"Camerino deve rinascere", l'associazione "Ripartiamo" dà vita a gruppi di lavoro

Venerdì, 17 Marzo 2023 17:43 | Letto 1455 volte   Clicca per ascolare il testo "Camerino deve rinascere", l'associazione "Ripartiamo" dà vita a gruppi di lavoro Molto partecipata da tesserati e simpatizzanti, l’assemblea dell’associazione “Ripartiamo” che si è tenuta lo scorso 10 marzo a Camerino. L’incontro è servito a far il punto sul neonato sodalizio che vede oltre sessanta persone coinvolte, interessate a ritrovare insieme una soluzione e una prospettiva vincente per la città. Costituita nel mese di novembre dello scorso anno, l’associazione ha a cuore il perseguimento del bene e dell’interesse comune, irrinunciabili per nuove prospettive di sviluppo inclusivo. Stimolante e molto produttivo il dibattito scaturito dalla riunione, nel corso della quale in tanti hanno voluto esprimere le proprie idee, compresi i timori legati alla perdurante stasi della ricostruzione privata. In risalto la considerazione che, nonostante aggregati e consorzi siano stati istituiti già da tempo dall’amministrazione Sborgia, ad oggi il cantiere più grande e attivo è solo quello del Palazzo arcivescovile. Di proprietà ecclesiastica anche il residence “Next generation” (già collegio Bongiovanni) che, da poco inaugurato, è pronto ad accogliere più di cento universitari. Proprio per questo, oltre che per accogliere chiunque salga in centro storico, a detta del sodalizio sarebbe opportuno riportarvi qualche attività commerciale. «La nostra è un’associazione culturale e come tale sarà veicolo di iniziative di valore, con l’intento di riuscire a dare risposte più concrete alla cittadinanza.– spiega la presidente Caterina Molinaro – . Nella precedente assemblea era stata decisa la formazione di gruppi di lavoro dedicati alle tematiche che a noi stanno più a cuore: ricostruzione, sanità, questioni sociali, ripopolamento, cultura e istruzione. Nell’accogliere con entusiasmo progetto e visione comune dell’associazione, tanti cittadini di diversa età e professione si sono iscritti e hanno già iniziato a lavorare per produrre a breve dei documenti o delle iniziative che sicuramente coinvolgeranno tutta la città. Purtroppo – continua – le problematiche sono tuttora numerose: abbiamo parlato di sismabonus, di contributo di autonoma sistemazione, di un incarico a Unicam per uno studio sulla ricostruzione economica e sociale dei nostri luoghi. La discussione ha poi toccato lo stato di realizzazione di alcune opere pubbliche in programma, quali la caserma dell’Arma, la collocazione di parte della Valentiniana nella ex collegiata di San Sebastiano a San Domenico, l’interramento dell’elettrodotto di Vallicelle. Ma i temi più sentiti sono stati quelli della ricostruzione e della rivitalizzazione del centro storico – evidenzia Caterina Molinaro –. La paura del sisma è un nulla, se rapportata a quella della mancata ricostruzione. Da più di un anno è tutto fermo, non si riesce a vedere delineato un progetto concreto. La rassegnazione sta dilagando; ormai, il timore più grande è che predomini la malsana idea che non ci sarà più un centro e una vita sociale. La città ripartirà quando la comunità ritroverà vita in quei vicoletti così pieni di storia e tradizioni. Tante sono le progettualità che ci siamo prefissi di mettere in campo, proprio con l’obiettivo di riportare in centro la vitalità che manca da troppi anni, incentivare la frequentazione da parte di cittadini, turisti e, soprattutto, bambini e ragazzi. In quelle strade, forse a loro completamente sconosciute, dobbiamo riportare giovani e studenti. Ecco il motivo dell’incarico dato per produrre lavori e iniziative che possano interessare tutta la cittadinanza e invitare le persone a confrontarsi fra di loro». Nell’esprimere soddisfazione per quanto fatto finora, i componenti dell’associazione si sono augurati che un numero sempre crescente di concittadini decida di avvicinarsi e fornire il proprio contributo. A conclusione dell’incontro, con l’apprezzamento dei presenti, è stato presentato il logo dell’associazione “Ripartiamo”. Contiene la rappresentazione grafica di una scossa sismica che, senza interruzione, prosegue con il profilo altimetrico dei monti Sibillini, a significare l’apertura dell’associazione verso il territorio. «La semplicità dell’immagine e la sua schiettezza – conclude la presidente – è lo specchio di chi siamo noi. Vogliamo “ripartire” da quel momento in cui una scossa ha interrotto la quotidianità e cambiato tutto il territorio. Da adesso, vogliamo puntare su questa terra. Dal Monte Vettore e fino al Bove, passando dalla Priora e da Pizzo Berro, abbiamo voluto inserire il profilo dei Monti Sibillini. Un territorio vasto, ricco di storia e tradizioni. Un territorio su cui investire con tutto il nostro impegno e il nostro lavoro».c.c. Nella foto il logo dellassociazione 
Molto partecipata da tesserati e simpatizzanti, l’assemblea dell’associazione “Ripartiamo” che si è tenuta lo scorso 10 marzo a Camerino. L’incontro è servito a far il punto sul neonato sodalizio che vede oltre sessanta persone coinvolte, interessate a ritrovare insieme una soluzione e una prospettiva vincente per la città.
Costituita nel mese di novembre dello scorso anno, l’associazione ha a cuore il perseguimento del bene e dell’interesse comune, irrinunciabili per nuove prospettive di sviluppo inclusivo. Stimolante e molto produttivo il dibattito scaturito dalla riunione, nel corso della quale in tanti hanno voluto esprimere le proprie idee, compresi i timori legati alla perdurante stasi della ricostruzione privata.
In risalto la considerazione che, nonostante aggregati e consorzi siano stati istituiti già da tempo dall’amministrazione Sborgia, ad oggi il cantiere più grande e attivo è solo quello del Palazzo arcivescovile. Di proprietà ecclesiastica anche il residence “Next generation” (già collegio Bongiovanni) che, da poco inaugurato, è pronto ad accogliere più di cento universitari. Proprio per questo, oltre che per accogliere chiunque salga in centro storico, a detta del sodalizio sarebbe opportuno riportarvi qualche attività commerciale.

«La nostra è un’associazione culturale e come tale sarà veicolo di iniziative di valore, con l’intento di riuscire a dare risposte più concrete alla cittadinanza.– spiega la presidente Caterina Molinaro – . Nella precedente assemblea era stata decisa la formazione di gruppi di lavoro dedicati alle tematiche che a noi stanno più a cuore: ricostruzione, sanità, questioni sociali, ripopolamento, cultura e istruzione.
Nell’accogliere con entusiasmo progetto e visione comune dell’associazione, tanti cittadini di diversa età e professione si sono iscritti e hanno già iniziato a lavorare per produrre a breve dei documenti o delle iniziative che sicuramente coinvolgeranno tutta la città. Purtroppo – continua – le problematiche sono tuttora numerose: abbiamo parlato di sismabonus, di contributo di autonoma sistemazione, di un incarico a Unicam per uno studio sulla ricostruzione economica e sociale dei nostri luoghi. La discussione ha poi toccato lo stato di realizzazione di alcune opere pubbliche in programma, quali la caserma dell’Arma, la collocazione di parte della Valentiniana nella ex collegiata di San Sebastiano a San Domenico, l’interramento dell’elettrodotto di Vallicelle.

Ma i temi più sentiti sono stati quelli della ricostruzione e della rivitalizzazione del centro storico – evidenzia Caterina Molinaro –. La paura del sisma è un nulla, se rapportata a quella della mancata ricostruzione. Da più di un anno è tutto fermo, non si riesce a vedere delineato un progetto concreto. La rassegnazione sta dilagando; ormai, il timore più grande è che predomini la malsana idea che non ci sarà più un centro e una vita sociale. La città ripartirà quando la comunità ritroverà vita in quei vicoletti così pieni di storia e tradizioni.
Tante sono le progettualità che ci siamo prefissi di mettere in campo, proprio con l’obiettivo di riportare in centro la vitalità che manca da troppi anni, incentivare la frequentazione da parte di cittadini, turisti e, soprattutto, bambini e ragazzi. In quelle strade, forse a loro completamente sconosciute, dobbiamo riportare giovani e studenti. Ecco il motivo dell’incarico dato per produrre lavori e iniziative che possano interessare tutta la cittadinanza e invitare le persone a confrontarsi fra di loro».

Nell’esprimere soddisfazione per quanto fatto finora, i componenti dell’associazione si sono augurati che un numero sempre crescente di concittadini decida di avvicinarsi e fornire il proprio contributo.
A conclusione dell’incontro, con l’apprezzamento dei presenti, è stato presentato il logo dell’associazione “Ripartiamo”. Contiene la rappresentazione grafica di una scossa sismica che, senza interruzione, prosegue con il profilo altimetrico dei monti Sibillini, a significare l’apertura dell’associazione verso il territorio.

«La semplicità dell’immagine e la sua schiettezza – conclude la presidente – è lo specchio di chi siamo noi. Vogliamo “ripartire” da quel momento in cui una scossa ha interrotto la quotidianità e cambiato tutto il territorio. Da adesso, vogliamo puntare su questa terra. Dal Monte Vettore e fino al Bove, passando dalla Priora e da Pizzo Berro, abbiamo voluto inserire il profilo dei Monti Sibillini. Un territorio vasto, ricco di storia e tradizioni. Un territorio su cui investire con tutto il nostro impegno e il nostro lavoro».
c.c.


Nella foto il logo dell'associazione 
LOGO RIPARTIAMO 1 1

Letto 1455 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo