Maxi evasione per oltre mezzo milione: sequestrata un villa, due moto e una auto

Mercoledì, 04 Marzo 2020 09:43 | Letto 2106 volte   Clicca per ascolare il testo Maxi evasione per oltre mezzo milione: sequestrata un villa, due moto e una auto Un controllo fiscale dal conto salato quello che è capitato ad un imprenditore della provincia. Si tratta di un operatore del commercio allingrosso di abbigliamento e accessori che, nonostante avesse realizzato un cospicuo volume daffari, non aveva presentato le dichiarazioni annuali dei redditi. E quindi scattato il controllo da parte dei finanzieri della Compagnia di Civitanova al termine del quale il risultato è stata la denuncia a piede libero dellimprenditore. Questo perché levasione, per oltre mezzo milione, ha superato le soglie di punibilità previste per i reati tributari. Non solo, è stato anche proposto dalla Procura il sequestro, poi concesso dal Gip del Tribunale di Macerata, dei beni. Le indagini, hanno consentito, in assenza di scritture contabili occultate dall’imprenditore, di ricostruire analiticamente i rapporti economici intrattenuti con una fitta rete di clienti e fornitori sparsi su tutto il territorio nazionale. La confisca per equivalente di beni e disponibilità finanziarie dellimprenditore è stata effettuata dalle Fiamme Gialle che hanno sottoposto a sequestro una villetta con annesso magazzino, un’auto e due motocicli. Il sequestro per equivalente è uno degli strumenti più efficaci per contrastare l’evasione fiscale. È la migliore risposta per rendere immediatamente esecutivo il prelievo erariale e scoraggiare gli imprenditori disonesti che, confidando anche nelle lunghezze burocratiche, pensano di poterla fare franca spogliandosi dei beni o intestandoli a prestanome.  In tal senso a Macerata, Guardia di Finanza, Procura della Repubblica e Agenzia delle Entrate operano sinergicamente attraverso uno specifico protocollo d’intesa, sottoscritto nel 2015, che porta, in presenza di reati tributari, all’ottenimento in tempi brevi del sequestro di una quota equivalente di beni commisurati all’evasione fiscale perpetrata. È una sorta di corsia preferenziale che viene accordata proprio per colpire le gravi evasioni d’imposta ed impedire che i beni dei trasgressori vengano fatti “sparire” prima che arrivi il giudizio del contenzioso.Gaia Gennaretti

Un controllo fiscale dal conto salato quello che è capitato ad un imprenditore della provincia. Si tratta di un operatore del commercio all'ingrosso di abbigliamento e accessori che, nonostante avesse realizzato un cospicuo volume d'affari, non aveva presentato le dichiarazioni annuali dei redditi. E' quindi scattato il controllo da parte dei finanzieri della Compagnia di Civitanova al termine del quale il risultato è stata la denuncia a piede libero dell'imprenditore. Questo perché l'evasione, per oltre mezzo milione, ha superato le soglie di punibilità previste per i reati tributari. Non solo, è stato anche proposto dalla Procura il sequestro, poi concesso dal Gip del Tribunale di Macerata, dei beni. Le indagini, hanno consentito, in assenza di scritture contabili occultate dall’imprenditore, di ricostruire analiticamente i rapporti economici intrattenuti con una fitta rete di clienti e fornitori sparsi su tutto il territorio nazionale. La confisca per equivalente di beni e disponibilità finanziarie dell'imprenditore è stata effettuata dalle Fiamme Gialle che hanno sottoposto a sequestro una villetta con annesso magazzino, un’auto e due motocicli.

Il sequestro per equivalente è uno degli strumenti più efficaci per contrastare l’evasione fiscale. È la migliore risposta per rendere immediatamente esecutivo il prelievo erariale e scoraggiare gli imprenditori disonesti che, confidando anche nelle lunghezze burocratiche, pensano di poterla fare franca spogliandosi dei beni o intestandoli a prestanome. 

In tal senso a Macerata, Guardia di Finanza, Procura della Repubblica e Agenzia delle Entrate operano sinergicamente attraverso uno specifico protocollo d’intesa, sottoscritto nel 2015, che porta, in presenza di reati tributari, all’ottenimento in tempi brevi del sequestro di una quota equivalente di beni commisurati all’evasione fiscale perpetrata. È una sorta di corsia preferenziale che viene accordata proprio per colpire le gravi evasioni d’imposta ed impedire che i beni dei trasgressori vengano fatti “sparire” prima che arrivi il giudizio del contenzioso.

Gaia Gennaretti

Letto 2106 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo