Torna il seminario di Symbola e il Festival della Soft Economy

Lunedì, 13 Luglio 2020 13:16 | Letto 227 volte   Clicca per ascolare il testo Torna il seminario di Symbola e il Festival della Soft Economy Da lunedì ritorna lappuntamento annuale con la Fondazione Symbola che questanno porta il titolo: “L’Italia che Verrà. Comunità, territori e innovazioni contro paure e solitudini”. Questanno, a causa dellemergenza da Covid19, non potrà essere Treia a ospitare questo importante appuntamento che si terrà esclusivamente online. Tuttavia, la Fondazione Symbola ha comunque voluto sottolineare il trait dunion con la città con una conferenza stamoa di presentazione nel teatro comunale. Arrivato alla sua XVIII edizione il Seminario Estivo si è affermato come uno degli appuntamenti di riferimento per la riflessione sui temi della sostenibilità, dello sviluppo, della competitività e del posizionamento strategico del Paese. Luogo di confronto e di elaborazione che interroga la politica, la società e l’economia, il Seminario rappresenta una delle principali e più originali piattaforme di incontro/scambio/narrazione delle qualità italiane tutte: dalla meccanica all’agroalimentare, della ricerca al terzo settore, dalla cultura alla manifattura. Oltre ai promotori tradizionali come Unioncamere, Camera di Commercio delle Marche, Regione Marche, quest’anno al Seminario Estivo, si aggiungono partner importanti come il Sacro Convento di Assisi, IFEL- Fondazione ANCI e Banca Macerata.Ad aprire i lavori sarà il Festival della Soft Economy il 21 e 22 luglio 2020 on line.La crisi del covid-19 ha reso ancora più urgente il messaggio del Manifesto di Assisi – ha detto Fabio Renzi, segretario generale della Fondazione - della necessità e urgenza di un’economia a misura d’uomo capace di affrontare le sfide del nostro tempo, da quella climatica a quella pandemica, rendendo le nostre società più sicure e più sostenibili ambientalmente e socialmente senza lasciare indietro nessuno. L’epidemia scatenata dal covid19 come una nemesi della globalizzazione ha fatto riemergere l’esistenza delle geografie e il ruolo dei territori che saranno i protagonisti dei due giorni iniziali del Festival della Soft Economy: dalla sfida “centrale” della ricostruzione, decisiva certamente per i territori direttamente interessati, per l’intera regione Marche e più in generale per l’Appennino, alla presentazione di esperienze e al confronto sulle strategie per tornare ad abitare borghi e piccoli comuni”. Un altro tema al centro del doppio appuntamento treiese sarà quello della ripresa nel segno della transizione ecologica, sociale e digitale propugnata dall’Unione Europea e della prova per il Paese di saper utilizzare al meglio le ingenti risorse comunitarie, dal Green Deal al Recovery Found fino al nuovo ciclo dei fondi strutturali. Tutto però partirà da un unico importante tema per il territorio: il terremoto. E un argomento importantissimo per le Marche che non possono non prendere atto che il 42 per cento del territorio è dentro il cratere. Il primo appuntamento, dalle 10 alle 13 del 21 luglio sarà: #rigenerare UNA SFIDA CENTRALE LE MARCHE E LA RICOSTRUZIONE POST SISMA 2016 in collaborazione con il Commissario straordinario ricostruzione sisma, Giovanni Legnini, la Camera Commercio delle Marche e Banca Macerata.Nel corso della conferenza stampa sono intervenuti anche David Buschittari, vicesindaco di Treia, Gino Sabatini, presidente Camera di Commercio delle Marche, Simona Teoldi, dirigente settore Cultura Regione Marche, Loris Tartuferi, fondatore e presidente onorario di Banca Macerata e Pietro Marcolini, presidente ISTAO. Di seguito, il programma dettagliato degli appuntamenti21 LUGLIO ore 10.00 - 13.00 #rigenerare UNA SFIDA CENTRALE LE MARCHE E LA RICOSTRUZIONE POST SISMA 2016 in collaborazione con il Commissario straordinario ricostruzione sisma, Camera Commercio delle Marche e Banca Macerata ore 15.00 – 18.00 #green deal UN NUOVO TEMPO ECONOMICO E SOCIALE LA RIPRESA TRA CRISI CLIMATICA E POST COVID-19 in collaborazione con Kyoto Club 22 LUGLIO ore 10.00-13.00 #territori VISIONI ED ESPERIENZE DAI TERRITORI “MARGINALI” in collaborazione con Fondazione Cariplo/Attiv-Aree e Art Lab ore 15.00 - 18.00 #appennino CONTEMPORANEITÀ DELL’APPENNINO EREDITÀ E ATTUALITÀ DEL PROGETTO APE - APPENNINO PARCO D’EUROPA a cura di Federparchi 23 LUGLIO  ore 10.00 – 13.00 #solitudini PEGGIO DI QUESTA CRISI C’È SOLO IL DRAMMA DI SPRECARLA RICHIUDENDOCI IN NOI STESSI (PAPA FRANCESCO) In collaborazione con Comieco e Ipsos  ore 15.00 - 18.00 #abitare CITTÀ PIÙ ABITABILI E TERRITORI PIÙ ABITATI PICCOLI COMUNI, BORGHI E TERRITORI AI TEMPI DEL COVID-19 in collaborazione con Ifel-Fondazione Anci, Legambiente, Uncem  24 LUGLIO  ore 10.00 - 12.00 #europaitaliamondo NEXT GENERATION EU EUROPA /ITALIA: LE SFIDE DEL FUTURO ore 15.00 - 19.00 #iosonocultura2020 IL SOFT POWER DELL’ITALIA PER LA RIPRESA Prima sessione IL SISTEMA PRODUTTIVO CULTURALE E CREATIVO Seconda sessione SOFT POWER DALL’ITALIA PER LA RIPRESA in collaborazione con CoopCulture, Credito Sportivo, Unioncamere, Regione Marche  25 LUGLIO  ore 10.00 - 13.00 #italiacheverrà IL MANIFESTO DI ASSISI CONTRO LA CRISI in collaborazione con Sacro Convento di AssisiGaia Gennaretti
Da lunedì ritorna l'appuntamento annuale con la Fondazione Symbola che quest'anno porta il titolo: “L’Italia che Verrà. Comunità, territori e innovazioni contro paure e solitudini”. 
Quest'anno, a causa dell'emergenza da Covid19, non potrà essere Treia a ospitare questo importante appuntamento che si terrà esclusivamente online. Tuttavia, la Fondazione Symbola ha comunque voluto sottolineare il trait d'union con la città con una conferenza stamoa di presentazione nel teatro comunale. 
Arrivato alla sua XVIII edizione il Seminario Estivo si è affermato come uno degli appuntamenti di riferimento per la riflessione sui temi della sostenibilità, dello sviluppo, della competitività e del posizionamento strategico del Paese. Luogo di confronto e di elaborazione che interroga la politica, la società e l’economia, il Seminario rappresenta una delle principali e più originali piattaforme di incontro/scambio/narrazione delle qualità italiane tutte: dalla meccanica all’agroalimentare, della ricerca al terzo settore, dalla cultura alla manifattura. Oltre ai promotori tradizionali come Unioncamere, Camera di Commercio delle Marche, Regione Marche, quest’anno al Seminario Estivo, si aggiungono partner importanti come il Sacro Convento di Assisi, IFEL- Fondazione ANCI e Banca Macerata.
Ad aprire i lavori sarà il Festival della Soft Economy il 21 e 22 luglio 2020 on line.
"La crisi del covid-19 ha reso ancora più urgente il messaggio del Manifesto di Assisi – ha detto Fabio Renzi, segretario generale della Fondazione - della necessità e urgenza di un’economia a misura d’uomo capace di affrontare le sfide del nostro tempo, da quella climatica a quella pandemica, rendendo le nostre società più sicure e più sostenibili ambientalmente e socialmente senza lasciare indietro nessuno. L’epidemia scatenata dal covid19 come una nemesi della globalizzazione ha fatto riemergere l’esistenza delle geografie e il ruolo dei territori che saranno i protagonisti dei due giorni iniziali del Festival della Soft Economy: dalla sfida “centrale” della ricostruzione, decisiva certamente per i territori direttamente interessati, per l’intera regione Marche e più in generale per l’Appennino, alla presentazione di esperienze e al confronto sulle strategie per tornare ad abitare borghi e piccoli comuni”.
Un altro tema al centro del doppio appuntamento treiese sarà quello della ripresa nel segno della transizione ecologica, sociale e digitale propugnata dall’Unione Europea e della prova per il Paese di saper utilizzare al meglio le ingenti risorse comunitarie, dal Green Deal al Recovery Found fino al nuovo ciclo dei fondi strutturali. Tutto però partirà da un unico importante tema per il territorio: il terremoto. "E' un argomento importantissimo per le Marche che non possono non prendere atto che il 42 per cento del territorio è dentro il cratere. Il primo appuntamento, dalle 10 alle 13 del 21 luglio sarà: #rigenerare UNA SFIDA CENTRALE LE MARCHE E LA RICOSTRUZIONE POST SISMA 2016 in collaborazione con il Commissario straordinario ricostruzione sisma, Giovanni Legnini, la Camera Commercio delle Marche e Banca Macerata.
Nel corso della conferenza stampa sono intervenuti anche David Buschittari, vicesindaco di Treia, Gino Sabatini, presidente Camera di Commercio delle Marche, Simona Teoldi, dirigente settore Cultura Regione MarcheLoris Tartuferi, fondatore e presidente onorario di Banca Macerata Pietro Marcolini, presidente ISTAO. 

Di seguito, il programma dettagliato degli appuntamenti


21 LUGLIO 

ore 10.00 - 13.00 #rigenerare UNA SFIDA CENTRALE LE MARCHE E LA RICOSTRUZIONE POST SISMA 2016 
in collaborazione con il Commissario straordinario ricostruzione sisma, Camera Commercio delle Marche e Banca Macerata 

ore 15.00 – 18.00 #green deal UN NUOVO TEMPO ECONOMICO E SOCIALE LA RIPRESA TRA CRISI CLIMATICA E POST COVID-19 
in collaborazione con Kyoto Club 

22 LUGLIO 

ore 10.00-13.00 #territori VISIONI ED ESPERIENZE DAI TERRITORI “MARGINALI”
in collaborazione con Fondazione Cariplo/Attiv-Aree e Art Lab 

ore 15.00 - 18.00 #appennino CONTEMPORANEITÀ DELL’APPENNINO EREDITÀ E ATTUALITÀ DEL PROGETTO APE - APPENNINO PARCO D’EUROPA 
a cura di Federparchi


23 LUGLIO 

ore 10.00 – 13.00 #solitudini PEGGIO DI QUESTA CRISI C’È SOLO IL DRAMMA DI SPRECARLA RICHIUDENDOCI IN NOI STESSI (PAPA FRANCESCO)
In collaborazione con Comieco e Ipsos 

ore 15.00 - 18.00 #abitare CITTÀ PIÙ ABITABILI E TERRITORI PIÙ ABITATI PICCOLI COMUNI, BORGHI E TERRITORI AI TEMPI DEL COVID-19
in collaborazione con Ifel-Fondazione Anci, Legambiente, Uncem 

24 LUGLIO 

ore 10.00 - 12.00 #europaitaliamondo NEXT GENERATION EU EUROPA /ITALIA: LE SFIDE DEL FUTURO ore 15.00 - 19.00 #iosonocultura2020 IL SOFT POWER DELL’ITALIA PER LA RIPRESA Prima sessione IL SISTEMA PRODUTTIVO CULTURALE E CREATIVO Seconda sessione SOFT POWER DALL’ITALIA PER LA RIPRESA
in collaborazione con CoopCulture, Credito Sportivo, Unioncamere, Regione Marche 

25 LUGLIO 

ore 10.00 - 13.00 #italiacheverrà IL MANIFESTO DI ASSISI CONTRO LA CRISI
in collaborazione con Sacro Convento di Assisi


Gaia Gennaretti





















Letto 227 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo