PIEDINO Appenn a casa 2021
Alta Scuola di Formazione sul sito di Lanciano. Un progetto dal valore complessivo di 16 milioni di euro sul quale, però, c’è poca chiarezza.

A sostenerlo il gruppo consiliare di minoranza “Castelraimondo Insieme” che al riguardo ha presentato un’interrogazione in consiglio comunale con 13 quesiti specifici su tale iniziativa.

“Purtroppo alle tante domande non è arrivata nessuna risposta – dichiara il capogruppo Costantino Mariani - Per esplicita ammissione del sindaco ci sono ancora poche informazioni e i chiarimenti si sono limitati all’oggetto dell’intervento: una scuola di alta formazione per figure nel mondo dell’hotellerie, del turismo, dei prodotti dedicati alla persona e di quelli derivati dalle piante officinali. Non una parola è emersa riguardo alla durata e frequenza dei corsi, ai destinatari, al loro numero, ai finanziamenti, alla progettazione didattica, alle docenze, alla natura dei titoli rilasciati, al fatto se, nel futuro, da questo investimento deriveranno oneri correnti per il comune e alle altre questioni poste”.

Non soddisfatta, dunque, l’opposizione che manifesta perplessità e preoccupazione per una “progettualità evanescente a fronte di una dimensione economica così importante”.

“Come gruppo di minoranza – conclude Mariani – offriremo il nostro supporto costruttivo, purchè ci sia chiarezza reciproca a cominciare dal massimo della trasparenza sulla questione”.
A Castelraimondo, la minoranza della lista "Castelraimondo insieme", rinuncia alle indennità di presenza in consiglio comunale per sostenere  le attività della scuola primaria e secondaria che fanno parte dell'Istituto Comprensivo Nazareno Strampelli. Con una lettera, Costantino Mariani, Claudio Cavallaro, Elena Mancinelli e Giuliano Lori,hanno ufficialmente reso nota la loro volontà di compiere questo gesto solidale.
"Si tratta in realtà di un gesto poco più che simbolico - afferma Costantino Mariani, capogruppo di "Castelraimondo insieme" - Non parliamo di cifere altissime, ma quanto avremmo dovuto percepire come consiglieri comunali per le riunioni di Consiglio abbiamo deciso di devolvere al Plesso scolastico del comune di Castelraimondo. Un gesto che d'altra parte era già stato fatto dal gruppo di minoranza nella passata amministrazione". 
A motivare il gesto dei consiglieri di minoranza, lo spirito di servizio verso la comunità e, guardando al futuro, verso i più piccoli. Per unanime scelta dei consiglieri le rispettive indennità di seduta saranno pertanto devolute per le attività dell'Istituto comprensivo Strampelli.
"Abbiamo rimesso alla discrezionalità del preside che sicuramente saprà farne l'utilizzo migliore. Per quel che ci riguarda - continua Mariani-  ci premeva soltanto fare quel piccolo gesto che abbiamo compiuto a beneficio di un'istituzione che è fondamentale per la comunità. Un gesto che guarda sicuramente al futuro ma un po' anche al passato. È quella una scuola che tutti abbiamo frequentato; scuola elementare e media , in unn piccolo paese sono unelelmento di continuità fondamentale, quindi, ci è sembrata la migliore destinazione anche per questo motivo". 

c.c.
Ripartono i lavori di riqualificazione urbana di Corso Italia e Viale Europa a Castelraimondo. Gli interventi, iniziati nello scorso mese di novembre, erano stati sospesi a dicembre in occasione delle festività natalizie. Tanto si era discusso, tra maggioranza e opposizione, proprio su questo progetto. La nascita di un parcheggio, che sembrava essere destinato a sorgere al posto del campetto vicino alle scuole medie, aveva indispettito la minoranza. Un «grave errore rimpiazzare una struttura per i giovani con un parcheggio», il commento del capogruppo Costantino Mariani. Il sindaco Patrizio Leonelli aveva precisato che «nessuno avrebbe privato il paese di quella struttura», risolvendo la questione che aveva infiammato la campagna elettorale. Come da programma di mandato, la maggioranza ha quindi avviato i lavori, procedendo fino a pochi giorni prima del Natale. Ora la riapertura dei cantieri che, stando alle parole del primo cittadino, «non si fermeranno fino alla fine delle opere, prevista per la prossima estate».

Tra i primi progetti partiti dopo l’insediamento della nuova giunta, la riqualificazione delle principali vie di Castelraimondo avrà bisogno ancora di qualche mese. Uno stop ai lavori, quello deciso dall’amministrazione, nato per appoggiare i commercianti del centro cittadino in occasione delle feste natalizie. «I cantieri avrebbero potuto ostacolare il traffico e disincentivare gli affari – ha commentato il sindaco Leonelli –, quindi abbiamo preferito fermarci. Non solo: tra ferie e giorni di festa, gli stessi lavoratori sarebbero stati in numero ridotto. Non è comunque una sospensione che pregiudica il calendario dei lavori: per fine maggio dovremmo chiudere la questione».

l.c.
"Il campetto in viale Europa non si tocca". Secca la replica del sindaco di Castelraimondo Patrizio Leonelli alla critica della minoranza consiliare secondo la quale dal rendering esposto con le informazioni relative al progetto risulterebbe la cancellazione della struttura per la pratica dello sport all’aperto.

Dopo che il problema è stata discusso nella riunione di Giunta il primo cittadino assicura che "il campetto resta e i lavori continueranno regolarmente. L'unica cosa che cambieremo sarà il verso dei parcheggi. Questo ci permetterà di recuperare circa 3 metri - prosegue Leonelli, che chiarisce anche l'equivoco generato dal rendering - Il progetto che è stato esposto nel cantiere è quello dello scorso mese di giugno, quando l'amministrazione era retta dl Commissario Prefettizio. Come tutti i progetti, anche questo può essere discusso e cambiato, cosa che abbiamo già deciso di fare. Per quanto riguarda i lavori gli stessi andranno avanti a stralci per evitare che le attività commerciali siano penalizzate dagli stessi. Ribadisco, dunque, che il campetto rimarrà dove è sempre stato, così come è stato assicurato anche in campagna elettorale. Personalmente non sono solito rimangiarmi le promesse fatte".

f.u.

A Castelraimondo sono iniziati i lavori di riqualificazione relativi a Corso Italia e viale Europa, le due arterie principali del paese. Con l’occasione è tornata d’attualità una questione sorta in campagna elettorale e che aveva visto la cittadinanza divisa riguardo al destino delle attrezzature sportive a servizio della scuola media, che nel progetto attuale scompaiono per lasciare spazio ad un parcheggio.

Al tempo la lista risultata poi sconfitta alle elezioni denunciò questa previsione come un errore e l’attuale sindaco Leonelli rispose producendo un elaborato grafico in cui si mostrava che il campo da basket/pallavolo non scompariva ma rimaneva al suo posto.

Ora, all’avvio dei lavori, il rendering esposto con le informazioni relative al progetto, conferma la correttezza dell’informazione al tempo fornita da quella che oggi è la minoranza consiliare e quindi la cancellazione, salvo interventi successivi, della struttura per la pratica dello sport all’aperto.

immagini campo scuola a confronto


“Fa piacere che alla fine la verità obiettiva sia emersa e abbia confermato che era corretta l’informazione da noi fornita e fasulla quella della nostra controparte – il commento del capogruppo di minoranza Costantino Mariani - Dispiace invece che sia quello il progetto e che si scambi una preziosa struttura a servizio della scuola e dei giovani, con sedici parcheggi che non sono necessari, essendo disponibili nei dintorni decine di opportunità per la sosta: basta fare meno di cento metri a piedi. Lo scambio struttura sportiva contro parcheggio è un errore grave di cui tutti porteremmo la colpa, come lo sarebbe ogni eventuale riduzione e “rifilatura” dei giardini pubblici a favore di posti macchina – conclude Mariani - Chiedo alla maggioranza di sedersi ad un tavolo per trovare una soluzione sensata a questa vera e propria sciocchezza che penalizza la scuola, i ragazzi e il paese tutto. La minoranza è a disposizione per fornire il proprio contributo costruttivo di idee e proposte, speriamo ci siano le condizioni da parte della maggioranza per accoglierle.”
Ultimi sgoccioli di campagna elettorale in vista del voto di domenica e lunedì prossimi per eleggere il nuovo sindaco di Castelraimondo, con i due candidati, Costantino Mariani e Patrizio Leonelli, che come ultimo atto incontrano la cittadinanza, in Piazza Dante Mariani e in Piazza della Repubblica Leonelli.

Prima di questo appuntamento conclusivo il candidato Leonelli, con a fianco il senatore della Lega Giuliano Pazzaglini, l’onorevole leghista Tullio Patassini, l’onorevole di Fratelli d’Italia Lucia Albano, il vice presidente del consiglio regionale Gianluca Pasqui, che hanno deciso di partecipare a supporto della lista “Castelraimondo il futuro” all’incontro che si è tenuto sotto il Cassero.

leonelli pasqui

Emozione e allo stesso tempo massima lucidità nelle parole del candidato sindaco che ancora una volta non ha parlato tanto di sé, ma soprattutto della sua squadra e del programma: «Sono orgoglioso del mio team – commenta Leonelli – un gruppo unito composto da persone con esperienze amministrative e che conoscono eventuali problematiche comunali e allo stesso tempo le relative soluzioni, insieme ad altre persone giovani e piene di entusiasmo e competenze. Il nostro programma è vasto e si fonda su pilastri come il lavoro, il turismo, i tanti lavori pubblici, i giovani, le persone fragili e l’associazionismo». Dopo aver snocciolato nel dettaglio le tante cose da fare, Leonelli ha parlato anche dei suoi avversari: «Io, mi conoscete, sono la persona più disponibile di questo mondo, ma a tutto c’è un limite – sospira il candidato sindaco - In queste settimane i nostri avversari hanno creato polemiche su polemiche. Hanno dichiarato che sono scesi in campo perché c’era il rischio che si fosse presentata una sola lista. Anche io sono sceso in campo, ma perché amo il mio paese e i suoi abitanti. Al mio avversario non importa nulla di tutto ciò. Quando abbiamo affermato che nella loro lista mancavano esperienze e competenza ci hanno risposto che per queste cose ci sono i tecnici degli uffici comunali. Allo stesso tempo però sul loro programma dicono che per cogliere le opportunità provenienti dall’Unione Europea servono competenze specifiche e focalizzazioni personali che il nostro Comune al momento non sembra avere. A nome dei dipendenti comunali, ringrazio per la considerazione. Loro non hanno mai parlato di quello che vorrebbero fare, hanno solo parlato male di quello che abbiamo fatto noi».

comizio

f.u.
L’ultimo appuntamento del tour CNA dedicato agli incontri con i candidati sindaci ha fatto tappa a Castelraimondo, dove il presidente dell’associazione maceratese Maurizio Tritarelli ha posto ad entrambi i candidati alla fascia tricolore di primo cittadino i temi prioritari della ricostruzione post-sisma e quello delle risorse in arrivo da Bruxelles: “Castelraimondo, come altri comuni dell’entroterra, ha un basso tasso di imprenditorialità con circa una impresa ogni 11 abitanti. Crediamo quindi sia opportuno da parte della prossima amministrazione comunale mettere in campo sostegni e agevolazioni a chi vorrà creare impresa. Le risorse – prosegue Tritarelli – per la post-ricostruzione e quelle previste nel PNRR, ci sono e ci saranno”.

Un progetto di lungo periodo quello proposto dal presidente Tritarelli che però va pianificato fin da subito: “Occorre far sedere attorno allo stesso tavolo tutti i soggetti coinvolti, a qualsiasi livello ed in rappresentanza di tutte le parti in causa. È fondamentale ascoltare i diversi fabbisogni, le aspettative e le proposte e quindi coinvolgere i migliori professionisti per tradurre tutte le informazioni in progetti concreti ed efficaci”.

Il metodo partecipativo proposto da CNA per la gestione dei fondi europei è stato accolto favorevolmente dai due candidati.

Patrizio Leonelli ha precisato innanzitutto come già alcune risorse siano in arrivo grazie a progetti presentati dall’ultima amministrazione in carica a Castelraimondo. Leonelli ha quindi sottolineato che saranno realizzate diverse opere, tra cui una scuola di alto livello per la formazione professionale, la sistemazione del palazzo comunale da destinare ad altre attività, l’ammodernamento del cavalcavia al centro della città e la nuova sede del municipio nel borgo cittadino. Il candidato ha condiviso l’importanza di saper intercettare le risorse europee disponibili, mettendo per questo a disposizione l’esperienza amministrativa personale e quella della sua squadra.

Costantino Mariani ha raccolto l’invito di Tritarelli, sottolineando come la disponibilità di dati, indicatori e progetti che la CNA, grazie al Centro Studi, al Team sisma e alla rete di consulenti, è in grado di mettere a disposizione saranno fondamentali. Mariani ha quindi posto la ricostruzione in cima alle priorità della sua agenda amministrativa, evidenziato come Castelraimondo sarà chiamato a recuperare l’ultimo anno trascorso senza una guida politica. Il candidato ha espresso la volontà di formare ed adeguare la struttura organizzativa del Comune in modo da renderla efficace e capace, anche con l’aiuto di specifiche professionalità esterne, di intercettare i finanziamenti pubblici disponibili.
“Riprendere in mano le priorità del Comune, con un occhio attento alla cooperazione con i paesi vicini e alla partecipazione e trasparenza con i cittadini”.

Sono queste le colonne portanti del programma e della campagna elettorale di Costantino Mariani e della sua lista “Castelraimondo insieme” con la quale si pone come alternativa a Patrizio Leonelli e ad una squadra che negli ultimi anni ha governato la città.

“Ci concentriamo sui temi pragmatici e immediati della ricostruzione – esordisce il candidato – partendo dalle priorità complessive del Comune che, nell’ultimo anno, è stato commissariato (dopo che il sindaco Renzo Marinelli è stato eletto in consiglio regionale, ndr) e si è quindi persa la traccia della visione amministrativa. Ci si è occupati soltanto dell’ordinaria amministrazione”.

Mariani annuncia quindi un cambio di rotta dal punto di vista amministrativo: “Vorremmo diversificare l’orientamento dell’amministrazione precedente che ha cercato poco la cooperazione con i Comuni vicini.

Noi crediamo, invece, che per uno sviluppo turistico ed economico, per la valorizzazione dell’università e per la difesa dell’ospedale, la cooperazione con i Comuni vicini sia essenziale”.

Ma il candidato parla anche di differenze di metodo. “Vorremmo essere molto più inclusivi, partecipativi e trasparenti di quanto l’amministrazione non lo sia stata fino ad oggi. Con la cittadinanza è mancato il confronto”.

Poi uno sguardo alla campagna elettorale caratterizzata non tanto dal comportamento della lista avversaria quanto, secondo Mariani, da un modo di fare proprio di Castelraimondo: “In paese – spiega - , indipendentemente dalla campagna elettorale, si respira un clima un po’ divisivo, settario, con una forte sottolineatura degli elementi di appartenenza da una parte all’altra. Credo ci sia po’ troppa intolleranza, ma fa parte della cultura di questo centro che si riflette quindi anche sul periodo che precede le elezioni”.

Non lo preoccupa, invece, il risultato ottenuto da Renzo Marinelli alle elezioni regionali, in quello che potrebbe essere un termometro anche per le amministrative visto che la squadra a sostegno di Leonelli vede in campo diversi nomi che prima governavano con l’ex sindaco.

“Quella è la squadra che governa da 25 anni a questa parte – dice - e anche per questo vedo la mia candidatura come una opzione di verifica e di cambiamento, se i cittadini la vorranno cogliere.

Ma non è il successo di Renzo (Marinelli, ndr) che mi preoccupa, anzi mi conforta. Bisogna fare le valutazioni su due piani diversi: su quello regionale è andata bene e su quello comunale ora si vedrà.

Certamente il risultato che Marinelli ha ottenuto sul territorio è un merito che lui ha saputo costruirsi nel tempo. Averlo come punto di riferimento – conclude - sarà utile per chiunque governerà il Comune”.

GS
Confermata la corsa a due a Castelraimondo: Patrizio Leonelli e Costantino Mariani si contenderanno la carica di sindaco.

Ufficiali i componenti delle rispettive liste. Leonelli schiera in campo, come scrive in una nota, “Un gruppo di candidati omogeneo  e allo stesso tempo ben assortito per età e competenze nei vari settori. Continuità con il lavoro svolto finora dalle passate amministrazioni, ma anche nuove idee contenute nel vasto programma elaborato nelle ultime settimane dopo aver ascoltato le esigenze del territorio”.

Al suo fianco ci saranno Edoardo Bisbocci, Luigi Bonifazi, Lorenzo Brachetta, Fabrizio Calmanti, Giorgia Casoni, Paolo Cesanelli, Claudio Cioli, Ilenia Cittadini, Valeria Lucarini, Renzo Marinelli, Roberto Pupilli, Elisabetta Torregiani.

Per Mariani la squadra che porta il nome di “Castelraimondo insieme” è composta da Riccardo Aringolo, Venanzo Castelli, Claudio Cavallaro, Mauro Crucianelli, Leonardo Francesconi, Gianclaudio Lori, Elena Mancinelli, Gilberto Mancini, Giorgia Olivieri, Mariolina Sgammato, Daniele Paganelli.

“Quella di presentarmi alle elezioni – aveva confidato Mariani – era una scelta che non avevo messo in conto, ma la prospettiva che un paese di 5mila abitanti si presentasse alle elezioni con una unica lista e senza possibilità di scelta alternativa mi è sembrato fuori luogo, così ho deciso di intraprendere questa avventura”.



GS
Partita a due alle prossime elezioni comunali di Castelraimondo dove al candidato Patrizio Leonelli, espressione del centrodestra unito e dell’amministrazione uscente, si contrappone l'alternativa della lista civica “Castelraimondo insieme”, guidata da Costantino Mariani.
Un nome sul quale c'è stata convergenza sin dall'assemblea pubblica che si è tenuta ad inizio agosto. Quella la spinta iniziale  che  ha convinto Costantino Mariani ad accetare di spendersi per il bene del paese e della comunità.
“La nostra è la seconda lista, in mancanza della quale non ci sarebbe stata neanche un'alternativa all'unica presente – spiega Mariani- : è stato questo il motivo iniziale che mi ha spinto a rendermi disponibile. Con l’andare avanti tuttavia di motivi ne ho scoperti parecchi altri ed hanno contribuito a stimolarmi ulteriormente verso questa prospettiva”. 
Mariani si è pertanto messo subito al lavoro per dare impulso alla lista e definire il programma.
Le nostre priorità - riferisce il candidato- sono quelle tipiche di un governo di buon senso ma anche basato sul sano realismo.
Priorità assoluta è quella della ricostruzione, una prospettiva che non è stata agevolata dal periodo di stallo vissuto dal comune nell'ultimo anno a causa dello scioglimento del consiglio comunale. Questa è sicuramente una priorità, ma non è l'unica naturalmente  Primaria è anche la rivitalizzazione economica che va condotta per contrastare un trend di difficoltà occupazionale che si sta sempre più accentuando nell'ultimo periodo. Di certo non è una prospettiva facile e per la quale l'ente locale ha leve smisurate a disposizione, ma quelle utili e quelle che sono le possibilità e i compiti istituzionali di un'amministrazione comunale; è chiaro che questo è l’ulteriore punto che ci porta ad orientare un'azione determinata verso un miglioramento di queste condizioni”.
Alla base di un gruppo coeso c'è dunque l'aspirazione a rappresentare una novità e un'alternativa rispetto all'esperienza del governo ultraventennale del centrodestra a Castelraimondo
“ Questo senz'altro- sottolinea Mariani-. Direi che non è neanche un nostro grosso merito;  è una conseguenza nel senso che quando poi c'è una costanza venticinquennale in una direzione, questo va ascritto evidentemente al merito di chi ha saputo riconfermarla di volta in volta; penso tuttavia che alla base della democrazia c'è l' alternanza e, quest'anno noi ci proponiamo come la possibilità alternativa al governo, oserei dire ‘ solito" per Castelraimondo, in maniera tale da offrire la la verifica di un'esperienza diversa in prospettiva. La nostra è una squadra molto ben assortita  - aggiunge -. È costituita da persone che hanno una qualche esperienza amministrativa, ma non necessariamente sempre e non necessariamente molta; riteniamo infatti che chi siede in consiglio comunale sia il rappresentante dei cittadini e quindi debba riflettere questa caratteristica in ogni aspetto; le competenze tecniche strette vanno riservate alle strutture municipali e ai tecnici che sono preposti a quei ruoli; noi vogliamo dare un'iniziativa, un indirizzo e un'attività di sorveglianza che garantisca la cittadinanza.  Per questo non bisogna necessariamente avere una smisurata esperienza amministrativa. Quella di "Castelraimondo insieme" - conclude Costantino Mariani- è una squadra coesa, priva di prime donne e che fa del collettivo il suo valore più forte. È una squadra di persone serie e riconoscibili; questa è la caratteristica fondamentale che, credo e crediamo, di essere riusciti a rispettare in ogni membro che la compone". 
 
c.c.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo