Anselmi elezionI M. s. martino

 

Proseguono i "Cantieri mobili di storia". Tappe propositive a Ripe e Castelsantangelo

02 Mag 2019
170 volte

L’Appennino che cambia, al centro dell'iniziativa di “ Cantieri mobili di storia” che si svilupperà nelle due giornate di sabato 4 e domenica 5 maggio rispettivamente a Ripe San Ginesio e Castelsantangelo sul Nera, sotto il titolo :"Piccole comunità, capaci di futuro”. La seconda stagione dei Cantieri Mobili di Storia che propone incontri itineranti nei territori colpiti dal sisma, è ripresa a metà a aprile con le tappe di Camporotondo di Fiastrone e Fiastra, nel corso delle quali sono state affrontate le problematiche della manutenzione e cura di un territorio fragile e, analizzate le possibilità di sviluppo e occupazione. L’ evento organizzato dall'Istituto Storico di Macerata, nell'arco di un anno ha già incontrato e ascoltato le comunità appenniniche maceratesi, partendo dalla storia dei paesi e approdando ai problemi e alle prospettive del dopo terremoto. Il 2018 ha visto crescere le collaborazioni con i gruppi e le associazioni dell'Appennino e intensificarsi le relazioni con le comunità del dopo sisma, grazie a progetti nelle scuole e laboratori di comunità. Il secondo ciclo di incontri presenta alcune novità: sono state individuate tematiche di rilevanza storica ma che costituiscono importanti spunti di riflessione e di progettualità per l'immediato futuro delle zone del sisma; gli incontri, si aprono al confronto con altre zone degli Appennini centro-settentrionali e centro-meridionali; esperienze innovative di comunità che stanno sperimentando nuovi percorsi di ripresa, nuovi modi di abitare la montagna, nuovi modelli e stili di vita. Pensati dai docenti Paolo Coppari presidente dell’Istituto Storico della Resistenza di Macerata e Marco Moroni, gli incontri sono coordinati da Marco Giovagnoli, docente di Sociologia dei processi economici e del Lavoro all'Università di Camerino.

Marco Giovagnoli

“ Da poco si è avviato il secondo ciclo di cammino per il progetto dei "Cantieri mobili di storia" e,–spiega Marco Giovagnoli- l'intento, l'ispirazione e Il progetto, è quello di essere chiaramente riflessivi dal punto di vista analitico sulla situazione attuale ma  pensare anche ad una prospettiva di lungo periodo con le comunità. Proprio da questo punto rivista sono già stati organizzati due incontri tenutisi l’uno a Camporotondo di Fiastrone e l’altro a Fiastra, nel corso dei quali sono stati introdotti alcuni argomenti particolarmente interessanti, decisivi per questo territorio e, sempre, nella prospettiva di continuo richiamo fra la storia e ciò che la storia può indicarci per il futuro. Sabato 4 maggio saremo a Ripe San Ginesio, realtà molto dinamica dove approfondiremo l’aspetto dei borghi capaci di futuro, analizzando le prospettive di chi sta già lavorando per identificare le proprie, originali traiettorie di sviluppo. Il 5 maggio saremo invece a Castelsantangelo sul Nera e avremo il piacere di avere con noi anche gli amici dell’Istituto Alcide Cervi di Gattatico (RE) con il quale l’’Università di Camerino ha in atto una convenzione e, i cui studi sul paesaggio hanno una forte impronta propositiva . Un altro interessante contributo sarà portato da Walter Materassi, il quale introdurrà il tema del lavoro, cruciale per questi territori. Presidente della cooperativa di comunità “Foiatonda” di Madonna dei Fornelli, Materassi esporrà l’esperienza di questi modelli d’innovazione sociale che contribuiscono a creare sinergia e coesione tra le comunità. Dunque- conclude il prof. Marco Giovagnoli- questa tornata dei “Cantieri mobili di storia”, ha un taglio decisamente propositivo”.

Prossime tappe sono previste l’1 e 2 giugno a Bolognola ed Ussita sul tema “ Giovani in agricoltura : antiche e nuove forme associative e di gestione collettiva. Conclusione a Muccia l’8 giugno come momento di confronto sui temi toccati nei sei precedenti incontri e sulle proposte emerse. L’incontro dal titolo 6 proposte per il prossimo" futuro, sarà un’assemblea con le comunità del doposisma, rappresentanti dell’Ufficio Speciale Ricostruzione e della Regione Marche.

C.C.

 

 

Uomo morso al petto da un cane e un giovane caduto mentre correva: il 1 maggio del soccorso alpino

02 Mag 2019
211 volte

 Un 1 maggio denso di interventi quello del soccorso alpino della stazione di Macerata. Due gli interventi ieri, di cui il primo avvenuto intorno alle 14:30: un uomo di Servigliano, 46enne, è stato morso da un cane al petto durante l'escursione alle Lame Rosse. L’uomo è tanto  dapprima recuperato lungo il sentiero, accompagnato all’ambulanza che era stata lasciata vicino alla diga e poi in ospedale a Camerino.  Il secondo intervento poco dopo, alle 14:50 sempre nei pressi del lago di Fiastra. Lungo la riva  un giovane è caduto mentre correva e si è lussato una spalla. Si tratta di un 29enne.

 

Collevario, un uomo trovato morto nella sua abitazione. Si è suicidato

02 Mag 2019
254 volte

È stato ritrovato stamattina il corpo senza vita di un 58enne di Macerata. S.S. sono le iniziali dell’uomo che si è impiccato nella sua abitazione a Collevario, in via Silone. Le cause che potrebbero aver condotto a questo gesto estremo sono ancora sconosciute ma si pensa possa essere stato spinto da un momento di particolare tristezza e depressione. L’uomo infatti da tempo aveva perso il lavoro, si era arrangiato con impieghi occasionali ma alla sua età non riusciva a trovare un posto fisso. A ritrovarlo è stata la sorella con la quale viveva. Lascia anche due figlie. Sul posto la Polizia per effettuare i rilievi, il 118 che non ha potuto far altro che constatare il decesso dell’uomo e la croce verde.

 

 

Auto finisce fuori strada e si ribalta in un campo. Paura per due ragazzi

02 Mag 2019
457 volte

Grande paura stamattina intorno alle 5 per due giovani, un maschio e una femmina, che viaggiavano sulla Cingolana, a poca distanza da Chiesanuova di Treia. Alla guida c’era il ragazzo che ha sbandato, ha preso in pieno il palo della segnaletica ed è finito in un campo ribaltandosi con la macchina.

Sul posto sono subito intervenuti i sanitari del 118 che hanno portato i due ragazzi all’ospedale di Macerata. Sul posto i Carabinieri per i rilievi

 

segnale divelto

Tamponamento tra Doblò dei Vigili del Fuoco e Kia Sportage

02 Mag 2019
65 volte

L’incidente è avvenuto circa un’ora fa, a Piediripa. Una Kia Sportage blu è entrata in collisione con unDoblò dei Vigili del Fuoco mentre attraversavano il ponte della frazione maceratese. I due mezzi ovviamente si sono fermati per effefttuare tutto il procedimento di rito è il traffico è andato in tilt, creando Lunghe code fin dalla superstrada.

Pellegrinaggio Macerata-Loreto: il cardinal Bassetti celebrerà la messa prima della partenza

02 Mag 2019
173 volte

Sarà l’arcivescovo di Perugia e Presidente della Conferenza episcopale italiana, il cardinale Gualtiero Bassetti, a celebrare la Santa Messa che precederà il 41esimo pellegrinaggio Macerata-Loreto. Si svolgerà sabato 8 giugno con partenza, come da tradizione, allo stadio Helvia Recina. Dopo l’ascolto di alcune testimonianze e la messa, inizierà  il cammino nella notte verso la Santa Casa di Loreto.

Un percorso di 28 km scandito da preghierecantisilenziotestimonianze. Un evento sempre più partecipato, con migliaia di presenze ogni anno, soprattutto di giovani. «Ma basterebbe tutto questo – si chiede don Luigi Traini, uno dei responsabili del Pellegrinaggio – ad accendere il desiderio di tornare e di proporlo agli amici? Che cosa spinge a partecipare e molti a tornare? Che cosa accade ogni anno? E il giorno dopo cosa resta? Il Pellegrinaggio quest’anno ci accoglie con un annuncio che può sorprenderci: “Non sarai più solo, mai”. Una pretesa che ci infastidisce, oppure una promessa che possiamo verificare nella nostra esperienza?».

Ci aiuta in questa scoperta Papa Francesco, che nell’incontro con «i giovani privati della libertà» a Panama dice: «Dio non ti abbandona mai. Dio non abbandona nessuno. Dio ti dice: “Vieni”. Dio ti aspetta e ti abbraccia, e se non sai la strada viene a cercarti. [...] La gioia e la speranza del cristiano nascono dall’aver sperimentato qualche volta questo sguardo di Dio che ci dice: “Tu sei parte della mia famiglia e non ti abbandonerò alle intemperie, non ti lascerò a terra sulla strada, no, non posso perderti per strada” – ci dice Dio, ad ognuno di noi, con nome e cognome – “io sono qui con te”. Qui? Sì, qui». 

Seguire la strada che Lui traccia porta i pellegrini quest’anno a camminare insieme tenendo viva l’attesa per il Mese Missionario straordinario che si terrà in ottobre. Il tema Battezzati e inviati: la Chiesa di Cristo in missione nel mondo sottolinea come «l’invio per la missione sia una chiamata insita nel Battesimo ed è di tutti i battezzati [...], una grande opportunità per rinnovare l’impegno missionario della Chiesa intera», attraverso una «testimonianza di santità che dona vita e bellezza al mondo».

Il gesto che renderà esplicito il mandato missionario, che il Pellegrinaggio ha profondamente a cuore, sarà la consegna del crocefisso ad ogni pellegrino alla presenza di Monsignor Giampietro Dal Toso, Presidente delle Pontificie Opere Missionarie. Affrontare quella strada però significa anche farsi accompagnare dall’ultima esortazione apostolica di Papa Francesco rivolta ai giovani e firmata a Loreto il 25 marzo: Christus vivit.

Paolo Sparvoli: “Fantasiose le esternazioni dell’assessore Montesi”

02 Mag 2019
130 volte

"Realizzati progetti importanti? Curiosa affermazione dell’assessore ai lavori pubblici di Matelica, Massimo Montesi“. A definirla così il consigliere comunale Paolo Sparvoli, del gruppo Nuovo Progetto Matelica secondo cui i progetti “importanti” realizzati dall’amministrazione si limiterebbero a qualche paletto dissuasore su una via del centro storico, l’installazione di un distributore d’acqua potabile (progetto già preparato dalla vecchia amministrazione) e di un paio di colonnine di ricarica per veicoli elettrici. “Un  poco - afferma- per un assessorato strategico come questo. L'assessore accenna alla situazione finanziaria dell’ente comunale ma è certo che hanno contribuito ad incrementare l’indebitamento sperperando molto in spesa corrente invece che investire in linea capitale. Certamente le mostre promosse dai diversi curatori erano importanti per il bene della comunità e per portare tanti turisti a Matelica: peccato però che ancora oggi non si hanno dati chiari e precisi, o quanto meno siamo certi che nel curriculum vitae del Sindaco le mostre sono ben elencate”. Poi Sparvoli parla dell’intervento al foyer per la valorizzazione del Teatro Piermarini. Un intervento finanziato in gran parte da un bando Gal ottenuto, secondo lui, dalle precedenti amministrazioni, e che non avrebbe fatto altro che sottrarre quello spazio in cui gli spettatori potevano sostare e interloquire: “il nostro teatro, per importanza storica e culturale, non aveva certo bisogno di essere “valorizzato” dalla mescita del vino. Lascia esterrefatti scoprire che la soprintendenza non abbia rilasciato all’epoca nessuna autorizzazione per la trasformazione del foyer del teatro in “enoteca”. Critico anche sul bando per la gestione del bar dei giardini e si interroga su dove siano finiti i soldi che erano rimasti accantonati per l’allargamento del ponte della strada delle Valche. “Poi c’è stato il terremoto - torna a dire - e la ricostruzione è ancora bloccata a causa di una disorganizzazione politica regionale mai vista fino ad ora e di una discutibile normativa in continua evoluzioneIl comune avrebbe potuto continuare la sua attività magari con interventi di manutenzione delle strade e marciapiedi ridotti ai minimi termini.  Ad esempio in Viale Martiri dove serve un intervento di rifacimento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche. E per fortuna la bretella in località Trinità, la cui previsione urbanistica risale alla precedente amministrazione nonché  l’efficientamento della rete d’illuminazione pubblica e la realizzazione di altri impianti fotovoltaici, tutti interventi già avviati e previsti”. Delpriori nel corso della sua presentazione ha anche accennato, in un video, i lavori allo stadio che, ricorda Sparvoli, sono stati tutti realizzati da privati, mentre il grande assente di questa amministrazione sarebbe il palazzetto, promesso e mai realizzato. 

“Per chiudere ci piacerebbe sapere quanti dei 900 posti di lavoro promessi in campagna elettorale sono stati realizzati. Forse - conclud - in certi momenti sarebbe meglio tacere invece di sparar  promesse al vento mai realizzabili”.

“Insieme possiamo”, il 3 maggio si presenta la lista di Mirko Salvatori

01 Mag 2019
228 volte

È in programma per venerdì alle 21:30 nella sala convegni del Comune di Pollenza la presentazione della lista “Insieme Possiamo” e del candidato sindaco Mirko Salvatori insieme al loro programma per la città.

“Aspettiamo tutti per far conoscere la squadra - ha detto Salvatori - che porterà aria di cambiamento a Pollenza”. 

A Fiastra, ricordato Dario Conti a un anno dalla scomparsa

01 Mag 2019
687 volte

A Fiastra, toccante ricordo di  Dario Conti a un anno dalla sua scomparsa. Nel primo anniversario della sua morte, presenti i nipoti, amici, compagni di partito, concittadini e amministratori, hanno voluto commemorarne e onorarne  la figura.  Muovendo dalla sede provvisoria del comune, il piccolo corteo  ha raggiunto la cappellina di famiglia presso il cimitero comunale; alla deposizione di un mazzo di fiori sulla tomba dell'indimenticato ex sindaco di Camerino ed ex assessore provinciale, sono seguiti gli interventi dell'attuale vicesindaco di Fiastra Sauro Scaficchia, del segretario del PSI di Civitanova Marche Francesco Mantella, dell'ex segretario PSI regionale Luciano Vita; diverse le testimonianze portate da chi è stato politicamente a lui vicino o legato da amicizia di vecchia data, quali l'ex assessore comunale camerte Enrico Pupilli, l'ex dipendente del comune di Camerino Augusto Santarelli.

conti ricordo 1

Parole cariche di commozione anche da parte di Sante Elisei,Tiziana Croce e dall'avv. Luca Belardinelli, i quali  hanno condiviso l'impegno e la strenua passione di Dario Conti, nel servire gli interessi delle comunità dell'entroterra. Unanime il riconoscimento della grande eredità umana e politica, lasciata da una personalità i cui segni sono esempi da seguire e mantenere vitali

C.C.

 

Primo maggio incerto. Il maltempo continua nel fine settimana

01 Mag 2019
127 volte

Un primo maggio incerto e il fine settimana arrivo con nuove piogge.
Sono le previsioni di Redo Fusari dell’Osservatorio geofisico di Macerata per i primi giorni di maggio che sembrano essere in controtendenza con quello che ci si dovrebbe aspettare da questo periodo dell’anno.
“Ci troviamo in un periodo particolare - commenta Fusari - , ci aspettavamo un clima più accettabile vista la primavera inoltrata, invece stiamo avendo un peggioramento: mentre marzo ha avuto dei periodi più che primaverili, ora ci sono caratteristiche che assomigliano a quello che invece dovrebbe essere stato il tempo a marzo.
È la conseguenza di un cambiamento climatico che ha fatto sì che arrivassero delle correnti fredde fino al Mediterraneo, venendo soprattutto dal settore centro orientale europeo. Correnti che potrebbero essere attribuite ad un fenomeno che favorisce questo peggioramento. Dal momento che al Polo Nord la temperatura è cresciuta, il blocco di aria fredda che nel periodo invernale resta al Polo, ora roteando arriva fino a noi e crea degli afflussi di aria fredda.
In effetti da noi le temperature sono scese a livelli invernali, sotto la norma per questo periodo.
La neve scesa in montagna è conseguenza di qualcosa di particolare che potrebbe ripetersi alla fine di questa settimana”.
Fusari spinge però alla riflessione sull’importanza di queste piogge, dal momento che l’inverno è stato invece interessato da poche precipitazioni.
“Nell’inverno appena trascorso abbiamo avuto piogge al di sotto della norma invece abbiamo bisogno dell’acqua invernale perché poi d’estate è necessaria. Se d’inverno cade poca pioggia e nevica poco, in estate la siccità provoca danni ai raccolti. È solo una prospettiva che speriamo non si verifichi, ecco perché non mi rammarico della pioggia di questo periodo che potrebbe riuscire a compensare la carenza di quella invernale”.

GS

GUIDA SOTTO L’EFFETTO DI STUPEFACENTI ED ALCOOL: DENUNCIATO

01 Mag 2019
262 volte

Denunciato un 38enne per guida sotto effetto di alcol e droga. A beccarlo i Carabinieri della radiomobile della compagnia di Macerata. Si tratta di un maceratese conosciuto alle cronache. I militari sono stati chiamati a rilevare un sinistro stradale: un mezzo era uscito dalla carreggiata coinvolgendo altri veicoli, nella tarda mattinata di oggi e quindi in ottime condizioni di visibilità. Il fatto è apparso subito strano ai carabinieri che, ricostruite le fasi dell’incidente, hanno chiesto che il conducente venisse sottoposto ad analisi specifiche per verificare il tasso alcolico nel sangue e quello di eventuale presenza di sostanze stupefacenti. I risultati hanno confermato il sospetto. L’uomo non solo aveva un tasso alcolemico superiore alla soglia nel sangue ma vi erano tracce di più tipologie di droghe. La sua patente è stata ritirata.

TRUFFE ON LINE: DENUNCIATI

01 Mag 2019
141 volte

I carabinieri di Treia hanno denunciato alla procura due soggetti, una donna di 26 anni ed un uomo di 22 anni, entrambi emiliani conosciuti alle cronache, per truffa in concorso. Tutto inizia quando un uomo della provincia si è rivolto ai carabinieri per denunciare una truffa subita sul web. Attraverso un sito di e-commerce il malcapitato aveva messo in vendita i cerchioni di un veicolo per circa 1000 €. Ricevuta una richiesta telefonica da parte di un soggetto con voce maschile, il venditore ha ricevuto indicazioni per recarsi ad uno sportello delle poste, e guidato dall’acquirente, era convinto che gli sarebbe stata accreditata la somma seguendo le sue istruzioni. Invece, complice forse la poca esperienza nel settore informatico, in luogo della somma pattuita, gli ha effettuato una ricarica sulla post-pay. Così ha sporto denuncia ai carabinieri che hanno effettuato le indagini e, navigando Tra i siti dedicati, e analizzando i traffici telefonici tra i siti dedicati e la documentazione postale, sono risaliti all’intestatario della carta e al suo presunto complice.

1 maggio a Torrette per un ciclista

01 Mag 2019
201 volte

È successo stamane in contrada Pianarucci, a Tolentino. Un ciclista ha perso il controllo della sua bicicletta ed è caduto a terra. Pare abbia riportato un trauma cranico pertanto il 118 intervenuto sul posto ha disposto il trasferimento dell’uomo a Torrette in eliambulanza. Insieme ai sanitari, sono giunti anche i Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Tolentino.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo