banner social02

Tutto pronto ai Piani di Monte Torroncello per il terzo appuntamento con RisorgiMarche.
Sarà Tosca ad incantare le colline maceratesi.
Con lo zaino pronto e le scarpe da trekking non resta che scegliere tra i tre percorsi che da Camerino, Sefro e Serravalle di Chienti condurranno il pubblico verso una nuova emozione.
Tre, infatti i percorsi a piedi che si potranno scegliere: quello di Sant'Erasmo (Camerino - 8 km) inizia dall'omonima frazione e sale per una strada solo inizialmente asfaltata fino alla frazione Nibbiano. In breve il percorso diventa una ombreggiata carrareccia, oggi in disuso e non è più accessibile ai mezzi carrabili. Il cammino, in continua ma costante dolce salita, regala magnifici panorami, che spaziano dalla collina dove sorge la città di Camerino fino ai Monti Sibillini. Giunti in prossimità della Fonte Ca’ e al Passo Varano, si continua su un breve sentiero affiancato alla pineta, per poi scendere negli ampi prati di un allevamento solo in parte recintato ma, per l’occasione, aperto al pubblico. In breve si giunge al luogo del concerto sui Piani di Monte Torroncello.

C'è poi il percorso Frazione Agolla (Sefro - 5 km) che parte superato il varco a fine abitato, ed è una carrareccia abitualmente utilizzata da chi ancora oggi lavora i terreni e gli allevamenti in quota nell’area di Montelago. Superato il passo Tribbio, dove è anche possibile scendere su un facile sentiero per visitare la grotta del Beato Bernardo, e la vicina Fonte Pigno, il percorso continua ancora in salita fino ad una deviazione a sinistra che conduce verso i piani di Monte Torroncello e all’area concerto. Nell’ultimo tratto il percorso pedonale coincide con la strada di servizio utilizzata dai mezzi dell’organizzazione e di soccorso, ma è possibile non lasciarsi distogliere dalla bellezza dei luoghi camminando lungo i vicini prati.

Infine il percorso di Frazione Copogna (Serravalle di Chienti - 5,9 km) quasi interamente su strada asfaltata non ombreggiata, con una pendenza continua e costante fino al Passo Salegri. Da lì si apre la vista sul piano superiore di Montelago, una suggestiva conca a circa 900 mt di quota circondata da rilievi appenninici che, con il Monte Igno, raggiungono i 1.435 mt. Si continua in discesa fino a superare il rifugio/ristoro di Montelago, le fresche acque della Fonte Ca’ e il Passo Varano, un taglio artificiale voluto nel 1.458 da Giulio Cesare da Varano, signore di Camerino, e ottenuto abbattendo la barriera naturale di roccia che separava i due piani. L’opera favorì il deflusso delle acque dal piano superiore a quello inferiore, e ancora oggi si sentono le acque scendere verso l’inghiottitoio sul piano inferiore, mentre in inverno creano un meraviglioso lago. Il cammino in questo punto attraversa un breve sentiero affiancato alla pineta, per poi scendere dal negli ampi prati di un allevamento, in parte recintati, che per l’occasione saranno aperti al popolo di RisorgiMarche. In breve si giunge al luogo del concerto sui Piani di Monte Torroncello.

Come per gli altri concerti seguiremo l'evento con foto e video. Segnale permettendo, vi aggiorneremo con collegamenti in diretta Radio e Facebook.
Continuate quindi a seguirci sui nostri canali.

GS

auto WhatsApp Image 2019 07 18 at 14.06.13

WhatsApp Image 2019 07 18 at 14.21.06

WhatsApp Image 2019 07 18 at 14.18.52

WhatsApp Image 2019 07 18 at 14.07.42

aWhatsApp Image 2019 07 18 at 14.35.48

WhatsApp Image 2019 07 18 at 14.39.28

aWhatsApp Image 2019 07 18 at 14.41.00

WhatsApp Image 2019 07 18 at 16.19.45
stand del merchandising gestito dall'Anffas Sibillini Onlus

WhatsApp Image 2019 07 18 at 15.25.20

WhatsApp Image 2019 07 18 at 15.25.20 1

WhatsApp Image 2019 07 18 at 15.25.19

WhatsApp Image 2019 07 18 at 16.19.18

WhatsApp Image 2019 07 18 at 15.38.04
Le prove di Tosca 
WhatsApp Image 2019 07 18 at 15.53.16
Le prove di Tosca 

WhatsApp Image 2019 07 18 at 15.59.55
la scaletta

WhatsApp Image 2019 07 18 at 16.59.35

WhatsApp Image 2019 07 18 at 16.59.43

WhatsApp Image 2019 07 18 at 17.10.27

WhatsApp Image 2019 07 18 at 17.13.25
il pubblico

WhatsApp Image 2019 07 18 at 17.14.12

F542D31E 3066 47CE 829C 61EDFD7B145A

EEC6EB9B C32F 4289 AD87 386CD44D2BDD

AC80ECED 5867 46AA A3DF 2F9F62995697

B7DFA4D4 FD3A 4CE6 AAC5 285E1E33D441


WhatsApp Image 2019 07 18 at 18.37.39
WhatsApp Image 2019 07 18 at 18.46.48
Aggregare pensieri, parole, anime. E' il desiderio e lo spirito di RisorgiMarche, festival di solidarietà per le comunità colpite dal sisma, ideato da Neri Marcorè con Giambattista Tofoni,  che prosegue giovedì 18 luglio con il concerto di Tosca ai Piani di Monte Torroncello, tra i comuni di Camerino, Sefro e Serravalle di Chienti. Per la prima volta Camerino si prepara ad accogliere il pubblico del Dopofestival, organizzato in collaborazione col Cus Camerino, approfittando degli Europei universitari di Tennistavolo.
IMG 20190716 151841
La presentazione dell'evento ha avuto luogo nel corso di una conferenza stampa  che ha riunito l'assessore alla cultura e al turismo Giovanna Sartori, il consigliere delegato alle politiche giovanili Riccardo Pennesi in rappresentanza del Comune di Camerino e il consigliere Marco Crispiciani  per il Comune di Sefro. Idealmente presente anche il terzo Comune coinvolto di Serravalle del Chienti, la cui amministrazione ha inviato il suo saluto. Spirito collaborativo per un'iniziativa che coinvolge una vasta zona  e che innesta nella volontà di lavorare uniti per un territorio.
"Bello vedere come anche solo per un'occasione gioiosa e ludica-ha detto l'assesore Sartori- sfumi l'importanza dei confini territoriali; quel che veramente importa è godere delle nostre bellezze naturali, ammirare i nostri incantevoli paesaggi e stare insieme, attraverso un progetto che vuole esaltare tutto questo. L'augurio per le amministrazioni comunali che condividono questa esperienza, è che nasca una sempre più forte collaborazione anche futura".   
Appuntamento al Sottocorte Village per il DopoFestival di Camerino che prevede un nuovo evento musicale alle ore 21.30 con Le Nuvole in concerto. Al popolo di RisorgiMarche, le attività ricettive e di ristorazione che vi hanno aderito, proporranno pacchetti e menù  a prezzi speciali.   
 “Abbiamo voluto il più possibile coinvolgere attività commerciali, non solo cittadine – ha spiegato ancora l'assessore al turismo Giovanna Sartori - per cercare di creare un indotto e soprattutto spingere coloro che verranno nelle nostre zone a fermarsi per conoscerle, visitare la mostra "Dalla polvere allaluce", godere degli eventi dell’Orto botanico, gustare le specialità locali".  Grazie a più iniziative collegate e di varia natura, a chi si fermerà in città anche per poco tempo, la convinzione è che resterà un bel ricordo spingendo magari a tornare da queste parti.  Il consigliere Riccardo Pennesi,ha spiegato i diversi percorsi per  raggiungere i Piani di Monte Torroncello . Da Camerino la partenza dalla frazione di sant'Erasmo passando da Nibbiano in un tragitto a piedi di circa 8 km.. Lo stesso avverrà dal versante sefrense con partenza da Agolla; qui ci sarà la possibilità di fare circa due chilometri in navetta per poi incamminarsi verso l'area del concerto. Nel comune di Serravalle si parte invece dalla frazione di Copogna e il tratto da percorrere è di circa 6 km.  Pennesi ha anche ringraziato “la Pro Loco per aver fatto da tramite nel mettere in contatto i ristoratori, nonché i proprietari dei terreni per aver da subito garantito disponibilità a utilizzare i loro spazi per parcheggiare le auto”. Concerto in bicicletta organizzato per l'occasione dal comune di Sefro con i Club dell'Alta valle del Potenza. " Il ritrovo per  i ciclisti  è alle 15.00 dal parcheggio di Agolla -ha spiegato  Marco Crispiciani- dove consegneremo un ticket che darà diritto ad una bevanda gratuita presso lo stand della Pro Loco nell'area concerto".   Anche il consigliere ha voluto sottolineare lo spirito d'unione che, fin dal primo momento, ha mosso i tre Comuni , nel farsi carico dell’organizzazione per la buona riuscita di questo gioioso "passaggio".
"Uno stimolo importante anche per il futuro”.

C.C.larea del concerto



Oltre 230mila presenze in 29 concerti. Sono i numeri delle prime due edizioni di RisorgiMarche, un evento che, oltre a testimoniare la concreta vicinanza alle popolazioni colpite dal terremoto, è stato vetrina per la promozione turistica del territorio, attraverso spettacoli in luoghi incantevoli e, talora, poco conosciuti. Ora il Festival, ideato da Neri Marcorè, si prepara a vivere la sua 3° edizione, con la data inaugurale di giovedì 11 luglio quando sarà Nek ad aprire a Poggio San Romualdo RisorgiMarche 2019. Un evento che tornerà, così, a regalare giornate all’insegna del fare comunità e della solidarietà in luoghi particolarmente suggestivi delle Marche.
Di seguito le date dei concerti annunciati:

- 11 luglio - NEK - Poggio San Romualdo (Apiro, Fabriano)
- 15 luglio - concerto a sorpresa - Dosso Vallonica (Gagliole, San Severino Marche)
- 18 luglio - Tosca - Piani di Monte Torroncello (Camerino, Sefro, Serravalle di Chienti)
- 21 luglio - Pacifico (Gino De Crescenzo) + Neri Marcorè - Monte Fraitunno (Montemonaco, Montefortino)
- 28 luglio - Edoardo Bennato - Piani di Monte Gemmo (Castelraimondo, Esanatoglia, Fiuminata, Pioraco)
- 30 luglio - Marco Mengoni - Località Fontanelle (Amandola, Sarnano, Bolognola)

- 2 agosto concerto a sorpresa, una donna - Spelonga (Arquata del Tronto)
- 7 agosto Vinicio Capossela - Macereto

Poi ci saranno altri eventi e concerti che si aggiungeranno in corso d'opera. Collaborazioni anche con lo Sferisterio di Macerata e quindi con altri mondi quali l'opera. Alcuni concerti poi saranno a numero limitato di posti, poiché saranno più vicini ai borghi, una vicinanza per sostenere le aziende dei luoghi interessati.

i 70000 allultimo concerto del 2018 con Jovanotti

i 70000 all'ultimo concerto del 2018 con Jovanotti

Tofoni e Marcore durante la conferenza stampa

Tofoni e Marcore' durante la conferenza stampa

IL LINK DELLA DIRETTA FACEBOOK: https://www.facebook.com/risorgimarche/videos/367159983989026/?__tn__=K-R&eid=ARBNlAEj5fXNFb_-H4Ac1edk9uJn4zCO-UY8sPLTG5blCd89swwxvayxkifTFjdLdstklB0QLx87UHT5&fref=mentions&__xts__[0]=68.ARCfYVEAw01CIsOBX1wgqrqIi-FWK-p6Qi49kylGyO0f2ld6tqKyWRtCmTKuSKljiQreFw0ANyWwSBmz6iKR57tl_btasefTI_L8ksGVvmaBSdNnbMUJsZ0GAxXXrGbq1tLtGRfteFnJci6tCnVY5yR79Pwsq1wPsnmp6n6_SFbyehfADR9FXWRv0WrZJUZwoc88sgj_rrVVq6Dts5NZOJK8g1Lugt3BUOjkLW3KRNffQ_xZ7Ax7-xMAZtKNPtJZV6bOn7AGeVoY1OOaDXGdXbWAedanzAmwsXO938FdVkPglVHKRLXpLyH_3TG6RQCoLQ2EdLvY3KQ-1Nyrfs7BMYb5Yw

SOTTO IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA
“ Una squadra fantastica, con cui sono sicuro si potrà fare un ottimo lavoro”.
Lo ha detto Pietro Tapanelli, neo eletto Sindaco di Sefro, nel firmare il decreto di nomina della Giunta che condividerà con lui 
il mandato 2019-2024.
Vice sindaco è Rodolfo Rossi, assessore è Stefania Penna. Pronto per loro anche il duplice pacchetto di importanti deleghe. Sarà lo stesso vicesindaco Rodolfo Rossi a curare il Bilancio e tutta la programmazione dell’ente comunale mentre l’assessore Stefania Penna avrà le deleghe per l’istruzione, la cultura e le attività produttive.
In capo al primo cittadino rimangono tutte le materie non espressamente delegate ai componenti la Giunta e, nello specifico, i rapporti con l’Arcidiocesi di Camerino- San Severino Marche.
Nel decreto di nomina, Pietro Tapanelli ha anche affidato ai consiglieri il ruolo di referenti del sindaco. In particolare, al “ super consigliere” Corrado Carminelli deleghe su Urbanistica e ambiente, Lavori pubblici e manutenzioni, Ricostruzione post sisma e Patrimonio. Referente per Società partecipate, Informatizzazione e ICT sarà il consigliere Alessandro Midei; deleghe per Sport e rapporti con le associazioni affidate a Francesco Natalizi, per Internazionalizzazione e Politiche comunitarie a Lovepreet Kaur; Personale, Viabilità e Sicurezza urbana a Marco Crispiciani;, Servizi Sociali e Turismo a Marta Pierozzi e infine, per Rapporti con le frazioni e Trasporto Pubblico Locale, referente del sindaco sarà Venanzia Rapaccioli.
C.C.



Pietro Tapanelli è il nuovo sindaco di Sefro. Non appena finiti gli scrutini il neo amministratore ha commentato il risultato ottenuto: “Una emozione unica – ha detto - . C’è molta felicità perché Sefro ha risposto alle nostre idee che porteremo avanti. Noi dobbiamo lavorare tutti insieme e fare massa critica per andare avanti. Anche nell’Italia dei campanili è possibile, ci stiamo lavorando e ci stiamo riuscendo piano piano”.

GS

Il progetto “Decoro Urbano” coinvolgerà 38 comuni della provincia. Le nuove installazioni sono già iniziate nei comuni di Bolognola, Fiuminata, Monte Cavallo, Valfornace e Sefro, serviti dal Centro di Distribuzione di Camerino, e presto interesseranno altre realtà del territorio. In linea con la sua missione sociale, infatti, Poste Italiane ha avviato nelle aree dei Piccoli Comuni il progetto “decoro urbano” che prevede, tra le altre iniziative, la sostituzione e la manutenzione straordinaria delle cassette postali, per riqualificare lo spazio urbano. Le storiche cassette rosse che dal 1961 arredano le nostre città, anno in cui fu installata la prima cassetta del modello attuale, sono interessate da un programma di restyling, sostituzione e manutenzione straordinaria, che permetterà loro di tornare a splendere del tipico colore rosso fiammante. 

L’intervento è parte del programma dei “dieci impegni” per i Comuni italiani con meno di 5.000 abitanti promosso dall’Amministratore Delegato, Matteo Del Fante, in occasione dell’incontro con i “Sindaci d’Italia” dello scorso 26 novembre a Roma, e ribadisce la presenza capillare di Poste Italiane sul territorio e l’attenzione che da sempre l’Azienda riserva alle comunità locali e alle aree meno densamente popolate. L’effettiva realizzazione di tali impegni è consultabile sul nuovo portale web all’indirizzo www.posteitaliane.it/piccoli-comuni. L'iniziativa è coerente con i principi ESG sull'ambiente, il sociale e il governo di impresa, rispettati dalle aziende socialmente responsabili, che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del Paese. 

Un bilancio positivo e concreti risultati, concludono il mandato del sindaco di Sefro Giancarlo Temperilli.  

Nel 2014 un disavanzo comunale di oltre 200mila euro. Oggi, alla chiusura del bilancio del 2018, un avanzo di 4mila. Con questo risultato lampante, il Sindaco di Sefro Giancarlo Temperilli congeda i propri concittadini, e chiude il quinquennio amministrativo con risultati tangibili e soddisfacenti.

«Un’esperienza bellissima e di grande impegno – commenta il Sindaco uscente Temperilli in occasione dell’ultimo consiglio comunale di giovedì 16 – che ci ha visto affrontare, con una maggioranza coesa, leale e competente, numerosi problemi, ad iniziare dal disavanzo di oltre 200mila euro lasciato dalla precedente Amministrazione, alla situazione drammatica del sisma alla quale però abbiamo risposto cogliendo anche le numerose opportunità scaturite».

In questi cinque anni tanti sono stati gli obiettivi raggiunti e tanti i progetti vincenti che sono stati in grado di intercettare finanziamenti regionali e nazionali.

«Abbiamo lavorato con molta serietà – racconta Temperilli – per un verso attuando una politica di recupero crediti e tributi non riscossi, per un altro cercando di agganciare finanziamenti importanti per sviluppare i progetti. Una delle primissime cose fatte – continua il Sindaco uscente – è stata quella di riaprire l’asilo comunale.  Rinunciando alla mia indennità di sindaco per 5 anni per un totale di 75mila euro, ho garantito i servizi di mensa e trasporto per i bambini del territorio. Un provvedimento – puntualizza – che se per un verso ha consentito di stimolare lo sviluppo demografico del territorio, per un altro, ha lavorato sul piano dell’integrazione culturale con le comunità che abitano il nostro territorio».  

Se questo è stato uno dei risultati più apprezzati e riconosciuti dell’operato di Temperilli, tanto che gli è valso il premio Codacons 2015, numerosi sono stati i progetti realizzati e quelli finanziati ma che si svilupperanno nei prossimi anni.

«In termini di politiche ambientali – prosegue Temperilli - abbiamo lavorato per sostituire tutte le lampade della pubblica amministrazione con tecnologie a risparmio energetico, cosa che consentirà al Comune di ridurre la spesa del 40% nei prossimi anni. Abbiamo poi introdotto la raccolta differenziata dei rifiuti raggiungendo già oltre il 75% degli scarti differenziati». Ma non finisce qui. Infatti anche le risorse stanziate per i comuni interessati dal sisma, si è scelto di investirle per mettere in sicurezza e restaurare immobili del territorio rifiutando le casette SAE e scegliendo quindi la strada del basso impatto ambientale. «Tutte le risorse intercettate con i fondi del sisma – specifica Temperilli – sono state utilizzate per la messa in sicurezza e l’efficientamento energetico. Potremmo citare ad esempio – continua – le oltre 500mila euro intercettate per efficientare la sorgente di Agolla che rifornisce d’acqua la frazione; le 325mila euro per ristrutturare, mettere in sicurezza ed efficientare energeticamente, la scuola primaria di primo grado “R. Astolfi”; i 2milioni di euro per la realizzazione delle reti di protezione caduta massi sulla strada di Agolla; il nuovo piano regolatore scaturito dalla perimetrazione della frazione di Sorti e dei nuclei abitatiti più colpiti dal sisma di Butino e Cerreto».

Molte sono state le migliorie per le famiglie e i più piccoli ad iniziare dalla realizzazione dell’area verde del Bosco Incantato, del progetto di prossima realizzazione, il Giardino degli Gnomi finanziato dal GAL Sibilla con 145mila euro o ancora della tribuna del campo sportivo finanziata per 40mila euro. Altro aspetto importante è quello da attribuirsi alla valorizzazione e promozione del territorio.

«Per quanto riguarda il turismo religioso, abbiamo intercettato 100mila euro per illuminare le grotte del Beato Bernardo grazie al 19esimo posto conquistato nel bando nazionale “Giubileo della Luce” – dice soddisfatto Temperilli – Siamo poi riusciti, proprio legandoci alla figura del primo discepolo di S.Francesco, a inserire Sefro nei percorsi della Via Lauretana, della Marca Maceratese e della Via dei Fenici. Abbiamo poi trovato i finanziamenti per restaurare l’organo Fedeli della Chieda di Santa Maria Assunta con 70mila euro, nonché ben 150mila euro per recuperare e restaurare la prima struttura difensiva del territorio, la Torre Varano». La ricchezza del territorio in termini paesaggistici è stata in grado di attrarre importanti progetti come Risorgimarche e la Tirreno Adriatica del 2015, nonché di far sviluppare sinergie in termini promozionali tra le Grotte di Frasassi e quelle di Sefro.

Altro motivo di soddisfazione è l' aver creduto in un progetto poi sposato dalla Regione Marche per candidare l’Alta Valle del Potenza e tutte le aree interne delle Marche, delimitate dentro le unioni montane, a Riserva della Biosfera, nell’ambito del Programma Unesco Mab (Man and the Biosphere)»

"Non da ultimo- ricorda Temperilli- il turismo legato all’aspetto gastronomico e alla coltura troticola. Una sinergia stretta tra produttori e realtà formative del territorio, ha permesso al format de “La Trota e il Verdicchio” di posizionarsi come uno dei 30 eventi enogastronomici più importanti delle Marche, entrato negli onori di Tipicità e per questo, presentato al Fuori Expo di Milano nel 2015.

«Un mandato che si chiude quindi con un bilancio estremamente positivo – conclude Temperiilli - un lavoro faticoso ma soddisfacente che spero venga portato avanti con la stessa passione e determinazione che ha contraddistinto questa Amministrazione».  

Due i candidati sindaco nel piccolo comune di Sefro. Pietro Tapanelli con la lista civica " Noi per Sefro", schiera Corrado Carminelli; Marco Crispiciani; Lovepreet Kaur; Alessandro Midei; Francesco Natalizi; Simone Pascucci; Stefania Penna; Marta Pierozzi; Venanzia Rapaccioli; Rodolfo Rossi.

" Oltre l'Orizzonte. Valutare il passato per progettare il futuro" la lista di Giovannino Paladini sostenuto da : Biondi Ezio; Martelli Fabrizio; Polidori Fabrizio; Santini Mario; Tacconi Egidio; Marrocchini Osvaldo; Pierozzi Elena; Polidori Valentina; Santini Matteo; Valeriani Pamela. 

I dodici Comuni dell’Unione Montana Potenza Esino Musone in un video dal titolo emblematico: “Un territorio straordinario”. Le immagini, disponibili anche sul canale YouTube all’indirizzo https://youtu.be/3g0kGYc_064, condensano in 13 minuti una serie di fotogrammi di panorami, monumenti e scorci suggestivi da vivere ma anche da promuovere e presentare ai turisti più attenti. 

Le riprese e il montaggio di Christian Bohm, per la regia di Nazareno Balani, mettono in risalto le bellezze di Apiro, Castelraimondo, Cingoli, Fiuminata, Gagliole, Esanatoglia, Matelica, Pioraco, Poggio San Vicino, San Severino Marche, Sefro e Treia. A firmare la produzione la Atlantide Videoservice.

Il tour virtuale conduce alla scoperta dei borghi storici, della città d’arte ma anche di una serie infinita di bellezze uniche: dal balcone delle Marche di Cingoli al castello di Lanciano, dal maestoso Cassero di Castelraimondo al percorso dei Vurgacci di Pioraco, al museo della carta e della filigrana, dal teatro Feronia di San Severino Marche alla pinacoteca civica “P. Tacchi Venturi”, dal lago di Castreccioni di Cingoli alla Collegiata di Apiro, dalla Rocca di Gagliole al museo di storia naturale, dal teatro Piermarini al museo Mattei di Matelica, dalla chiesa di Santa Maria Assunta a Poggio San Vicino alle cascatelle di Sefro, dalla piazza al museo archeologico di Treia. 

 

 Per la ricorrenza di San Martino, che quest'anno cade di domenica, l'amministrazione comunale di Sefro ha preparato una festa per piccoli e grandi. L'appuntamento, con inizio alle ore 15, si svolgerà nel " Bosco incantato", all'interno dei giardini pubblici del paese. Favole e sorprese, tra canti e suoni prenderanno vita tra le meraviglie di un magico luogo che non smette di attrarre e incuriosire  per la sua originalità. La festa si concluderà con un piccolo gustoso rinfresco preparato dai volontari della Pro Loco. " Sarà un san Martino "incantato"- lo definisce così il sindaco Giancarlo Temperilli- Una gioiosa occasione che abbiamo pensato di organizzare all'interno del posto più magico del paese. L' appuntamento ad ingresso libero è  dedicato in special modo alle famiglie e ai bambini. Sarà animato da più spettacoli che coinvolgeranno i più piccoli:  giochi interattivi, scene teatrali e letture legate al mondo delle fate e degli gnomi, prenderanno vita sotto i grandi alberi e vicino alle minicasette di elfi e fatine.  Sin dalla inaugurazione, avvenuta nel 2015- continua il sindaco- il " Bosco incantato di Sefro" ha potuto godere dell'apprezzamento di un numero sempre maggiore di visitatori. Un luogo incantevole dove nonni, mamme e bambini si recano spesso e volentieri, non solo per la natura rigogliosa che circonda tutta l'area dei giardini pubblici, ma anche per la presenza degli 'abitanti' del bosco, nati dalla fantasia e dalla creatività dell'artista camerte Laura Pennesi, grazie all'ideazione del suo prezioso collaboratore Francesco che, ogni anno, contribuisce ad arricchire di nuovi elementi la nostra suggestiva area". Un'occasione per stare insieme e condividere un simpatico e sorprendente pomeriggio tra i sentieri del " Bosco incantato" e l'intreccio di storie fantasiose che saranno gli stessi bambini a creare. 

C.C.

bosco 1n

la casa nel bosco fatato 119177.660x368

BOSCO SEFRO

san Martino nel bosco

 

Pagina 1 di 2

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo