Legnini: "Proroga del 110 per cento, priorità assoluta per le aree del sisma"

Martedì, 26 Ottobre 2021 14:04 | Letto 301 volte   Clicca per ascolare il testo Legnini: "Proroga del 110 per cento, priorità assoluta per le aree del sisma" La proroga del 110 per cento è una priorità. Lo è in generale, ma per le aree colpite dal sisma è una priorità assoluta. Lo ha detto il Commissario straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini intervenuto questa mattina a Camerino al convegno nazionale Il sisma  2016 del Centro Italia, cinque anni dopo, organizzato dalle Anci regionali di Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria in collaborazione con lAnci nazionale. Pochi mesi fa siamo riusciti a mettere a regime il 110 per cento con la Ricostruzione,- ha affermato Legnini- adesso lidea che questo strumento venga meno in pochi altri mesi, non è sostenibile. Quindi occorre rifinanziare il 110 per cento, prorogarne la durata e fare in modo che per le ricostruzioni del Centro Italia e degli altri centri colpiti dal sisma, il periodo di bonus 110 per cento si superiore a quello degli altri territori. È questa infatti loccasione per mettere in sicurezza il patrimonio edilizio. Nel mentre noi ricostruiamo dobbiamo fare prevenzione; dobbiamo far sì che gli edifici che stiamo ricostruendo siano più sicuri e più sostenibili. Questo deve essere il nostro obiettivo e quello strumento formidabile del 110 per cento aiuta a fare questo. Occasione di confronto tra gli attori istituzionali e i soggetti del territorio sulla ripresa e la ripartenza dei Comuni colpiti dal sisma, lincontro ha riunito in sala tanti sindaci, alcuni dei quali hanno portato la loro testimonianza diretta, tracciando delle loro esperienze dallemergenza alla prima ricostruzione e soffermandosi sulle criticità nuove che richiedono soluzione. Tra questi i primi cittadini di Norcia Nicola Alemanno, di Amatrice Giorgio Cortellesi, di Visso Gian Luigi Spiganti Maurizi e di Colledara Manuele Tiberi. Nel fare un quadro dei dati in evidenza a 5 anni di distanza, il Commissario Legnini ha poi rilevato che con le risorse stanziate che ci sono, sulla ricostruzione privata possiamo andare avanti fino alla prossima primavera dopodichè occorrerà il rifinanziamento della ricostruzione privata. Avanzamenti importanti riguardano anche la ricostruzione pubblica, anche se non con la stessa velocità di quella privata.  Le prenotazioni di contributo che hanno avuto un successo notevole e i cui termini sono stati riaperti fino al 15 dicembre - ha spiegato -  ci dicono infatti  che per ricostruire il patrimonio edilizio abitativo privato del Centro Italia nelle 4 Regioni occorrono circa 20 miliardi di euro. Come noto le risorse stanziate sono di 6 miliardi per cui occorre il rifinanziamento della ricostruzione privata. Lo stato generale della ricostruzione, i cui dati verranno aggiornati nel corso della prossima ricorrenza del 30 ottobre, si registra una fortissima crescita nel primo semestre, una minore crescita in questo trimestre e si comincia ad avvertire il problema della saturazione del mercato edilizio, della scarsità di manodopera e dei materiali e tutto questo, costituisce oggi la diìfficoltà  principale della ricostruzione. Una questione che dunque richiede in via generale che la ricostruzione sia affidabile e attrattiva dal punto di vista della continuità e della capacità di sviluppo. Ripeto oggi, quanto già dissi lo scorso 24 agosto alle imprese e ai progettisti: fidatevi di questo processo della ricostruzione, cerchiamo e cercate di darvi continuità perchè è un processo che adesso si è avviato e non possiamo arrestarlo. I lavori sono stati introdotti dalla presidente di Anci Marche e sindaca di Ancona Valeria Mancinelli, sottolineando che  il ruolo dei Comuni e dellAnci è stato finora fondamentale e continuerà ad esserlo con lobiettivo di ottimizzare le ingenti risorse economiche destinate alla ricostruzione. Ricostruzione che, rispetto agli anni passati  oggi registra un dato di novità - ha dichiarato-. Gli ultimi 18 mesi ci dimostrano infatti che la ricostruzione è partita in modo robusto con cantieri aperti, con contributi erogati e con lavori iniziati. Ora questa ripartenza deve essere consolidata - ha aggiunto -. Prima infatti si sono messe a posto le norme e le procedure pper la ricostruzione, e, qui cè stato un lavoro davvero grandioso fatto dal Commissario Legnini e dalla struttura commissariale  al quale va tutto il nostro ringraziamento e apprezzamento. Ora le risorse ci sono, le norme e le procedure nel loro insieme sono state adeguate. Adesso il problema è che cè un eccesso di risorse sul campo e si fa fatica a trovare progettisti e imprese per mandare avanti i lavori. Dunque è chiaro che qualche ulteriore provvedimento dovrà essere preso per evitare leffetto congestione. Legate a dinamiche di mercato, le maggiori criticità dellultimo periodo, evidenziata dallo stesso Commissario Legnini: Il problema che abbiamo di fronte è che, con il 110 per cento e  con la scarsità dei materiali, si rischia un rallentamento e questo non ce lo possiamo permettere. Lincontro ha rappresentato loccasione per fare un punto con i sindaci e per il Capo Dipartimento per la protezione Civile Fabrizio Curcio anche un bilancio sulla prima parte della gestione emergenziale per capire le cose che sono andate bene e quello che possiamo fare meglio sotto il profilo della prevenzione - ha detto-; poi cè tutto il tema della ricostruzione: le attività che sta facendo il Commissario e quello che è stato definito, secondo me in maniera importante, come il cambio di passo della ricostruzione in una omogeneizzazione delle norme e delle procedure che tengono finalmente conto delle necessità di semplificare ma anche della diversità del territorio. Questo terremoto infatti e, soprattutto nelle Marche, ha investito delle realtà locali molto diverse tra di loro, qundi la necessità di trovare risposte alleesigenze diverse del territorio.     Limportanza della filiera istituzionale per la ripresa dei territori è stata approfondita nella prima sessione dellevento,  mettendo a confronto le esperienze e i contrìibuti dei presidenti e rappresentanti delle 4 regioni e i rispettivi vertici Anci.  La ricostruzione è una forza della filiera istituzionale - ha commentato il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli - ma la sfida è anche saper affrontare le questioni e le problematiche che sono ancora irrisolte. Si tratta di questioni che attengono a punti nevralgici come il superbonus 110 % e la proroga per larea del cratere sismico, così come la gestione delle macerie e il caro prezzi delle materie prime. Questioni e problematiche che rendono dunque la ricostruzione poco praticabile nella realtà. Dopo un primo impulso dato con lordinanza 100 e con tutte le altre i che hanno contribuito  a dare un riassetto burocratico -ha sottolineato Acquaroli-  oggi cè da dare unultima spinta per portare la ricostruzione materiale nel cratere, così da essere da traino e da speranza anche per i tantissimi che ancora non si sono adoperati per fare domanda per la ricostruzione e attivare le procedure necessarie. Toccante il video reportage realizzato dallAnci, raccogliendo voci e testimonianze dirette sulle realtà locali delle 4 regioni colpite dal sisma. Un esempio damore e dattaccamento straordinario al territorio la testimonianza portata in sala da Federico Maccari dirigente dellimpresa Entroterra Spa - La Pasta di Camerino. Durante levento lassociazione dei Comuni  Anci ha presentato le proprie richieste al Governo: creare subito un tavolo di lavoro congiunto tra Anci, la struttura commissariale ed il Dipartimento Casa Italia presso la Presidenza del Consiglio dei ministri per individuare infrastrutture strategiche e investimenti necessari per le aree del sisma 2016, e sfruttare al meglio tutte le risorse legate al Pnrr.Prorogare, almeno fino al 31 dicembre 2024, la durata dello stato di emergenza e della gestione commissariale, così da consentire la programmazione dei complessi, e ancora numerosi interventi da realizzare sui territori.AllEsecutivo, Anci chiede limpegno per dare continuità alla ricostruzione pubblica e privata nei Comuni colpiti dal sisma 2016
"La proroga del 110 per cento è una priorità. Lo è in generale, ma per le aree colpite dal sisma è una priorità assoluta". Lo ha detto il Commissario straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini intervenuto questa mattina a Camerino al convegno nazionale "Il sisma  2016 del Centro Italia, cinque anni dopo", organizzato dalle Anci regionali di Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria in collaborazione con l'Anci nazionale.
"Pochi mesi fa siamo riusciti a mettere a regime il 110 per cento con la Ricostruzione,- ha affermato Legnini- adesso l'idea che questo strumento venga meno in pochi altri mesi, non è sostenibile. Quindi occorre rifinanziare il 110 per cento, prorogarne la durata e fare in modo che per le ricostruzioni del Centro Italia e degli altri centri colpiti dal sisma, il periodo di bonus 110 per cento si superiore a quello degli altri territori. È questa infatti l'occasione per mettere in sicurezza il patrimonio edilizio. Nel mentre noi ricostruiamo dobbiamo fare prevenzione; dobbiamo far sì che gli edifici che stiamo ricostruendo siano più sicuri e più sostenibili. Questo deve essere il nostro obiettivo e quello strumento formidabile del 110 per cento aiuta a fare questo".
IMG 20211026 120641
Occasione di confronto tra gli attori istituzionali e i soggetti del territorio sulla ripresa e la ripartenza dei Comuni colpiti dal sisma, l'incontro ha riunito in sala tanti sindaci, alcuni dei quali hanno portato la loro testimonianza diretta, tracciando delle loro esperienze dall'emergenza alla prima ricostruzione e soffermandosi sulle criticità nuove che richiedono soluzione. Tra questi i primi cittadini di Norcia Nicola Alemanno, di Amatrice Giorgio Cortellesi, di Visso Gian Luigi Spiganti Maurizi e di Colledara Manuele Tiberi.

Nel fare un quadro dei dati in evidenza a 5 anni di distanza, il Commissario Legnini ha poi rilevato che "con le risorse stanziate che ci sono, sulla ricostruzione privata possiamo andare avanti fino alla prossima primavera dopodichè occorrerà il rifinanziamento della ricostruzione privata. Avanzamenti importanti riguardano anche la ricostruzione pubblica, anche se non con la stessa velocità di quella privata. 
Le prenotazioni di contributo che hanno avuto un successo notevole e i cui termini sono stati riaperti fino al 15 dicembre - ha spiegato -  ci dicono infatti  che per ricostruire il patrimonio edilizio abitativo privato del Centro Italia nelle 4 Regioni occorrono circa 20 miliardi di euro. Come noto le risorse stanziate sono di 6 miliardi per cui occorre il rifinanziamento della ricostruzione privata. Lo stato generale della ricostruzione, i cui dati verranno aggiornati nel corso della prossima ricorrenza del 30 ottobre, si registra una fortissima crescita nel primo semestre, una minore crescita in questo trimestre e si comincia ad avvertire il problema della saturazione del mercato edilizio, della scarsità di manodopera e dei materiali e tutto questo, costituisce oggi la diìfficoltà  principale della ricostruzione. Una questione che dunque richiede in via generale che la ricostruzione sia affidabile e attrattiva dal punto di vista della continuità e della capacità di sviluppo. Ripeto oggi, quanto già dissi lo scorso 24 agosto alle imprese e ai progettisti: fidatevi di questo processo della ricostruzione, cerchiamo e cercate di darvi continuità perchè è un processo che adesso si è avviato e non possiamo arrestarlo". I lavori sono stati introdotti dalla presidente di Anci Marche e sindaca di Ancona Valeria Mancinelli, sottolineando che  il ruolo dei Comuni e dell'Anci è stato finora fondamentale e continuerà ad esserlo con l'obiettivo di ottimizzare le ingenti risorse economiche destinate alla ricostruzione. "Ricostruzione che, rispetto agli anni passati  oggi registra un dato di novità - ha dichiarato-. Gli ultimi 18 mesi ci dimostrano infatti che la ricostruzione è partita in modo robusto con cantieri aperti, con contributi erogati e con lavori iniziati. Ora questa ripartenza deve essere consolidata - ha aggiunto -. Prima infatti si sono messe a posto le norme e le procedure pper la ricostruzione, e, qui c'è stato un lavoro davvero grandioso fatto dal Commissario Legnini e dalla struttura commissariale  al quale va tutto il nostro ringraziamento e apprezzamento. Ora le risorse ci sono, le norme e le procedure nel loro insieme sono state adeguate. Adesso il problema è che c'è un eccesso di risorse sul campo e si fa fatica a trovare progettisti e imprese per mandare avanti i lavori. Dunque è chiaro che qualche ulteriore provvedimento dovrà essere preso per evitare l'effetto congestione".
Legate a dinamiche di mercato, le maggiori criticità dell'ultimo periodo, evidenziata dallo stesso Commissario Legnini: "Il problema che abbiamo di fronte è che, con il 110 per cento e  con la scarsità dei materiali, si rischia un rallentamento e questo non ce lo possiamo permettere".
IMG 20211026 112313
L'incontro ha rappresentato l'occasione per fare un punto con i sindaci e per il Capo Dipartimento per la protezione Civile Fabrizio Curcio anche un bilancio sulla prima parte della gestione emergenziale "per capire le cose che sono andate bene e quello che possiamo fare meglio sotto il profilo della prevenzione - ha detto-; poi c'è tutto il tema della ricostruzione: le attività che sta facendo il Commissario e quello che è stato definito, secondo me in maniera importante, come il cambio di passo della ricostruzione in una omogeneizzazione delle norme e delle procedure che tengono finalmente conto delle necessità di semplificare ma anche della diversità del territorio. Questo terremoto infatti e, soprattutto nelle Marche, ha investito delle realtà locali molto diverse tra di loro, qundi la necessità di trovare risposte alleesigenze diverse del territorio".     

L'importanza della filiera istituzionale per la ripresa dei territori è stata approfondita nella prima sessione dell'evento,  mettendo a confronto le esperienze e i contrìibuti dei presidenti e rappresentanti delle 4 regioni e i rispettivi vertici Anci. 
"La ricostruzione è una forza della filiera istituzionale - ha commentato il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli - ma la sfida è anche saper affrontare le questioni e le problematiche che sono ancora irrisolte. Si tratta di questioni che attengono a punti nevralgici come il superbonus 110 % e la proroga per l'area del cratere sismico, così come la gestione delle macerie e il caro prezzi delle materie prime. Questioni e problematiche che rendono dunque la ricostruzione poco praticabile nella realtà. Dopo un primo impulso dato con l'ordinanza 100 e con tutte le altre i che hanno contribuito  a dare un riassetto burocratico -ha sottolineato Acquaroli-  oggi c'è da dare un'ultima spinta per portare la ricostruzione materiale nel cratere, così da essere da traino e da speranza anche per i tantissimi che ancora non si sono adoperati per fare domanda per la ricostruzione e attivare le procedure necessarie".
Toccante il video reportage realizzato dall'Anci, raccogliendo voci e testimonianze dirette sulle realtà locali delle 4 regioni colpite dal sisma. Un esempio d'amore e d'attaccamento straordinario al territorio la testimonianza portata in sala da Federico Maccari dirigente dell'impresa Entroterra Spa - La Pasta di Camerino
Durante l'evento l'associazione dei Comuni  Anci ha presentato le proprie richieste al Governo: creare subito un tavolo di lavoro congiunto tra Anci, la struttura commissariale ed il Dipartimento 'Casa Italia' presso la Presidenza del Consiglio dei ministri per individuare infrastrutture strategiche e investimenti necessari per le aree del sisma 2016, e sfruttare al meglio tutte le risorse legate al Pnrr.
Prorogare, almeno fino al 31 dicembre 2024, la durata dello stato di emergenza e della gestione commissariale, così da consentire la programmazione dei complessi, e ancora numerosi interventi da realizzare sui territori.
All'Esecutivo, Anci chiede l'impegno per dare continuità alla ricostruzione pubblica e privata nei Comuni colpiti dal sisma 2016


Letto 301 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo