Omaggio di Camerino a Michele Scarponi. Targa in piazza Cavour, teatro della sua vittoria

scritto Mercoledì, 13 Marzo 2019

"Michele ha vinto!!". Un grido unanime accolse Michele Scarponi al taglio del traguardo della sesta tappa della Tirreno Adriatico. Era il 16 marzo di dieci anni fa quando l’entusiasmo e le braccia alzate del grande campione, avvolsero quell’indimenticabile arrivo in piazza Cavour, prima e unica vittoria nella sua regione. Da quel giorno nacque anche una reciproca ammirazione e un forte legame con Camerino, che lo portò anche ad essere testimonial della Granfondo Terre dei Varano. A ricordo del grande campione marchigiano, il prossimo sabato 16 marzo alle ore 10.30 verrà scoperta una targa in piazza Cavour: un segno tangibile che la città vuole ricordare per sempre Michele Scarponi e quel giorno. L’evento promosso dalla Fondazione Michele Scarponi dall’Ads Frecce Azzurre, si avvale della collaborazione di Unicam e del Comune di Camerino. Nell’omaggio al campione, saranno presenti volti noti del mondo delle due ruote, dello sport e del giornalismo: da Ivan Basso a Stefano Garzelli, da Gianni Savio a Beppe Martinelli, da Enzo Vicennati ad Alessandra De Stefano, al ginnasta Yuri Chechi.

Per l’occasione verrà riaperta piazza del duomo, chiusa da un anno a seguito dell’aggravamento delle lesioni delle torri campanarie della cattedrale, delle quali è stata completata la messa in sicurezza.

scrponi 6x3

 

“ Due momenti estremamente significativi- sottolinea il sindaco Gianluca Pasqui- Con la targa ricorderemo per sempre il nostro campione Michele Scarponi e, per l’occasione, verrà riaperto questo luogo caro ai camerinesi. L’omaggio al campione delle due ruote era doveroso; credo che sarà molto toccante ricordarlo, anche a ragione dei segni della sua particolare vicinanza alla nostra città e a tutto il territorio. Poco prima dell’incidente fatale- ricorda il sindaco- volle destinare alle popolazioni terremotate i fondi raccolti in occasione dell’evento sportivo annuale di Recanati. E volle dare un segnale in particolare a Camerino, città che lo aveva visto ripartire dopo un periodo non troppo felice della sua carriera sportiva, siglando con la vittoria il taglio del traguardo in Piazza Cavour. Ecco perché vogliamo ricordarlo e perché siamo grati al presidente Sandro Santacchi che con l’ Avis Frecce Azzurre, ha sentito di fare questo omaggio e proporne l’iniziativa all'amministrazione comunale. Altro aspetto estremamente significativo – prosegue Pasqui- sarà l'apertura della nostra piazza che non è da considerarsi né un momento di festa, né il taglio di un nastro. Già ho letto i soliti commenti privi di senso da parte di qualcuno sui social e, desidero sottolineare che, al pari di tutti, nemmeno io mi sto divertendo. In questo momento, ogni pezzetto di città che riapre è una conquista; se si è dovuto di nuovo chiudere la piazza, non è imputabile ad alcuno e tantomeno al sindaco, bensì ad un altro evento sismico che ha aggravato la situazione. Credo dunque- continua il sindaco- che la volontà di fare accuse, di puntare l'indice e di voler screditare, non porti alcun giovamento. Da parte mia, il non voler festeggiare l'apertura di una piazza, trae motivazione dal fatto che i festeggiamenti ci saranno, solo a Camerino ricostruita. Vedo questa riapertura, solo ed esclusivamente come un altro momento di speranza che però non è l'unico. Gli occhi di questa amministrazione, gli occhi del sindaco e di tutti coloro che stanno lavorando per il futuro della città, sono di certo puntati sul centro storico ma – sottolinea Pasqui- in maniera paritaria, lo sono sui quartieri e sulle frazioni. Non esiste, come qualcuno sta continuando ad affermare, una Camerino Scalo; esiste una Camerino e, il Comune di Camerino ha un' importanza nel suo essere in simbiosi, in totalità con tutti i suoi cittadini e con i risultati che andremo ad ottenere insieme. La riapertura di piazza Cavour non è una festa ma un punto che ci fa pensare che può esserci un futuro e anzi che quel futuro sarà certo, pur nelle difficoltà che ci sono e che vanno tenute presenti”.

C.C.

PHOTO 2019 03 13 16 02 15

il poster 6x3 in Piazza Cavour

  Clicca per ascolare il testo Omaggio di Camerino a Michele Scarponi. Targa in piazza Cavour, teatro della sua vittoria scritto Mercoledì, 13 Marzo 2019 Michele ha vinto!!. Un grido unanime accolse Michele Scarponi al taglio del traguardo della sesta tappa della Tirreno Adriatico. Era il 16 marzo di dieci anni fa quando l’entusiasmo e le braccia alzate del grande campione, avvolsero quell’indimenticabile arrivo in piazza Cavour, prima e unica vittoria nella sua regione. Da quel giorno nacque anche una reciproca ammirazione e un forte legame con Camerino, che lo portò anche ad essere testimonial della Granfondo Terre dei Varano. A ricordo del grande campione marchigiano, il prossimo sabato 16 marzo alle ore 10.30 verrà scoperta una targa in piazza Cavour: un segno tangibile che la città vuole ricordare per sempre Michele Scarponi e quel giorno. L’evento promosso dalla Fondazione Michele Scarponi dall’Ads Frecce Azzurre, si avvale della collaborazione di Unicam e del Comune di Camerino. Nell’omaggio al campione, saranno presenti volti noti del mondo delle due ruote, dello sport e del giornalismo: da Ivan Basso a Stefano Garzelli, da Gianni Savio a Beppe Martinelli, da Enzo Vicennati ad Alessandra De Stefano, al ginnasta Yuri Chechi. Per l’occasione verrà riaperta piazza del duomo, chiusa da un anno a seguito dell’aggravamento delle lesioni delle torri campanarie della cattedrale, delle quali è stata completata la messa in sicurezza.   “ Due momenti estremamente significativi- sottolinea il sindaco Gianluca Pasqui- Con la targa ricorderemo per sempre il nostro campione Michele Scarponi e, per l’occasione, verrà riaperto questo luogo caro ai camerinesi. L’omaggio al campione delle due ruote era doveroso; credo che sarà molto toccante ricordarlo, anche a ragione dei segni della sua particolare vicinanza alla nostra città e a tutto il territorio. Poco prima dell’incidente fatale- ricorda il sindaco- volle destinare alle popolazioni terremotate i fondi raccolti in occasione dell’evento sportivo annuale di Recanati. E volle dare un segnale in particolare a Camerino, città che lo aveva visto ripartire dopo un periodo non troppo felice della sua carriera sportiva, siglando con la vittoria il taglio del traguardo in Piazza Cavour. Ecco perché vogliamo ricordarlo e perché siamo grati al presidente Sandro Santacchi che con l’ Avis Frecce Azzurre, ha sentito di fare questo omaggio e proporne l’iniziativa allamministrazione comunale. Altro aspetto estremamente significativo – prosegue Pasqui- sarà lapertura della nostra piazza che non è da considerarsi né un momento di festa, né il taglio di un nastro. Già ho letto i soliti commenti privi di senso da parte di qualcuno sui social e, desidero sottolineare che, al pari di tutti, nemmeno io mi sto divertendo. In questo momento, ogni pezzetto di città che riapre è una conquista; se si è dovuto di nuovo chiudere la piazza, non è imputabile ad alcuno e tantomeno al sindaco, bensì ad un altro evento sismico che ha aggravato la situazione. Credo dunque- continua il sindaco- che la volontà di fare accuse, di puntare lindice e di voler screditare, non porti alcun giovamento. Da parte mia, il non voler festeggiare lapertura di una piazza, trae motivazione dal fatto che i festeggiamenti ci saranno, solo a Camerino ricostruita. Vedo questa riapertura, solo ed esclusivamente come un altro momento di speranza che però non è lunico. Gli occhi di questa amministrazione, gli occhi del sindaco e di tutti coloro che stanno lavorando per il futuro della città, sono di certo puntati sul centro storico ma – sottolinea Pasqui- in maniera paritaria, lo sono sui quartieri e sulle frazioni. Non esiste, come qualcuno sta continuando ad affermare, una Camerino Scalo; esiste una Camerino e, il Comune di Camerino ha un importanza nel suo essere in simbiosi, in totalità con tutti i suoi cittadini e con i risultati che andremo ad ottenere insieme. La riapertura di piazza Cavour non è una festa ma un punto che ci fa pensare che può esserci un futuro e anzi che quel futuro sarà certo, pur nelle difficoltà che ci sono e che vanno tenute presenti”. C.C. il poster 6x3 in Piazza Cavour

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo