POLITEAMA banner beethoven 1022x200

Giallo di Montecassiano, arrestati la figlia e il nipote di Rosina

Venerdì, 12 Febbraio 2021 08:57 | Letto 350 volte   Clicca per ascolare il testo Giallo di Montecassiano, arrestati la figlia e il nipote di Rosina Svolta nelle indagini sullomicidio di Rosina Carsetti, la 78enne di Montecassiano morta nella sua villetta la sera della Vigilia di Natale.A conclusione di unarticolata attivita di indagine, diretta dalla Procura della Repubblica di Macerata, i carabinieri del comando provinciale hanno eseguito unordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del tribunale di Macerata nei confronti della figlia, Arianna Orazi e del nipote, Enea Simonetti.I reati posti a fondamento del provvedimento cautelare sono per entrambi quelli di concorso in omicidio volontario premeditato pluriaggravato dalla minorata difesa della vittima e la Orazi è accusata anche di aver diretto ed organizzato la cooperazione dei complici nonchè di maltrattamenti a danno di Rosina.Il giudice ha ritenuto coinvolto anche il marito della donna, Enrico Orazi: nei cui confronti ha ritenuto insussistenti motivi attuali, idonei a giustificare ladozione di misure cautelari personali.Ai tre, il procuratore della Repubblica, Giovanni Giorgio ed il sostituto procuratore Vincenzo Carusi, hanno contestato ulteriori reati, tra cui quello di concorso in simulazione della rapina che avevano denunciato.Il reato in questione, valutato dal Gip come provato a livello gravemente indiziario, è stato ritenuto aggravato dalla finalità di conseguire limpunità rispetto allomicidio.GS
Svolta nelle indagini sull'omicidio di Rosina Carsetti, la 78enne di Montecassiano morta nella sua villetta la sera della Vigilia di Natale.
A conclusione di un'articolata attivita' di indagine, diretta dalla Procura della Repubblica di Macerata, i carabinieri del comando provinciale hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del tribunale di Macerata nei confronti della figlia, Arianna Orazi e del nipote, Enea Simonetti.

I reati posti a fondamento del provvedimento cautelare sono per entrambi quelli di concorso in omicidio volontario premeditato pluriaggravato dalla minorata difesa della vittima e la Orazi è accusata anche di aver diretto ed organizzato la cooperazione dei complici nonchè di maltrattamenti a danno di Rosina.


Il giudice ha ritenuto coinvolto anche il marito della donna, Enrico Orazi: nei cui confronti ha ritenuto insussistenti motivi attuali, idonei a giustificare l'adozione di misure cautelari personali.
Ai tre, il procuratore della Repubblica, Giovanni Giorgio ed il sostituto procuratore Vincenzo Carusi, hanno contestato ulteriori reati, tra cui quello di concorso in simulazione della rapina che avevano denunciato.
Il reato in questione, valutato dal Gip come provato a livello gravemente indiziario, è stato ritenuto aggravato dalla finalità di conseguire l'impunità rispetto all'omicidio.

GS

Letto 350 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo