CORSASPADA 1022X200
L’installazione di sistemi di purificazione dell’aria nelle aule scolastiche è al centro di una interrogazione presentata dal gruppo consiliare Radici al Futuro, al Sindaco e alla Giunta comunale di Camerino.
Nella nota,si ricorda che «la regione Marche ha impegnato risorse importanti da investire sugli impianti di areazione nelle scuole, divenendo anche un vero e proprio esempio per la stampa nazionale. A Camerino, però, questa soluzione non sarebbe ancora stata praticata.
Il ricambio dell’aria all’interno delle aule - scrivono i consiglieri di Radici al Futuro -  è una soluzione importante per rendere più agevole la presenza degli studenti negli ambienti scolastici, evitando lo spreco di calore e energia che provoca l’inevitabile apertura delle finestre con il conseguente abbassamento delle temperature e quindi il dilagare dei malanni di stagione.
I sistemi di purificazione d’aria in commercio - continua la nota - utilizzano tecnologie che permettono di ottenere un abbattimento fino al 99% dei microrganismi presenti nell’aria. Diversi studi confermerebbero che per arginare la circolazione del virus sia necessario far crescere l'uso della ventilazione e che, quindi, si deve investire in sistemi meccanici di aspirazione e purificazione dell’aria».

Gianluca Pasqui, Antonella Nalli, Roberto Lucarelli e Stefano Falcioni chiedono, quindi, al Sindaco e alla Giunta «se è stata presentata domanda di contributo, alla regione Marche, per l’installazione di sistemi di purificazione dell’aria nelle strutture scolastiche; nel caso in cui non sia stata presentata, se è intenzione di codesto Ente volerla presentare;nel caso in cui non si ritenga opportuno presentare la domanda, quale sia la motivazione».
Il consiglio comunale, nella seduta dello scorso 29 novembre, ha approvato all’unanimità una mozione avente per oggetto la tutela dell'ospedale di Camerino e, contestualmente, due emendamenti promossi dal gruppo consiliare Radici al Futuro.
Il primo, riguarda la possibilità di indire bandi specifici da parte dell'Area Vasta 3 per la Cardiologia di Camerino. Il secondo, invece, è inerente la volontà di potenziare la Medicina dello Sport in modo tale da portare una eccellenza sanitaria nel territorio camerte.

"Quando si parla di sanità e di salvaguardia del nostro ospedale - spiegano i consiglieri Nalli, Lucarelli, Falcioni e Pasqui - siamo, ovviamente, tutti dalla stessa parte. Ben vengano tutti i miglioramenti che si possono fare, purchè siano sempre nell'ambito della normativa vigente. Siamo contenti che i nostri emendamenti siano stati approvati all'unanimità, ma restano ancora alcune perplessità che non ci sono state ben chiarite.
Infatti, crediamo che la mozione proposta dovesse riguardare l'intero ospedale di Camerino e non solo il reparto di Cardiologia. Nel testo presentato al consiglio comunale, si fa riferimento al fatto che siano state fatte specifiche richieste all'Asur sulle motivazioni che hanno portato diversi medici ad abbandonare la Cardiologia camerte per approdare in altri lidi. Avremmo ritenuto più logico e completo inserire nella mozione anche altri reparti, come ad esempio quello di Ortopedia".
Si dicono delusi e amareggiati i componenti del gruppo consiliare di minoranza Radici al Futuro, composto da Antonella Nalli, Roberto Lucarelli, Stefano Falcioni e Gianluca Pasqui, dopo l’incontro avvenuto lo scorso sabato a Camerino per fare il punto sulla ricostruzione post sisma. L’occasione è stata favorevole per parlare dell’approvazione del programma straordinario di ricostruzione per la città e fornire qualche numero sulla ricostruzione privata e delle chiese dell’arcidiocesi. Ma questo non ha soddisfatto i consiglieri che si aspettavano risposte anche ad un interrogativo che avevano sollevato.

“Quando qualche giorno fa avevamo espresso le nostre perplessità sui piani attuativi della perimetrazione del quartiere Vallicelle - commentano i consiglieri - presentando una interrogazione che riguarda anche le altre frazioni e il centro storico in perimetrazioni, eravamo convinti che durante lassemblea sarebbe arrivata da parte dellamministrazione una replica puntuale su ogni interrogativo sollevato. Sarebbe stato doveroso, anche per i cittadini presenti, a dire il vero molto pochi. Non solo abbiamo atteso le risposte, ma abbiamo anche partecipato perché se ci sono buone notizie per la Città siamo i primi ad esserne contenti. Tuttavia, di risposte non ce ne sono state. Si è trattato - incalzano - di un incontro completamente inutile e autocelebrativo, una sintesi di numeri e dati sul passato che nulla hanno aggiunto per il futuro”.

L’amministrazione è in carica ormai da due anni e mezzo, è a metà mandato, e il gruppo consiliare si sarebbe aspettato “di più oltre al compitino”, illustrando il progetto per Camerino che si intende perseguire. Lamentano anche l’assenza di dibattito durante l’incontro di quattro ore “dove davvero non è stato detto nulla né sui piani attuativi delle zone perimetrate né su altri aspetti degni di nota. Ringraziamo il Magnifico rettore e larcivescovo Massara che sono intervenuti raccontando i progetti di Unicam e Diocesi. Ringraziamo anche larchitetto Karrer per lillustre presenza. Siamo davvero molto preoccupati perché abbiamo visto un sindaco e unamministrazione completamente in confusione, che vanno per una strada che non hanno tracciato - concludono - e che nonostante tutto continuano a chiudersi sempre più su loro stessi rifiutando qualsiasi tipo di supporto o confronto”.

Gaia Gennaretti

Un immobilismo preoccupante: i cittadini meritano risposte concrete perchè stanno aspettando da troppo tempo. Va all'attacco la minoranza consiliare di Camerino alla vigilia dell'incontro che il sindaco Sandro Sborgia ha fissato con la cittadinanza per fare il punto sullo stato della ricostruzione.

Il riferimento del gruppo consiliare di minoranza Radici al Futuro riguarda in particolare la questione delle perimetrazioni di alcune zone di Camerino e, nello specifico, di una parte del centro storico, di Vallicelle, Borgo San Giorgio e delle frazioni di Arnano, Calcina, Nibbiano, Sant’Erasmo e Piegusciano.

“Da oltre 14 mesi, ovvero dalla emanazione della determina a contrarre, ancora non abbiamo notizie ufficiali da parte dell’amministrazione e non si hanno informazioni certe sullo stato di avanzamento delle attività, ad eccezione del "Quadro conoscitivo generale - Prime considerazioni" pubblicato ad agosto ma che contiene una mera ricognizione del territorio e nessuna indicazione strategica. Non si ha alcuna informazione nemmeno per le frazioni i cui piani attuativi dovevano essere consegnati anche prima - si legge in una nota del gruppo - Secondo quanto dichiarato dall’amministrazione la scelta di lasciare perimetrate queste aree è stata dettata da considerazioni legate a stringenti ragioni di sicurezza, alla riqualificazione del tessuto urbano e a situazioni di pericolo legate a condizioni idrogeologiche e di amplificazione sismica e pertanto si rendeva necessaria la redazione dei piani attuativi per valutare tutti gli interventi urbanistici o di delocalizzazione necessari a risolvere in maniera definitiva le criticità evidenziate. Ad oggi, però, abbiamo soltanto notizie frammentarie e rumors su incontri estemporanei fra amministrazione e cittadini riguardo un’idea progettuale che prevede la delocalizzazione di alcuni edifici, la realizzazione di piazze, locali commerciali, l’interramento e/o lo spostamento delle linee elettriche di alta tensione.
A fronte di tali idee progettuali non è stato però illustrato un aspetto che tutti gli addetti ai lavori oggi conoscono benissimo: non esistono ad oggi linee di finanziamento per attuare quanto ipotizzato dai piani attuativi, non previste neanche, a differenza di altre ordinanze speciali, 
"L'amministrazione non ha ancora approvato il bilancio consolidato riferito al 2020".  E’ questa la denuncia che arriva dai consiglieri del gruppo di minoranza Radici al Futuro Antonella Nalli, Roberto Lucarelli, Stefano Falcioni, Gianluca Pasqui, che pungola l'amministrazione comunale di Camerino a guida Sandro Sborgia.

"La mancata approvazione del bilancio consolidato entro i termini del 30 settembre è, ancora una volta, sintomatica della scarsa capacità organizzativa di questa amministrazione comunale - la denuncia del gruppo - Già nel corso dell’ultima seduta del consiglio comunale, avevamo già fatto esplicitamente presente all’assessore competente che era in netto ritardo per l’approvazione del bilancio consolidato, ricevendo come risposta rassicurazioni sul fatto che a brevissimo ci sarebbe stato un nuovo consiglio. Arrivati a metà ottobre, invece, quindi ben oltre la scadenza,ancora non si ha conoscenza su quando sarà convocato il consiglio. Sicuramente non si può ancora accampare la scusante dell'emergenza Covid per un ritardo che ormai comincia ad assumere carattere rilevante. Non abbiamo ancora fatto segnalazioni formali agli organi deputati a far rispettare tali scadenze per non mettere in difficoltà gli uffici, ma il Sindaco e l'amministrazione devono pure assumersi qualche responsabilità di fronte ai cittadini. Chiediamo, quindi, che facciano sapere pubblicamente le ragioni che hanno impedito di portare in Consiglio la proposta di delibera per la discussione del bilancio consolidato non rispettando la scadenza di legge fissata al 30 settembre”.


“Il Comune di Camerino non ha presentato nessun progetto per il Contratto Istituzionale di Sviluppo”. Lo ha denunciato il gruppo consiliare di minoranza Radici al Futuro, con una nota in cui il sodalizio guidato dal vicepresidente del Consiglio Regionale esprime le perplessità legate alla “mancanza di strategia e di visione del sindaco Sandro Sborgia e della sua amministrazione”.

Nel comunicato diramato alla stampa, Radici al Futuro accusa l’amministrazione di “aver perso un treno che non ripassa. In merito ai progetti del CIS Area Sisma, di cui nei giorni scorsi è uscita la graduatoria, Camerino non ha presentato nessun progetto – affermano dalla minoranza –. Di fronte a 159 milioni, il sindaco Sborgia non è stato capace di presentare nessun progetto, mentre il Comune di Sarnano ha presentato un progetto da 29 milioni per le piste da sci, quello di Castelraimondo uno da quasi 9 milioni per fare una Scuola di Alta Formazione e Comunanza avrà una piscina coperta da quasi 2 milioni. Camerino è riuscita ad andare a rimorchio solo in cordata con altri Comuni per tre progetti intercomunali, tra l’altro neanche finanziati”.

Poi le proposte che Radici al Futuro credeva potessero essere rilevanti: “L’amministrazione Sborgia avrebbe potuto presentare progetti per un nuovo polo museale, per riqualificare, ristrutturare e potenziare la piscina comunale ed il palazzetto dello sport, per percorsi naturalistici e turistici nella campagna così da riqualificare anche le strade, invece non ha presentato niente. Perché i cittadini devono subire questa colossale dimostrazione di incompetenza e di disorganizzazione di un’amministrazione sempre più isolata e palesemente inadeguata ad amministrare la città?”.

“Gira voce che quando il Ministro Carfagna venne ad Ascoli per presentare i Cis Area Sisma insieme al presidente della Regione, non ci fossero né il sindaco Sborgia né nessuno dell’amministrazione – concludono i consiglieri –. Se questa assenza fosse confermata, ora sapremmo perché: puoi anche dargli i soldi ma non hanno idea di come investirli per far crescere la nostra città!”.

l.c.
Strumenti diagnostici rapidi e screening di massa per i cittadini di Camerino e per la popolazione studentesca in vista della ripresa della didattica in presenza. E' quanto chiede all'mministrazione comunale il gruppo consiliare di opposizione "Radici al futuro".

"Riteniamo opportuno - dichiara il consigliere Roberto Lucarelli - effettuare uno screening di massa per la tutela della nostra popolazione e per questo abbiamo rivolto la mozione alla maggioranza. Vediamo che in comuni limitrofi al nostro da qualche giorno tali operazioni sono iniziate e non vediamo perchè lo stesso non possa farsi anche a Camerino. Si tratta, ripeto, di una tutela per l'intera popolazione, compresa quella studentesca nel momento in cui si parla di riaperture delle scuole, che insieme ai vaccini può contribuire a far vincere la battaglia contro il Coronavirus. Dai dati risulta purtroppo un numero sensibile di contagi anche nella nostra città e riteniamo opportuno provvedere ad organizzare dei punti di screening massivo e non semplicemente a campione che consentano di fornire un utile quadro ‘in tempo reale’ della diffusione del virus tra i cittadini e tra la popolazione studentesca". 

f.u.
Donatella Pazzelli non ricoprirà più il ruolo di segretaria del sindaco di Camerino Sandro Sborgia. Una decisione, quella del primo cittadino camerte, commentata da Gianluca Pasqui, capogruppo in Consiglio Comunale di "Radici al Futuro" e già sindaco della città. 
Nella nota diffusa da Pasqui, che in occasione del suo mandato si era avvalso della collaborazione della dottoressa Pazzelli, si legge: "Apprendo questa mattina, con sincero dispiacere e rammarico, la notizia che per volontà del sindaco di Camerino, la dottoressa Donatella Pazzelli non ricoprirà più il ruolo di segretaria dello stesso primo cittadino. Una decisione decisamente inaspettata, viste le indiscusse capacità professionali che la dottoressa Pazzelli ha costantemente manifestato nel corso dei tanti anni in cui ha ricoperto con competenza e passione la sua missione lavorativa. Prima con il sindaco Fanelli, poi con il sindaco Conti e ancora con il sottoscritto, la dottoressa Pazzelli si è sempre dimostrata estremamente preparata e impeccabile nello svolgimento di un ruolo che le si addice e nel quale è sempre riuscita ad esprimere compiutamente tutte le sue capacità, anche sotto il profilo delle pubbliche relazioni. Avvocato, giornalista, scrittrice per diletto (proprio recentemente è stata pubblicata la sua ultima opera), come sindaco e come amministrazione comunale abbiamo sempre trovato in lei una validissima collaboratrice anche per quanto concerne l’organizzazione delle attività culturali a Camerino, in particolare stagione teatrale e Premio Betti. A nome mio e di tutto il gruppo consiliare Radici al Futuro, faccio alla dottoressa Pazzelli i migliori auguri per il prosieguo della sua attività professionale all'interno dell'ente locale, qualunque essa sarà, perché ha dimostrato capacità professionali e umane non comuni che certamente saranno un prezioso bagaglio che arricchirà la sua prossima avventura". 

l.c.
Gara di appalto che va deserta per l’assegnazione del locale del Mastio alla Rocca Borgesca di Camerino e il gruppo di minoranza “Radici al futuro” punto il dito sull’operato dell’amministrazione Sborgia. 

“Il tempo è galantuomo e (purtroppo) anche stavolta i fatti ci hanno dato ragione – si legge in una nota del gruppo - La gara per l'assegnazione del locale è andata nuovamente deserta esattamente come avevamo immaginato a suo tempo: non era difficile ipotizzare che sarebbe andata così, a fronte di un bando troppo oneroso per chi se lo fosse aggiudicato, data l'entità dei lavori di ristrutturazione da dover svolgere.
L'amministrazione comunale – prosegue la nota - cerca di giustificare questo nuovo flop, addossando la colpa all'emergenza Covid, ma la verità è che deve assumersi le proprie responsabilità e, con umiltà, provare a svegliarsi dal torpore con il quale sta fiaccando il tessuto sociale ed economico della nostra città.
Il libro delle fiabe che è stato raccontato ai cittadini è ormai quotidianamente smascherato dalla palese incapacità e dall'arroganza con la quale sta amministrando Camerino.
Anche sulla vicenda del locale alla Rocca Borgesca eravano stati tacciati di fare sterili polemiche e sbeffeggiati con appellativi come 'bontemponi' (citazione letterale). Invece, dobbiamo registrare l'ennesimo fallimento dell'amministrazione Sborgia anche su uno dei luoghi simbolo della nostra città”.


f.u.
Programma straordinario della ricostruzione: nella serata di ieri si è svolta la riunione con i Capigruppo, aperta anche alla minoranza, per discutere sulla proposta di Programma. Il sindaco Sborgia ha aperto l’incontro a tutti i consiglieri, in modo da avere la massima condivisione su un tema fondamentale per la città ducale. Il primo cittadino camerte ha spiegato: "Proseguiamo con l’iter che porterà all’approvazione di questo fondamentale documento. Abbiamo illustrato la proposta e non ci sono state richieste avanzate da parte della minoranza. Domani sarà la volta di una seconda assemblea pubblica con la cittadinanza per rispondere alle domande dei cittadini e illustrare le eventuali integrazioni. Questo è un momento importantissimo per la città: non possiamo rimandare ancora, la ricostruzione deve partire. I cittadini aspettano da tanto tempo questo momento, sono passati quattro anni. Bisogna agire, senza fretta ma senza ulteriori indugi".

Intanto il gruppo consiliare Radici al Futuro ha fatto sapere, con una nota, di aver avanzato una richiesta di convocazione di un consiglio comunale aperto per discutere del PSR. "Un atto dovuto - si legge nella nota del gruppo - dopo che delle nostre richieste fatte all'amministrazione comunale è stata accolta solamente quella relativa alla data di svolgimento della riunione dei capigruppo. Riteniamo imprescindibile lo spostamento della data ultima di presentazione delle osservazioni al PSR al 10 gennaio prossimo e, soprattutto per garantire un corretto iter procedurale, che il consiglio comunale in cui lo stesso PSR verrà varato sia preceduto da una seduta aperta.  Infatti, la Parte Seconda, Capitolo 8 delle Linee Guida allegate all’Ordinanza 107 recita: 'La  partecipazione dei cittadini  all'attività amministrativa deve essere garantita anche nelle forme dell'udienza pubblica, prima delle scelte di particolare impatto urbanistico, sociale, economico'. Avendo appreso nel corso della riunione dei capigruppo che sono già arrivate diverse osservazioni al PSR e che la seduta del consiglio comunale inizialmente prevista per il 23 dicembre 2020 sarà presumibilmente spostata al 29 dicembre 2020, riteniamo ci sia una congrua tempistica per la convocazione di una assise aperta che garantisca il rispetto dell'ordinanza commissariale sopra citata".

Domani una nuova assemblea pubblica, rivolta a tutta la cittadinanza, sempre in modalità on-line, sul canale Youtube del Comune di Camerino. Saranno presentate le risposte alle osservazioni arrivate proprio dai cittadini.

red.


Pagina 1 di 4

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo