5 stelle: "Pezzanesi dice che non collaboriamo, poi nessuna chiamata per il forno crematorio"

Martedì, 03 Marzo 2020 12:41 | Letto 485 volte   Clicca per ascolare il testo 5 stelle: "Pezzanesi dice che non collaboriamo, poi nessuna chiamata per il forno crematorio" Per Pezzanesi la colpa è sempre di qualcun altro. Così i consiglieri pentastellati, Mercorelli e Cicconetti intervengono sulle risposte del primo cittadino allinterrogazione che chideva dei ritardi nella consegna degli appartamenti in sostituzione delle SAE.Tra una divagazione e l’altra del sindaco - scrivono - , l’unica cosa che è stata chiara è che si sono accumulati ritardi su ritardi: per alcune delle palazzine bisognerà attendere la primavera del 2021, sempre che non ci siano intoppi durante i lavori. E queste dovrebbero essere sistemazioni di emergenza! Ma per Pezzanesi la colpa è sempre di qualcun altro: a turno dell’ERAP, dell’ANAC, della burocrazia in genere. Mai di chi ha scelto una strada diversa da tutti gli altri costringendo Commissari Straordinari, ministeri e Protezione Civile a trovarsi di fronte a continue richieste particolari provenienti dal Comune di Tolentino e a predisporre strumenti normativi adeguati. Eppure era proprio Pezzanesi a vantarsi che grazie alla collaborazione con ERAP avrebbe potuto abbattere i tempi di realizzazione degli appartamenti quando il Ministero Economie e Finanze chiedeva, per concedere i finanziamenti, rassicurazioni sul fatto che la realizzazione di “vere case” non avrebbe richiesto più tempo di quello necessario per le “casette”. Ed era sempre Pezzanesi a promettere che tutto sarebbe stato pronto per l’agosto 2019 vantandosi in una lettera alla Protezione Civile che “i tempi totali per la consegna delle SAE sarebbero di 20 mesi rispetto ai 18 mesi previsti per gli alloggi”. Pezzanesi - aggiungono - non perde occasione per ricordarci che sappiamo solo fare le pulci al suo operato senza contribuire. Però dimentica che quando abbiamo portato a Tolentino Vittorio Crimi, sottosegretario del M5S con delega al terremoto, per incontrare i sindaci del cratere, l’unico sindaco a non aver nulla da dire, a non avere un’istanza da presentare, a non avere alcuna richiesta da fare è stato proprio lui! Se veramente avesse avuto a cuore il destino dei suoi concittadini avrebbe sbattuto i pugni sul tavolo e avrebbe preteso soluzioni, cosa che naturalmente non ha potuto fare dato che ha disertato il tavolo di confronto nel classico stile Pezzanesi. Del resto - concludono - è di questi giorni la notizia che il Sindaco avrebbe incontrato il PD per parlare del progetto per realizzare il forno crematorio in città. La lettera per invitare noi si deve essere persa, perché nulla ci è arrivato. La collaborazione, se la si vuole, si chiede con i fatti, non a chiacchiere. GS
"Per Pezzanesi la colpa è sempre di qualcun altro". Così i consiglieri pentastellati, Mercorelli e Cicconetti intervengono sulle risposte del primo cittadino all'interrogazione che chideva dei ritardi nella consegna degli appartamenti in sostituzione delle SAE.
"Tra una divagazione e l’altra del sindaco - scrivono - , l’unica cosa che è stata chiara è che si sono accumulati ritardi su ritardi: per alcune delle palazzine bisognerà attendere la primavera del 2021, sempre che non ci siano intoppi durante i lavori. E queste dovrebbero essere sistemazioni di emergenza! Ma per Pezzanesi la colpa è sempre di qualcun altro: a turno dell’ERAP, dell’ANAC, della burocrazia in genere. Mai di chi ha scelto una strada diversa da tutti gli altri costringendo Commissari Straordinari, ministeri e Protezione Civile a trovarsi di fronte a continue richieste particolari provenienti dal Comune di Tolentino e a predisporre strumenti normativi adeguati. Eppure era proprio Pezzanesi a vantarsi che grazie alla collaborazione con ERAP avrebbe potuto abbattere i tempi di realizzazione degli appartamenti quando il Ministero Economie e Finanze chiedeva, per concedere i finanziamenti, rassicurazioni sul fatto che la realizzazione di “vere case” non avrebbe richiesto più tempo di quello necessario per le “casette”. Ed era sempre Pezzanesi a promettere che tutto sarebbe stato pronto per l’agosto 2019 vantandosi in una lettera alla Protezione Civile che “i tempi totali per la consegna delle SAE sarebbero di 20 mesi rispetto ai 18 mesi previsti per gli alloggi”. Pezzanesi - aggiungono - non perde occasione per ricordarci che sappiamo solo fare le pulci al suo operato senza contribuire. Però dimentica che quando abbiamo portato a Tolentino Vittorio Crimi, sottosegretario del M5S con delega al terremoto, per incontrare i sindaci del cratere, l’unico sindaco a non aver nulla da dire, a non avere un’istanza da presentare, a non avere alcuna richiesta da fare è stato proprio lui! Se veramente avesse avuto a cuore il destino dei suoi concittadini avrebbe sbattuto i pugni sul tavolo e avrebbe preteso soluzioni, cosa che naturalmente non ha potuto fare dato che ha disertato il tavolo di confronto nel classico stile Pezzanesi. Del resto - concludono - è di questi giorni la notizia che il Sindaco avrebbe incontrato il PD per parlare del progetto per realizzare il forno crematorio in città. La lettera per invitare noi si deve essere persa, perché nulla ci è arrivato. La collaborazione, se la si vuole, si chiede con i fatti, non a chiacchiere".

GS

Letto 485 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo