chANCE banner Appennino 1022 200px

CONTRAM STIPENDI A RISCHIO. BISONNI: “LA REGIONE FACCIA UN MEA CULPA”

Mercoledì, 20 Luglio 2016 17:26 | Letto 1965 volte   Clicca per ascolare il testo CONTRAM STIPENDI A RISCHIO. BISONNI: “LA REGIONE FACCIA UN MEA CULPA” “Contram. Mancano 5 milioni e gli stipendi dei lavoratori sono fortemente a rischio. Accanto alla forte preoccupazione per loro e per le loro famiglie non può essere taciuta la forte responsabilità della Regione che nel settore del trasporto pubblico locale ha di fatto buttato i soldi dalla finestra.” Così interviene il Consigliere regionale Sandro Bisonni riferendosi alla difficile situazione in cui si trova la società pubblico – privata che gestisce il trasporto pubblico – privato extraurbano locale. “Ho avuto modo di denunciare in Consiglio regionale – prosegue Bisonni – come la Giunta regionale nell’agosto 2015 abbia stabilito l’aumento del 10% delle tariffe sul trasporto pubblico locale su gomma giustificando la manovra necessaria a rispettare l’indice di efficientamento voluto dallo Stato come ‘aumento uso servizio pubblico – chilometri coperti’. Manovra assolutamente non necessaria visto che questo parametro era già rispettato dalle Marche e conosciuto agli uffici regionali. Errore di valutazione? Fatto è che la Regione a causa della diminuzione del numero dei passeggeri, nel 2016 ha perso contributi statali pari a 3 milioni e 200 mila Euro. Potrebbe sembrare un rompicapo ma purtroppo rappresenta una vera e propria cartina di tornasole che afferma l’incapacità della Regione di svolgere un’attività di programmazione seria e precisa. Oggi se quelle somme non fossero state praticamente buttate via i lavoratori della Contram non avrebbero il terrore di perdere stipendio e quattordicesima. E’ poi di questi giorni la notizia che anche la legge regionale approvata nel 2015 sulle proroghe dei contratti rischia l’incostituzionalità e che gli Uffici si sono già attivati per procedere con atti amministrativi per riparare gli errori normativi. “Di questo passo – conclude Bisonni – andremo a finire in un vicolo cieco e sarà difficile spiegare ai cittadini che i futuri aumenti in realtà erano evitabili, che le corse saranno ridotte, che intere famiglie di lavoratori andranno in sofferenza. Questa amministrazione regionale ancora una volta ci mostra la sua incapacità a governare e come marchigiani non ne possiamo esserne felici.”

Contram. Mancano 5 milioni e gli stipendi dei lavoratori sono fortemente a rischio. Accanto alla forte preoccupazione per loro e per le loro famiglie non può essere taciuta la forte responsabilità della Regione che nel settore del trasporto pubblico locale ha di fatto buttato i soldi dalla finestra.” Così interviene il Consigliere regionale Sandro Bisonni riferendosi alla difficile situazione in cui si trova la società pubblico – privata che gestisce il trasporto pubblico – privato extraurbano locale.

Ho avuto modo di denunciare in Consiglio regionale – prosegue Bisonni – come la Giunta regionale nell’agosto 2015 abbia stabilito l’aumento del 10% delle tariffe sul trasporto pubblico locale su gomma giustificando la manovra necessaria a rispettare l’indice di efficientamento voluto dallo Stato come ‘aumento uso servizio pubblico – chilometri coperti’.

Manovra assolutamente non necessaria visto che questo parametro era già rispettato dalle Marche e conosciuto agli uffici regionali.

Errore di valutazione? Fatto è che la Regione a causa della diminuzione del numero dei passeggeri, nel 2016 ha perso contributi statali pari a 3 milioni e 200 mila Euro.

Potrebbe sembrare un rompicapo ma purtroppo rappresenta una vera e propria cartina di tornasole che afferma l’incapacità della Regione di svolgere un’attività di programmazione seria e precisa.

Oggi se quelle somme non fossero state praticamente buttate via i lavoratori della Contram non avrebbero il terrore di perdere stipendio e quattordicesima.

E’ poi di questi giorni la notizia che anche la legge regionale approvata nel 2015 sulle proroghe dei contratti rischia l’incostituzionalità e che gli Uffici si sono già attivati per procedere con atti amministrativi per riparare gli errori normativi.

Di questo passo – conclude Bisonni – andremo a finire in un vicolo cieco e sarà difficile spiegare ai cittadini che i futuri aumenti in realtà erano evitabili, che le corse saranno ridotte, che intere famiglie di lavoratori andranno in sofferenza. Questa amministrazione regionale ancora una volta ci mostra la sua incapacità a governare e come marchigiani non ne possiamo esserne felici.”

Letto 1965 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo