Pasqui a Matteo Ricci: "Venga a visitare il disastro di queste zone e chieda scusa"

Domenica, 03 Marzo 2019 15:13 | Letto 2513 volte   Clicca per ascolare il testo Pasqui a Matteo Ricci: "Venga a visitare il disastro di queste zone e chieda scusa" Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci avrebbe annunciato querela nei confronti di una cittadina di Muccia, a suo dire, rea di aver dato notizie false in riferimento ad alcuni fondi europei destinati al pesarese e innescando la protesta accesa dei Comitati del terremoto che  aloro volta, hanno chiesto l appoggio dei sindaci delle zone terremotate. A questo annuncio il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui ha subito risposto affermativamente con un comunicato, da sindaco a sindaco:  Se proprio vuoi prendertela con i terremotati, caro sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, prenditela con me. - ha  scritto Pasqui-  Capisco la necessità di fare il bullo in un momento di grande nervosismo, dovuto alle Primarie di ciò che rimane del partito di appartenenza - ma minacciare querele verso cittadini che non hanno più nulla e hanno perso tutto é cadere veramente in basso. Quereli me, signor sindaco. Se non ci sono gli estremi mi dica come appellarla e lo farò, così da fornire ai suoi avvocati una ragione valida. Oppure, se vuole dimostrarsi ragionevole e capace di azioni dalla parte della gente e fuori da quel partito, venga a trovarmi a Camerino, venga a trovare i suoi colleghi di Muccia, di Pieve Torina, di Visso, di Castelsantangelo e si renda conto di che cosa vive la nostra gente da ormai trenta mesi. Quel terremoto che per Pesaro ed il Pesarese é stato - grazie a quel partito oggi chiamato alle Primarie - come una vincita al Superenalotto, per noi é stato devastazione e disgregazione. Venga, confrontiamoci mentre passeggiamo tra puntelli e macerie e le verrà naturale chiedere scusa piuttosto che minacciare querele. Denunciare un terremotato in un momento di assoluto abbandono - ha dichiarato il sindaco di Camerino- dove la ricostruzione non riparte, dove cè muffa nelle sae,  dove ancora siamo a puntellare le strutture pubbliche sulla pubblica via e anche le private,  io credo che significa non aver compreso neanche lontanamente lo stato di abbandono e di difficoltà di tutto un popolo del Centro Italia.  Ora che ci sono dei fondi che potevano essere gestiti in maniera diversa e più adeguata io credo che sia sotto gli occhi di tutti quindi il caro collega Matteo lo invito realmente a venire su questi territori; sarò io a fare da guida a Muccia, a Castel SantAngelo,  a Visso a Camerino a Ussita,  a Caldarola e in tante altre località così sarò  sicuro, e quello che ho scritto nella nota lo ribadisco, che chiederà semplicemente scusa a quel cittadino.  Reputo veramente fuori luogo un intervento di questo genere e mi metto comunque a disposizione del sindaco Matteo Ricci per fare qualunque confronto-incontro produttivo e costruttivo per questi territori; certo - conclude Pasqui- da sindaco della città di Camerino ma anche da cittadino di questa terra, non posso permettere a nessuno di comportarsi in questo modo perché veramente siamo fuori da qualunque tipo di ragionamento accettabile.  

Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci avrebbe annunciato querela nei confronti di una cittadina di Muccia, a suo dire, rea di aver dato notizie false in riferimento ad alcuni fondi europei destinati al pesarese e innescando la protesta accesa dei Comitati del terremoto che  aloro volta, hanno chiesto l' appoggio dei sindaci delle zone terremotate. A questo annuncio il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui ha subito risposto affermativamente con un comunicato, da sindaco a sindaco: " Se proprio vuoi prendertela con i terremotati, caro sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, prenditela con me. - ha  scritto Pasqui-  Capisco la necessità di fare il bullo in un momento di grande nervosismo, dovuto alle Primarie di ciò che rimane del partito di appartenenza - ma minacciare querele verso cittadini che non hanno più nulla e hanno perso tutto é cadere veramente in basso. Quereli me, signor sindaco. Se non ci sono gli estremi mi dica come appellarla e lo farò, così da fornire ai suoi avvocati una ragione valida. Oppure, se vuole dimostrarsi ragionevole e capace di azioni dalla parte della gente e fuori da quel partito, venga a trovarmi a Camerino, venga a trovare i suoi colleghi di Muccia, di Pieve Torina, di Visso, di Castelsantangelo e si renda conto di che cosa vive la nostra gente da ormai trenta mesi. Quel terremoto che per Pesaro ed il Pesarese é stato - grazie a quel partito oggi chiamato alle Primarie - come una vincita al Superenalotto, per noi é stato devastazione e disgregazione. Venga, confrontiamoci mentre passeggiamo tra puntelli e macerie e le verrà naturale chiedere "scusa" piuttosto che minacciare querele.

" Denunciare un terremotato in un momento di assoluto abbandono - ha dichiarato il sindaco di Camerino- dove la ricostruzione non riparte, dove c'è muffa nelle sae,  dove ancora siamo a puntellare le strutture pubbliche sulla pubblica via e anche le private,  io credo che significa non aver compreso neanche lontanamente lo stato di abbandono e di difficoltà di tutto un popolo del Centro Italia.  Ora che ci sono dei fondi che potevano essere gestiti in maniera diversa e più adeguata io credo che sia sotto gli occhi di tutti quindi il caro collega Matteo lo invito realmente a venire su questi territori; sarò io a fare da guida a Muccia, a Castel Sant'Angelo,  a Visso a Camerino a Ussita,  a Caldarola e in tante altre località così sarò  sicuro, e quello che ho scritto nella nota lo ribadisco, che chiederà semplicemente scusa a quel cittadino.  Reputo veramente fuori luogo un intervento di questo genere e mi metto comunque a disposizione del sindaco Matteo Ricci per fare qualunque confronto-incontro produttivo e costruttivo per questi territori; certo - conclude Pasqui- da sindaco della città di Camerino ma anche da cittadino di questa terra, non posso permettere a nessuno di comportarsi in questo modo perché veramente siamo fuori da qualunque tipo di ragionamento accettabile".  

Letto 2513 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo