Tolentino, torna la festa della Madonna della Tempesta

Venerdì, 14 Maggio 2021 10:30 | Letto 889 volte   Clicca per ascolare il testo Tolentino, torna la festa della Madonna della Tempesta A cinque anni dal terremoto, la bella statua della Madonna della Tempesta particolarmente cara ed amata dai tolentinati è stata trasferita dalla chiesa di Santa Maria nuova, chiusa per i gravi danni subiti, alla chiesa di San Giacomo, detta della Carità. La statua in legno del 1300, bellissimo esempio di scultura marchigiana, è nuovamente a disposizione dei fedeli tolentinati che da secoli le si rivolgono con preghiere, affinché protegga la Comunità dagli eventi catastrofici. La statua fu incoronata il 17 maggio del 1814 da Pio VII. Le operazioni di spostamento in sicurezza dall’edifico danneggiato e il trasporto nella nuova sede sono state possibili grazie all’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Tolentino e con l’assistenza di una restauratrice incaricata dalla Sovrintendenza Regionale. Un lavoro complesso, svolto con grande professionalità, sensibilità ed attenzione per la preservazione dell’opera d’arte che viene così riconsegnata al culto dei tolentinati e agli appassionati di arte. Riprende quindi anche la tradizione della celebrazione della Festa della Madonna della Tempesta che cade Lunedì 17 maggio; il vescovo Mons. Nazzareno Marconi celebrerà la Messa alle ore 19.30. Per tutta la settimana (nel pieno rispetto delle norme anti-covid) verrà recitato il rosario alle ore 21.15La preghiera alla Madonna della Tempesta ha sottolineato tutte le avversità della storia, con la richiesta della Sua protezione, fino ai bombardamenti del 1944, in cui, pur con la distruzione di ponti, “nessun cittadino, entro la Città, subì danno alla vita”.c.c.
A cinque anni dal terremoto, la bella statua della Madonna della Tempesta particolarmente cara ed amata dai tolentinati è stata trasferita dalla chiesa di Santa Maria nuova, chiusa per i gravi danni subiti, alla chiesa di San Giacomo, detta della Carità.

La statua in legno del 1300, bellissimo esempio di scultura marchigiana, è nuovamente a disposizione dei fedeli tolentinati che da secoli le si rivolgono con preghiere, affinché protegga la Comunità dagli eventi catastrofici. La statua fu incoronata il 17 maggio del 1814 da Pio VII.
Le operazioni di spostamento in sicurezza dall’edifico danneggiato e il trasporto nella nuova sede sono state possibili grazie all’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Tolentino e con l’assistenza di una restauratrice incaricata dalla Sovrintendenza Regionale.
Un lavoro complesso, svolto con grande professionalità, sensibilità ed attenzione per la preservazione dell’opera d’arte che viene così riconsegnata al culto dei tolentinati e agli appassionati di arte.

Riprende quindi anche la tradizione della celebrazione della Festa della Madonna della Tempesta che cade Lunedì 17 maggio; il vescovo Mons. Nazzareno Marconi celebrerà la Messa alle ore 19.30.
Per tutta la settimana (nel pieno rispetto delle norme anti-covid) verrà recitato il rosario alle ore 21.15

La preghiera alla Madonna della Tempesta ha sottolineato tutte le avversità della storia, con la richiesta della Sua protezione, fino ai bombardamenti del 1944, in cui, pur con la distruzione di ponti, “nessun cittadino, entro la Città, subì danno alla vita”.
c.c.
madonna tempesta12

Letto 889 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo