Saranno ancora gli appartamenti in sostituzione delle SAE al centro del dibattito della seduta del consiglio comunale di Tolentino in programma per questo pomeriggio.
A prersentare l'interrogazione per conoscere le date di consegna degli appartamenti restanti sono i consiglieri del Movimento Cinque Stelle, Gianni Mercorelli e Martina Cicconetti.
"Una interrogazione che nasce dalla scadenza del 4 marzo indicata come fine dei lavori per i 46 appartamenti in contrada Rancia - spiega Martina Cicconetti - , siamo stati nel cantiere e ci hanno detto che ci vorranno altri mesi. Ci hanno detto che si andrà a finire ad ottobre 2020. Ricordiamo che il sindaco diede come prima scadenza il 31 agosto 2019 per poi non rispettare quella data".

La questione degli appartamenti in contrada Rancia è stata anche al centro di uno dei servizi del sabato nella rubrica "La realtà dei fatti" in cui il direttore di cantiere aveva già annunciato che le consegne sarebbero andate oltre la data prevista.

"Chiediamo risposte per i cittadini - aggiunge Cicconetti - - che a quasi quattro anni dal sisma non hanno una situazione stabile. Ci sono ritardi in contrada Pace, via 8 marzo, all'Ospedaletto dei pellegrini. In alcuni di questi, scondo il cronoprogramma del Comune, dovevano essere iniziati i lavori, mentre ad oggi siamo ancora nelle fasi preliminari con l'assegnazione dei lavori, ma i cantieri non sono stati aperti, come in piazzale Battaglia e per gli appartamenti a Paterno.
Un dato preoccupante - conclude il consigliere pentastellato - è quello delle persone che ad oggi rinunciano agli appartamenti. Tramite un accesso agli atti fatto in Comune sono più di 16 famiglie".

GS
E' il primo cittadino di Tolentino a rispondere in prima persona ai dubbi mossi dal Movimento 5 stelle su alcuni "rimborsi dubbi".

"Rispondo con grande serenità e fermezza  - dice Giuseppe Pezzanesi - . Queste iniziative sono fatte per buttare fango addosso ad una brillante amministrazione come quella di Tolentino che in questi anni ha valorizzato eventi di carattere nazionale ed internazionale.

Ridurre questi fenomeni di grande portata a questioni campate in aria come le spese per dieci pizze per l'ospitalità dell'artista di turno ritengo che dia la dimensione di un Movimento inadeguato a proporsi alla guida di una qualsiasi amministrazione, sia essa locale o nazionale.

Non abbiamo nulla di cui preoccupoarci, hanno fatto bene a denunciare la questione alle autorità competenti, perchè noi non abbiamo fatto nulla di sbagliato. Ricordo che dai nostri compensi già esigui, perchè io percepisco 1111 euro al mese, noi ci paghiamo il telefono, perchè nessuno di noi ha il telefono aziendale, viaggiamo con la nostra auto e paghiamo con la nostra carta di credito. Dedico 18 ore al giorno all'amministrazione pubblica.

Mi hanno contestato un biglietto del treno di 28 euro del 2016 per una missione che facevo per Tolentino, mi viene da sorridere - aggiunge - e bisogna domandarsi se questa gente sia adeguata anche al ruolo di minoranza.

Continueremo ad amministrare con serenità - annuncia il primo cittadino - poi a percorso chiuso faremo le nostre valutazioni per far stare al proprio posto chi ha buttato fango su questa amministrazione. Noi siamo orgogliosi di quello che abbiamo fatto, ma quando c'è chi ti butta il fango addosso dovrà rispondere delle proprie responsabilità". 

La risposta anche alla questione dei 50 euro che il sindaco avrebbe anticipato ad un cittadino in difficoltà che si è rivolto a lui: "Il sindaco non deve annunciare quante cose fa durante il giorno - chiarisce - . Sono una persona sensibile e che quando i cittadini allo stremo si rivolgono a me nel periodo di chiusura delle casse comunali, posso anticipare un aiuto.
I servizi sociali erogano, in questi casi, buoni pasto o piccoli contributi. Se necessario lo farò altri miliardi di volte perchè poi il procedimento viene ricondotto all'interno dei servizi sociali. Evidentemente - conclude -  chi ha fatto queste osservazioni non ha la mia stessa sensibilità".

GS
Un video per denunciare la spesa, per un totale di circa mille euro, sostenuta dall'amministrazione comunale per i cartelloni promozionali che rappresentavano il futuro Campus scolastico di Tolentino e gli appartamenti da costruire in luogo delle Sae. E' la denuncia proposta dal consigliere del Movimento 5 Stelle Martina Cicconetti che critica il sindaco Giuseppe Pezzanesi e la sua maggioranza per aver duplicato lo stanziamento. Non si è fatta attendere la risposta del primo cittadino tolentinate. "Consiglierei a questi ragazzi del Movimento 5 Stelle di calarsi maggiormente nella realtà che vivono, vale a dire quella dell'amministratore sia pure di minoranza - così il sindaco Pezzanesi - Un ruolo nel quale si dovrebbe sempre avere rispetto per le istituzioni anche quando non si è daccordo sui provvedimenti. Non capisco, infatti, tutta questa ironia per dileggiare l'operato dell'amministrazione. Al consigliere Cicconetti vorrei rispondere che la politica si fa con i fatti concreti e non mi sembra che abbiano fatto qualcosa di utile per la popolazione per la quale dicono di ergersi a baluardo. Anzichè pensare ai cartelloni, quindi, sarebbe opportuno che divenissero parte attiva, anche nei confronti del governo, per aiutare il sindaco e l'amministrazione della propria città a portare a casa quei risultati che servono a Tolentino e, perchè no, anche agli altri comuni danneggiati dal terremoto. E' ora di finirla con la politica degli spot".
Continua il dibattito che nei mesi scorsi aveva animato l'opinione pubblica sui cartelli prmozionali che rappresentavano il futuro campus scolastico di Tolentino e gli appartamenti che saranno costruiti al posto delle Sae.
A riaccendere i riflettori sulla questione è il consigliere grillino, Martina Cicconetti che in un video girato proprio in zona Pace dice: "La nostra amministrazione aveva messo alcuni cartelloni che rappresentavano quello che si dovrà realizzare in questo campo. Uno con il progetto preliminare del Campus scolastico e l'altro con gli appartamenti sostitutivi delle Sae. I cartelloni sono stati installati per ben due volte perchè si sono rovinati col maltempo, con una spesa complessiva di 350 euro.
Nei giorni scorsi è uscita una delibera di giunta dove il Comune stanzia 750 euro per ulteriori cartelloni, questa volta in pvc, affinchè la pioggia non li rovini.
Perchè non metterli subito in pvc - si chiede la Cicconetti - ? Avremmo fatto una unica spesa. Sono stati spesi 1000 euro dei cittadini di Tolentino per dei cartelli promozionali. Ritengo vergognoso - aggiunge - che i nostri cittadini debbano vedere gli appartamenti solo in cartelloni promozionali.
Così, infatti, li definiscono nella delibera.
Cosa dobbiamo promuovere? Sono trascorsi tre anni dal sisma, abbiamo consegnato 4 case su oltre 200 e l'amministrazione pensa al materiale promozionale".
Poi la stoccata sul campus: "Il sindaco annunciava che sarebbe stato pronto per l'anno scolastico 2018/2019, siamo a metà anno scolastico 2019/2020 e ad oggi non ce n'è traccia. Non c'è ancora un progetto definitivo, siamo in ritardo su tutt e loro pensano ai cartelli promozionali".

GS

Una mattinata movimentata quella appena trascorsa negli uffici della Pro Loco di Tolentino, in piazza della Libertà.
Circa una trentina di cittadini, infatti, si sono ritrovati per chiedere informazioni su come iscriversi all'associazione tolentinate, con l'intento di partecipare così in maniera attiva alla vita culturale e non solo della città.
IMG 20191026 WA0010

Non una richiesta politica, quella dei presenti tolentinati, ma solo di interesse per la città, così come la presenza del consigliere grillino, Martina Cicconetti, che ha confermato di voler fare l'iscrizione come semplice cittadina: "L'iniziativa - spiega - è nata da un gruppo di tolentinati con la volontà di partecipare attivamente all'attività dell'associazione. Purtroppo le modalità di iscrizione non sono chiare sul sito e quando questa mattina ci siamo presentati in Pro Loco non c'erano moduli di iscrizione come invece succede in altre città. Non si tratta di un movimento partito dalla politica - ci tiene a precisare - anche io ho deciso di iscrivermi come giovane tolentinate che vuole mettersi in gioco per il bene della città. Vorrei che anche da parte degli amministratori, del sindaco e degli assessori, questo gesto venga visto come una spinta positiva di interesse per Tolentino".
Poi la spiegazione di quanto accaduto stamattina: "Sono stati circa 20 i cittadini che hanno presentato la domanda di iscrizione, ora, secondo lo statuto, dopo la riunione del consiglio direttivo, queste domande potranno essere accettate o respinte. Sappiamo già che nei prossimi giorni ci saranno altri cittadini che presenteranno la loro richiesta. Il nostro - dice - non è un gesto contro qualcuno, vogliamo solo entrare a far parte di una realtà cittadina".

GS

I consiglieri grillini, Gian Mario Mercorelli e Martina Cicconetti chiedono spiegazioni sulla mancata convocazione della minoranza all'incontro di martedì scorso tra l’amministrazione tolentinate e il nuovo Commissario Straordinario per la Ricostruzione Piero Farabollini.

"All’incontro - scrivono in una nota - erano invitati anche i consiglieri comunali. Peccato che questa lettera, a noi, non sia mai arrivata. Saputo in via ufficiosa della riunione e chieste spiegazioni, ci è stato detto che in realtà si intendeva invitare solo i Consiglieri appartenenti alla maggioranza. Perché, allora, nella lettera di invito si citano tutti i Consiglieri - si chiede il Movimento - ? L’ennesima dimostrazione della tracotanza del nostro Sindaco che, mentre in pubblico si lamenta della mancata collaborazione delle minoranze, quando si arriva al dunque le stesse minoranze cerca di tenerle fuori da ogni tavolo di confronto. In compenso non manca di invitarci ad ogni taglio di nastro (l’ultimo quello per l’installazione delle panchine di fronte al teatro Vaccaj) per farci assistere alle sue autocelebrazioni. Questa volta, però, gli è andata male perché, saputo dell’incontro, i Consiglieri del MoVimento 5 Stelle si sono presentati ugualmente e hanno potuto assistere al solito “teatrino”: alla presenza di numerosi professionisti, ben poco si è parlato della situazione di coloro che sono senza casa mentre a gran voce si è richiesto l’aumento della soglia per l’affidamento diretto da parte del Comune di progettazioni e lavori, attualmente fissato a 40.000 euro, ad almeno 250.000 euro".

Intanto il Movimento si prepara al consiglio comunale aperto sul terremoto ottenuto grazie alla raccolta delle firme dei consiglieri di minoranza e di alcuni della maggioranza.

GS

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo