

 

Ci siamo dati molti obbiettivi ma tutti realizzabili poiché possibili sul piano dei probabili finanziamenti e competenze del comune. Abbiamo voluto ribadire il nostro impegno e soprattutto l'esperienza che abbiamo nell'amministrare, una qualità utile in un momento difficile e impegnativo come la fase della ricostruzione, ci vuole chi sa fare e lo ha dimostrato. Abbiamo ancora tanta voglia di dare per il nostro paese e lo faremo sempre con serietà, onesta e concretezza. La nostra campagna elettorale sarà quella annunciata andremo nei quartieri a spiegare cosa vogliamo fare e ad ascoltare le eventuali proposte e magari anche critiche, sempre per poterci migliorare. Ovviamente la lista belforte Insieme girerà per il paese che sarà la nostra sede elettorale, le piazze, i parchi e le case dei nostri cittadini saranno gli spazi per dialogare e ribadire chi siamo . La serata ci fa ben sperare - conclude-  vista la grande partecipazione e soprattutto il grado di attenzione avuto".

GS

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo