POLITEAMA banner beethoven 1022x200

A due anni dalla prima visita, Maurizio Landini torna nei luoghi colpiti dal sisma, questa volta come Segretario Generale della CGIL.  Il prossimo 6 aprile sarà l'ultimo appuntamento nelle Marche di un viaggio di oltre 10 tappe attraverso 4 regioni. Dopo aver incontrato, a Tolentino presso l'Auditorium della Poltrona Frau, lavoratori, delegati del nostro territorio per ascoltare le realtà aziendali più rappresentative e le problematiche esistenti, prenderà parte all'iniziativa pubblica a Muccia (MC), ai Giardini alle ore 11,30, : “#IDirittiNonCrollano. Resistere nelle Sfide della Rinascita

Un'occasione di ascolto di vari soggetti del territorio, istituzionali e non, che a quasi tre anni dal sisma, continuano ad affrontare le battaglie quotidiane per la ripresa del nostro territorio.

Dopo i saluti del Sindaco di Muccia, Mario Baroni, daranno il loro contributo alla discussione: Barbara Olmai, Giornalista; Daniel Taddei, CGIL Macerata; Silvia Sorana, ATS 17; Marta Menghi, Emidio di Treviri; Claudio Pettinari, UNICAM; Antonio Barboni, SPSAL AV3; Federica Nardi, CM; Luca Maria Cristini, Architetto; Patrizia Vita-Chiara Caporicci, C.A.S.A.

Al termine le considerazioni finali di Maurizio Landini. Nel corso dell'iniziativa avverrà un incontro specifico con i rappresentanti dei Comitati dei Terremotati e sarà previsto un appuntamento distinto con i giornalisti. Durante la giornata saranno presenti banchi di prodotti tipici alimentari locali. In caso di maltempo la manifestazione si terrà al chiuso.

Una situazione paradossale “. Così il segretario generale di Cgil Macerata Daniel Taddei commenta la revoca delle interdittive Antimafia alle ditte Eni srl e Euroimpresit di Salvatore Piccolo, disposta dalla Prefettura di Caserta in data 26 marzo. Le due ditte già impegnate nei lavori di ricostruzione post sisma, la Eni srl a Tolentino per il recupero della Basilica di San Nicola e la realizzazione di una struttura ricettiva a Valfornace, la Euroimpresit per lavori in subappalto dal consorzio Arcale nella costruzione delle Sae, raggiunte lo scorso 6 marzo dal provvedimento interdittivo, avevano dovuto sospendere i lavori,ma ora sono state pienamente riabilitate.

“ Le ditte in questione- dice Taddei-  avevano fatto domanda alla Prefettura di Caserta per essere ammesse nella cd.  "White list”; in particolare la Euroimpresit aveva fatto richiesta nel settembre 2017 e la Eni srl nel dicembre 2017 e- continua il segretario generale Cgil Macerata- in tutto questo frattempo, hanno operato con delle semplici autocertificazion, in quanto la pratica di ammissione all’elenco è rimasta in istruttoria. Solo lo scorso  6 marzo la Prefettura di Caserta ha emesso l'interdittiva antimafia per cui, è passato più di un anno per arrivare allo strumento interdittivo, mentre ci sono voluti solo 20 giorni per annullare la misura. La revoca è stata disposta perché la Prefettura di Caserta ha appurato che non c'erano più i requisiti per non essere iscritti nella White List. Da ieri entrambe le ditte sono iscritte nell’elenco delle aziende non soggette a tentativo di infiltrazioni mafiose e quindi, nelle procedure ordinarie, sono assolutamente autorizzate e legittimate ad operare. Il problema si pone nel momento in cui se il 6 marzo c'era un interdittiva quindi c'erano le condizioni per cui queste ditte non potevano essere iscritte e se per tutto il periodo precedente che va da settembre e dicembre 2017 fino al 6 marzo queste condizioni c'erano, la cosa certa è che queste ditte hanno operato.

Credo che se il sistema che deve certificare, garantire il diritto e la legalità, da un lato ha tempi di risposta così lunghi e dall'altro, dei tempi di reazione invece così corti - sottolinea Taddei- se ne deduce che il sistema così com'è sicuramente non funziona e solleva molti dubbi; basti pensare che saranno a migliaia le ditte che opereranno in quello che diventerà il più grande cantiere d'Europa e, se il sistema è questo, le preoccupazioni sono veramente gigantesche. Chiaro che la nostra vigilanza sulle anomalie e sulle irregolarità  è sempre costante- conclude Taddei-  Il problema è che se le risposte di tutto il sistema sono queste, poi l'azione di sorveglianza e di denuncia diventa del tutto inutile". 

C.C.

A primavera sembrava essere giunti a una svolta. Fillea e Cgil erano riusciti a conciliare 11 lavoratori dei cantieri Sae. Ma da allora si attendevano anche delle risposte da parte della direzione provinciale del lavoro. Non solo tutto tace ma la situazione, stando al segretario provinciale Cgil Macerata, Daniel Taddei e di quello Fillea, Massimo De Luca, sembra essere peggiorata. Irregolarità anche a Camerino, al nuovo campus Unicam che sarà inaugurato la settimana prossima.

Sono trascorsi ben 7 mesi da quando i sindacati hanno evidenziato le prime gravi irregolarità sulla normativa del lavoro, la sicurezza e il rischio di infiltrazioni della criminalità organizzata.

“I lavoratori in attesa di soluzione sono 24, di cui 4 arrivati in Cgil proprio oggi, ma la ditta Gips, che poi subappalta la realizzazione delle casette ha di recente presentato un concordato preventivo” ha affermato Taddei.

Secondo la ricostruzione fatta dai sindacati, il consorzio Arcale subappalta i lavori delle Sae al consorzio Gips che a sua volta fa impiegare lavoratori delle ditte Europa (per lo più romeni) e Gesti One (sopratutto egiziani). Gips deve ai lavoratori il pagamento di tutte le ore straordinarie lavorate, i festivi e il trattamento di fine rapporto lavorativo nonché tutti i contributi e premi assicurativi previsti. Inizialmente Arcale ha intimato a Gips di pagare quanto spettava agli operai. In seguito i sindacati hanno chiesto alla Regione la responsabilità in solido in quanto soggetto attuatore (ovvero di pagare qualora Gips non avesse pagato) e come da norma, la Regione ha chiesto ad Arcale e alle altre ditte se fossero o meno d’accordo. “Gesti One - spiega Taddei - ha contestato pur ammettendo di non aver applicato il contratto e di dover versare dei contributi alla Cassa Edile perché ha contestato di dovere il pagamento di festivi e straordinari. Anche Arcale ha diffidato la Regione a pagare e quest’ultima ha chiesto un accertamento da parte della direzione provinciale del lavoro per capire se i crediti debbano essere realmente versati. E qui ci siamo fermati”.

Ciò è avvenuto ad aprile e da allora niente si è più saputo, nonostante la mole di documenti presentati dai sindacati. Dei lavoratori, alcuni sono tornati al proprio paese, altri sono in giro a lavorare e nel frattempo un’altra cosa “inaccettabile”, così la definiscono, è accaduta: Gips ha presentato un concordato preventivo che complicherà le cose e aumenterà i ritardi: “Sarà un’ingiustizia nell’ingiustizia - incalza Taddei - perché verranno calcolati crediti e debiti al ribasso e, per quanto riguarda i lavoratori, si calcolerà ciò che gli spetta sulla base della busta paga che però non era conforme al contratto. Siamo preoccupati perché se questa è l’impostazione non vorremmo che questo metodo sia applicato anche da tutti gli altri”.

Ma le irregolarità non si fermano qui: un’altra situazione rilevata riguarda i lavoratori del campus Unicam che verrà inaugurato il 6 agosto: “I lavoratori sono in distacco, senza visite mediche o giusta retribuzione e peraltro alloggiati in casali abbandonati privi di agibilità vicino alla costa. Stiamo seguendo una 20ina di operai che vengono reclutati addirittura nei bar della zona e sono soprattutto italiani”. Infine, sembrerebbe anche che un Comune dell’entroterra maceratese abbia appaltato i lavori di messa in sicurezza e miglioramento sismico di un’opera pubblica (per 200mila euro) ad una ditta non iscritta all’anagrafe antimafia e il cui titolare è già indagato.

“Questo è quanto. Anzi, questo è troppo.

Un’altra azienda di Salvatore piccolo si è appena aggiudicata un appalto di più di 200mila euro dell entroterra e questa ditta nn è iscritta alle anagrafe antimafia col 26% di ribasso su 123 aziende partecipanti al bando. Il

Sistema così nn funziona perché x essere iscritto c’è da fare richiesta, se entro 30 gg nn risponde si può fare autocertificazione e nel frattempo la ditta potrà vincere L appalto. Se facciamo così, siamo solo all’inizio. 

Questo è quanto. Anzi, questo è troppo e la parte politica della Regione deve solo fare un bagno di umiltà per come sta gestendo anche questa problematica. La Regione ha solo fatto quanto disposto dalla legge. La politica può dire quello che vuole - incalza - si dovrebbe concentrare sui problemi dei cittadini”.
Gaia Gennaretti

Si è conclusa positivamente la vertenza degli operai del cantiere di urbanizzazione delle soluzioni abitative emergenziali (sae) “Cesare Battisti 1” di Visso. 

Alcuni mesi fa, precisamente ad aprile, i lavoratori della ditta Marsili srl (che ha avuto il subappalto dalla Montagna Costruzioni srl) avevano scioperato lamentando diverse irregolarità: ritardi nei pagamenti, assenza di buste paga, contratti non firmati e diverse irregolarità anche in materia di salute e sicurezza.

“Con la firma degli accordi sindacali - fanno sapere Massimo De Luca, segretario generale Fillea Cgil Macerata e Daniel Taddei, segretario generale Cgil - si è concluso un lungo percorso che ha visto l'ottenimento di svariati risultati volti a sanare tutte le criticità che erano state sollevate, a partire dalla visita medica per tutti i lavoratori e la fornitura di tutti i dispositivi di sicurezza, la riformulazione di tutte le buste paga, dall'inizio del rapporto di lavoro ad oggi, con i diversi saldi dovuti ai lavoratori sia in forza che già licenziati”.

Nello specifico gli accordi sindacali, che saranno depositati presso l'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Macerata, prevedono il pagamento delle ore di straordinario, di festivo, di straordinario/festivo e del trattamento di fine rapporto nonché il versamento di ogni contribuzione previdenziale e dei premi assicurativi previsti, compresi gli accantonamenti contrattuali alla Cassa Edile.

“Siamo soddisfatti per questa risoluzione positiva ma sono ancora molte le situazioni di criticità che riguardano i lavori post sisma. La grande preoccupazione è rivolta alla ricostruzione vera e propria - concludono - che farà arrivare miliardi di euro nel nostro territorio con tutti i rischi connessi”.
g.g.

“La vera piaga del nostro Paese è la cultura dell’illegalità. Dobbiamo tutti farci carico del compito di costruire una società più pulita, giusta e trasparente”. Questo è il commento di Daniel Taddei, segretario generale di Cgil Macerata che fa seguito alla notizia sui 120 “furbetti” del Cas (contributo per l’autonoma sistemazione) scoperti dalla guardia di finanza di Camerino. In totale, circa 500mila euro il denaro sottratto indebitamente alle casse dello Stato.

Il problema, secondo Taddei, è la cultura diffusa dell’illegalità che va combattuta per far risollevare il territorio e tutto il Paese: “ Non si possono mettere sullo stesso piano le infiltrazioni della criminalità organizzata nei cantieri post sisma e l'ultima truffa scoperta dalla Finanza sulle illecite erogazioni del Cas - dice - ma c'è una sottile linea nera che lega questi crimini: lo sfregio dei diritti per  il tornaconto personale. Lo sfruttamento del lavoro, la corruzione, le mafie, si nutrono del sottobosco quotidiano di meschinità che vengono perpetrate con la connivenza omertosa dei cittadini”. Chi chiede raccomandazioni, chi evade le tasse, chi chiede o concede favori, chi propone o accetta condizioni illecite o chi affitta appartamenti ai clandestini: questi sono solo alcuni degli atteggiamenti tipici della società alimentati da leggi e pratiche attuate dai governi e dalle classi dirigenti: “Le responsabilità schiaccianti sono da attribuirsi ai governi ed alle classi dirigenti - continua - che hanno permesso, in alcuni casi sostenuto, con leggi e con pratiche il dilagare di questi comportamenti, sottraendo risorse e demotivando le Autorità preposte alla prevenzione,  controllo e repressione”. È per questo, incalza Taddei, che la preoccupazione aumenta quando viene messa in discussione tutta la normativa del Codice Appalti, della legge sul Caporalato, proponendo condoni e sanatorie: “si depotenzia il quadro normativo ma soprattutto si incentiva la cultura dell’illegalità”.

Allora la ricetta per salvare il Paese o il territorio o persino una singola comunità è soltanto una, ovvero che tutti si assumano la responsabilità e il compito di lavorare, giorno dopo giorno, per una società più pulita, più giusta e più trasparente “contro le connivenze, l’illegalità, i clientelismi, contro chi minimizza la portata del fenomeno. L'azione costante di chi si oppone, di chi pretende chiarezza e rispetto delle regole, è il mezzo più efficace che si possa utilizzare dal basso. Un rinnovato senso di legalità - sottolinea - agganciato alla ricostruzione della responsabilità civile, politica e morale di questo Paese, a tutti i livelli della società, in cui soprattutto la politica ha l'obbligo di impegnarsi, mostrando anche più spirito di servizio, più rispetto verso i cittadini”.
Gaia Gennaretti

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo