PIEDINO Appenn a casa 2021
L’Iphone appoggiato vicino al registratore di cassa. Una cliente lo vede e, mentre paga il conto, lo ruba alla cameriera. I carabinieri la rintracciano poco dopo grazie alla geolocalizzazione e la denunciano, restituendo il telefono alla proprietaria. È successo in un ristorante di Castelluccio di Norcia, domenica scorsa. Una coppia, originaria del Pesarese, ha raggiunto il ristorante per la pausa pranzo. Al momento del pagamento del conto la donna, una sessantacinquenne, si è accorta del telefono lasciato incustodito vicino alla cassa e lo ha preso con sé, nascondendolo nella sua borsa. Poco dopo la coppia è ripartita a bordo di una moto.

Non ci è voluto molto prima che la vittima si accorgesse del furto. La cameriera ha immediatamente attivato l’applicazione che permette di rintracciare il proprio Iphone e ha chiamato i carabinieri. È stata lei a guidare i militari nelle operazioni di ricerca, dopo essersi accorta che la coppia stava viaggiando verso Camerino. A quel punto la centrale operativa dei carabinieri ha messo in allerta le pattuglie in servizio nel territorio camerte: poco dopo la moto con a bordo la donna e il cellulare rubato è stata fermata a Muccia.

La perquisizione sul posto ha permesso di recuperare il cellulare e di restituirlo alla proprietaria. L’autrice del furto è stata denunciata in stato di libertà.
«Velocizzare la ricostruzione e massima attenzione ai fondi Pnrr». Sono le priorità del gruppo consiliare di minoranza "Ripartiamo" guidato da Sandro Sborgia. Il giorno "zero" della giunta Lucarelli è ormai finito in archivio, con le nomine degli assessori e del vicesindaco, e ora è già tempo di confronti in vista della prima seduta del consiglio comunale in programma per il prossimo 29 giugno.

La minoranza targata Sborgia tiene alta l’attenzione su quelle che sono «questioni da affrontare con la massima urgenza». Al primo posto proprio la ricostruzione post sismica. «In considerazione delle tante ed importanti questioni che necessitano di essere affrontate con estrema urgenza – dicono da Ripartiamo –, il gruppo invita il sindaco e la giunta a procedere con speditezza all’approvazione dei piani attuativi redatti e consegnati dallo studio Karrer. L’adozione dei piani consentirà ai tanti cittadini proprietari di abitazioni ubicate nelle aree perimetrate di poter finalmente avviare le attività necessarie alla ricostruzione delle loro abitazioni e al Comune di affidare la progettazione dei lavori necessari a mettere definitivamente in sicurezza il centro storico della città. Auspichiamo che la nuova amministrazione – rilanciano –, in considerazione dei tempi ristrettissimi per la presentazione dei progetti volti all’acquisizione dei fondi del Pnrr, faccia proprie le proposte avanzate dall’amministrazione uscente con particolare riguardo ai progetti relativi alla sistemazione e la riqualificazione degli impianti sportivi e per la creazione di spazi e strutture per il Coworking».

Rimane netta la posizione della minoranza sul Programma straordinario di ricostruzione. «Continueremo a profondere il massimo impegno perché il lavoro fatto in questi anni non vada perduto – sostengono –. Consapevoli delle difficoltà legate alla rigenerazione del nostro territorio, ci dichiariamo fin da subito disponibili a collaborare nella direzione di una velocizzazione del processo di ricostruzione secondo gli obiettivi fissati e nel solco del lavoro fatto. Allo stesso modo contrasteremo con forza ogni tentativo di cancellare o modificare sostanzialmente il Programma straordinario di ricostruzione, la revisione dei Piani Attuativi o altre iniziative che dovessero portare ad ulteriori quanto inutili e dannose perdite di tempo».
Aperte le iscrizioni ai corsi base, propedeutici e corsi amatoriali per l’anno scolastico 2022-2023

L’Istituto musicale “Nelio Biondi”, convenzionato con il Conservatorio “G. B. Pergolesi” di Fermo, dal 1976 si occupa di didattica e cultura musicale, sia operando come scuola di musica, sia all’interno di altre realtà con progetti e percorsi specifici.

Far musica, insieme, in un luogo speciale ed accogliente come la nuova Accademia della musica di Camerino, donata dall’Andrea Bocelli Foundation, aperta ad allievi di ogni età: questo è ciò che offre l’istituto Biondi di Camerino, un’istituzione formativa “universale”, che spazia dal repertorio classico al jazz con percorsi personalizzati di apprendimento musicale.

Partendo dall’avvicinamento alla musica fin dai primi mesi di vita e all’alfabetizzazione per i piccoli, i corsi proseguono con una serie di articolati programmi strumentali e vocali, cameristici, corali ed orchestrali pensati perché tutti possano crescere con la musica, in un ambiente ricco di stimoli e sotto la guida di docenti preparati e appassionati.



Dal 27 giugno è possibile iscriversi ai corsi di base, alla propedeutica musicale, ai corsi pre-accademici AFAM ed ai corsi amatoriali della Scuola per l’anno scolastico 2022-2023.



Tutte le informazioni: 339 7335864
Spariti due tavolini ed alcune sedie dall'area della Rocca Borgesca di Camerino abitualmente frequentata da anziani.
Il fatto increscioso sarebbe avvenuto qualche giorno fa; a farne l'amara scoperta sono stati gli stessi cittadini camerti che utilizzano quello spazio vicino al campo di bocce, per lo svago quotidiano, per una chiacchierata amichevole e per il gioco delle carte.

A segnalare l'accaduto, uno degli avventori accortosi del furto dei tavolinetti e delle sedie, indispensabili per permettere un minimo di ricreazione all'aperto, soprattutto nelle giornate della bella stagione.
Un'area che per le persone avanti con gli anni, oltretutto rappresenta uno dei rari luoghi dove trascorrere qualche ora serena in compagnia, se non addirittura quello l'unico punto di riferimento per occasioni di svago e aggregazione 
Adesso, nonostante lo scarso valore materiale delle suppellettili che sono state trafugate, i frequentatori di quello spazio si augurano che fatti incresciosi del genere non abbiano più ad accadere.  
c.c.

foto due Rocca
Un margine risicato di appena 46 voti, Camerino sceglie come sindaco Roberto Lucarelli. All’esito del voto, dunque, il capofila della lista “Camerino Insieme” ha avuto la meglio sull’ex primo cittadino Sandro Sborgia dopo un lotta testa a testa risolta sul filo di lana.

Con 1766 voti, contro i 1720 ottenuti da Sandro Sborgia, Roberto Lucarelli è il nuovo sindaco di Camerino

I voti sezione per sezione:

Sezione 1 - Lucarelli 127, Sborgia 178

Sezione 2 - Lucarelli 211, Sborgia 245

Sezione 3 - Lucarelli 215, Sborgia 188

Sezione 4 - Lucarelli 295, Sborgia 301

Sezione 5 - Lucarelli 211, Sborgia 180

Sezione 6 - Lucarelli 297, Sborgia 269

Sezione 7 - Lucarelli 207, Sborgia 150

Sezione 8 - Lucarelli 198, Sborgia 210

I componenti della lista Camerino Insieme
I componenti della lista Camerino Insieme


Partito l’abbattimento dell’ex palazzo del tribunale di Camerino. Mezzi al lavoro da questa mattina in piazza Mazzini, dopo che negli ultimi mesi si erano svolte le operazioni di sgombero dei locali.

Interventi rallentati più volte da diversi passaggi burocratici e, non da ultimo, dal rinvenimento, nei mesi scorsi, di un importante archivio storico nel sotterraneo. Oltre a questo è stato necessario anche il coinvolgimento della Soprintendenza per la tutela di un portale in pietra conservato nel sotterraneo. Un percorso lungo e travagliato, quello che ha portato all’inizio dei lavori, condizionato anche dalla presenza sulla sommità dell’edificio di diversi dispositivi di trasmissione, tra cui un’antenna telefonica.

Un’opera molto attesa dai cittadini di Camerino, che vedono ora concreti passi avanti per la ricostruzione anche delle abitazioni adiacenti all’ex palazzo di giustizia. L’intervento – fortemente voluto dall’amministrazione Sborgia –, è finanziato per 640mila euro. Si tratta dell’abbattimento più grande del cratere. La struttura, che in pieno centro storico domina la piazza nel punto più alto della città, era stata costruita nel 1966. Inaugurata nel 1970, fino al settembre 2013 ha ospitato gli uffici giudiziari, poi accorpati al Tribunale di Macerata per effetto della riforma. Proprio nel 2016, a pochi mesi di distanza dalla data del rovinoso sisma, grazie ad un accordo tra Comune di Camerino e Unicam, alcuni piani del palazzo erano divenuti sede dei Corsi di Laurea in Informatica.

Carla Campetella
Si sono svolti nella settimana dal 23 al 27 maggio, all’Accademia della Musica, i saggi finali della scuola media a indirizzo musicale “G. Boccati” di Camerino.
Ad esibirsi gli alunni iscritti alle classi di flauto traverso, percussioni, pianoforte e violoncello, guidati in modo egregio dai docenti di strumento professori Valentina Del Carpio, Roberto Bisello, Alessandro Menichelli, Elena Antongirolami e Paola Stizza.

Istituito tre anni fa grazie al dirigente prof. Maurizio Cavallaro e attivato all’interno del curricolo della scuola secondaria di I grado, il corso a indirizzo musicale è una delle eccellenze dell’Istituto Comprensivo “Ugo Betti”, che fa della musica e dell’espressione artistica in genere il suo credo. Questo perché imparare a suonare uno strumento rappresenta un’occasione di socializzazione imperdibile, sviluppa la creatività̀, contribuisce a migliorare le relazioni tra coetanei e favorisce un armonioso sviluppo psicofisico. La musica offre frequenti momenti di incontro con le discipline letterarie, scientifiche e storiche, accrescendo così il bagaglio culturale di chi la pratica. Ciò è avvenuto nel corrente anno scolastico alla secondaria “Boccati” dove, oltre agli effetti sulla socializzazione, si è riscontrato un miglioramento delle prestazioni degli studenti anche nelle altre discipline.
Gruppo violoncelli boccati

Tutti gli studenti dell’indirizzo musicale, dalla prima alla terza classe, si sono dunque cimentati davanti a un folto pubblico in programmi vari ed articolati, impaginati non solo con brani da studio, ma anche con alcuni capolavori della letteratura musicale classica: valzer e preludi di Chopin, estratti dalle suite per violoncello di Bach, sonate di Mozart… Abbiamo inoltre ascoltato brani con organici cameristici vari, come una Sonata di Händel per flauto, violoncello e pianoforte, o l’originale versione del Ballo in fa diesis minore di Angelo Branduardi per voce recitante, flauto, violoncello e percussioni. Insomma, un repertorio di altissimo livello che, spaziando dalla musica barocca fino ai giorni nostri, ha dato modo ai giovani interpreti di mostrare tutto il loro valore frutto di talento e serio impegno.
Musica classica Boccati
Grande soddisfazione ha espresso alla fine di ogni esibizione il dirigente Scolastico prof. Francesco Rosati, complimentandosi con gli insegnanti per l’ottimo lavoro svolto ed esortando gli studenti a continuare con lo studio di uno strumento musicale anche dopo il conseguimento del diploma.
La musica aiuta infatti ad elevare lo spirito e migliora le relazioni umane, stimolando la condivisione di una esperienza emotiva. La musica è un patrimonio di tutti e per questo va coltivata non solo da chi proseguirà gli studi musicali a livello accademico, ma anche da quei giovani che faranno scelte professionali diverse.

gruppo musica Boccati

gruppo 2 boccati

gruppo 3 Boccati




Nell’agosto 2017 l’amministrazione comunale - sindaco Pasqui, vicesindaco Lucarelli - sceglie l’area a valle della strada provinciale 256 denominata “Area SAE1 3 – Camerino 2”, per l’allestimento del campo container per 250 studenti Unicam. 
Su tale area è nota la presenza di una frana attiva, come documentato anche dallo studio di micro-zonazione sismica, commissionato nel 2014 dalla stessa amministrazione e pubblicato sul sito del comune nel luglio 2017 (frana n. 3012).

Nella foto sotto: Estratto dalla carta delle microzone omogenee in prospettiva sismica (MOPS)
frana  
Nonostante tale indicazione, l’amministrazione scelse comunque di allestire su quest’area il campo container, preventivando un importo dei lavori pari a circa tre milioni di euro (€ 2.370.000 lotto 1 più € 640.000 lotto 2 per un lungo marciapiede).

Nel marzo scorso, nonostante le palificazioni, i drenaggi e le terre armate, la frana è ricomparsa, rovinando e rendendo inagibile una parte delle costose opere volute dagli amministratori dell’epoca.

Foto 1  – Porzione di marciapiede franato in prossimità dell’ingresso al campo container
frana 2


Foto 2- – Sprofondamento del marciapiede realizzato su terre armate

fran 3

Foto 3 – La  frana sul tratto della strada provinciale 256frana 4


Foto 4 – La frana sotto la strada provinciale 256 in corrispondenza del primo container
frana 5


Commozione e cordoglio a Camerino per la scomparsa dell'avvocato Giovanni Gaeta. La città perde un'altra illustre personalità. Il decesso è avvenuto questa mattina .   
Nato a Matera, Giovanni Gaeta era approdato, giovanissimo, con la famiglia a Camerino, dove il padre Giuseppe era stato chiamato a rivestire l’incarico di ispettore scolastico.
Qui si laureò in giurisprudenza e iniziò una brillante carriera di avvocato, prima presso lo studio dell’avv. Giuseppe Sartori, quindi in autonomia. Ben presto il suo studio crebbe acquisendo clientela anche importante e divenendo così uno dei primi di Camerino.
Negli anni Novanta Giovanni Gaeta fu anche presidente dell’ordine degli avvocati, che allora era collegato all’esistenza del tribunale. Oltre alla professione, fu attivo nel mondo della politica e dell’amministrazione come aderente al Partito repubblicano italiano, che a Camerino godeva di soglie importanti di elettorato.
Nel 1975 fu eletto per la prima volta consigliere provinciale nelle elezioni del 15 giugno; per tutto il quinquennio successivo fu anche assessore ai lavori pubblici e vice presidente della provincia; nel giugno 1980 fu rieletto consigliere ed entrò ancora a far parte della giunta, dimettendosi tuttavia nel dicembre 1981.
Essendo infatti anche consigliere comunale a Camerino, nel novembre 1981 era stato eletto sindaco “in corso di legislatura” a capo di una giunta che metteva all’opposizione la Dc dopo quasi tre decenni di ininterrotto governo cittadino. L’esperienza ebbe termine nel 1985, allorquando venne eletto sindaco l’avvocato Emanuele Grifantini.

Dal 1990 al 1993 rivestì l’incarico di vice sindaco di una giunta che vedeva a capo lo stesso Grifantini e in tale veste, il 18 marzo 1991, si recò a salutare con la fascia tricolore, in una piazza del Popolo gremita fino all’inverosimile, papa Giovanni Paolo II in visita a Sanseverino Marche prima di recarsi a Camerino. Cessata nel 1995 l’esperienza comunale, continuò a occuparsi di politica con il distacco che ormai gli consentiva l’esperienza accumulata e l’affievolirsi del calore della passione immediata. Ha continuato a coltivare la professione forense praticamente fino all’ultimo, affiancato dai suoi figli Giuseppe e Rosella. Problemi di salute lo hanno assalito non più tardi di due o tre mesi fa. Lunedì 23 maggio si è dovuto arrendere alla forza della malattia lasciando nel dolore della perdita la sua gentile consorte Nanda, i figli Giuseppe e Rosella, la nuora e gli adorati nipoti. 
I funerali si svolgeranno domani, martedì 24 maggio alle ore 15.30 nella basilica di San Venanzio. 
Porte delle discoteche sbarrate per un anno a sei matelicesi, tutti tra i 23 e i 38 anni. Lo ha stabilito il questore di Macerata, Vincenzo Trombadore, su segnalazione dei carabinieri della Compagnia di Camerino e dopo le indagini dei militari della Stazione di Matelica.

Le ragioni del provvedimento, che impedisce ai sei giovani l’accesso e l’avvicinamento a tutti i locali da ballo della città per almeno un anno, risalgono a fine febbraio. I sei denunciati, insieme a un altro ragazzo ancora non rintracciato dalle forze dell’ordine, avevano scatenato una rissa fuori da un locale a Matelica. I carabinieri hanno ricostruito gli avvenimenti di quella notte, denunciando i responsabili all’Autorità Giudiziaria e chiedendo provvedimenti amministrativi a loro carico. I sei protagonisti della colluttazione, la maggior parte dei quali per altro gravati da precedenti per reati contro il patrimonio e contro la persona, sono stati quindi sanzionati dalla Questura. Per un anno non potranno accedere ai locali della città matelicese, né stazionare nelle loro vicinanze.
Pagina 1 di 98

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo