Consegnate le ultime 21 casette di Ussita

scritto Venerdì, 30 Marzo 2018

Consegnate nella tarda mattinata le ultime 21 casette di Ussita. Rientrati nella loro terra altri 36 abitanti. Alla cerimonia di consegna, accanto al Commissario Straordinario prefettizio Passerotti e al suo vice Di Martino, hanno presenziato il Presidente della Regione Ceriscioli con l'assessore alla Protezione Civile Sciapichetti, l'Arcivescovo Brugnaro e il parroco Mons. Tranzocchi, il presidente della Provincia Pettinari, il presidente del Parco Olivieri, altre autorità civili e militari. Una giornata da ricordare per il ricostituirsi di una comunità che il sisma ha fortemente disgregato in un paese completamente devastato ed evacuato.  Gioia mista a commozione nei volti dei 36 ussitani, rientrati in paese; vanno ad aggiungersi ai 137 cittadini delle altre strutture abitative provvisorie già consegnate in precedenza e, ai compaesani che hanno già potuto far rientro, utilizzando le proprie dimore dichiarate agibili. E' di 88 il numero totale delle SAE consegnate ad Ussita per il rientro di circa 200 persone. La cerimonia ha anche rappresentato l'occasione per uno scambio di auguri per la Santa Pasqua con la benedizione da parte dell'arcivescovo Francesco e di don Nello.

IMG 20180330 130143712

Di grande qualità le infrastrutture di completamento che hanno richiesto grande lavoro da parte delle maestranze della ditta Rossetti di Castignano. Suggestivo l'impatto visivo delle 'casette' consegnate, vicine alla piazza di Ussita, con il Monte Bove che le guarda dall'alto.

IMG 20180330 115320495

 

A ricevere le chiavi dell'alloggio di servizio consegnato ai militari di Ussita,  il Tenente Roberto Cara, comandante della Compagnia Carabinieri di Camerino 

IMG 20180330 125947661

 " Mi ritengo fortunato per essere potuto riuscito a concludere un percorso che ha visto la sinergia delle istituzioni e degli uffici preposti- ha dichiarato il Commissario straordinario Mauro Passerotti-  Il monitoraggio stretto sui cantieri da parte del comune e dei suoi uffici, ha fatto sì che non si siano registrate problematiche particolari, se non quelle fisiologiche. E' la conclusione di un procedimento significativo che vede il rientro complessivo di tutte le famiglie; un nuovo inizio in una comunità che è già ripartita. Una volta appurato infatti che le  SAE  stavano andando nella giusta direzione,  ci siamo dedicati ad altro. Oggi- ha aggiunto Passerotti-  abbiamo una serie di finanziamenti che assommano ad oltre 50 milioni di euro e, consentiranno al territorio di riprendere la sua vitalità.  Finanziamenti e priorità che sono state anch'essi determinati  in sinergia tra uffici comunali, Regione e Provincia e che guardano al rilancio del territorio. Risorse che andranno a favore degli impianti, della casa di riposo, palazzo del ghiaccio, piano delle chiese, caserma e piano di riduzione di rischio idrogeologico  e, prima questi denari ci verranno trasferiti, meglio sarà, anche perchè il comune di Ussita ha fatto un grosso sforzo di avanzamento burocratico, rispettando tutte le incombenze per cui,  gli uffici comunali sono pronti a gestire tale flusso finanziario". Da ultimo il Commissario Passerotti ha evidenziato l'esigenza di uno snellimento  dei processi burocratici  e di un forte coordinamento tra tutti i comuni del cratere sismico, tra istituzioni e competenze. " Ci sarà  bisogno di gente fattiva che ha conoscenza dei meccanismi burocratici delle istituzioni, che ha competenza ed esperienza personale di lavoro per cercare di ottimizzare i livelli e le capacità singole di ciascun ufficio, lavoro essenziale per la migliore riuscita di ogni attività".

Tra i risultati raggiunti con le messe in sicurezza, il Commissario ha annunciato la riduzione della 'zona rossa' di Ussita e, l'imminente riapertura di via Roma.

 Ringraziamenti da parte del presidente Ceriscioli al Commissario, per il lavoro svolto. " C'è diversità da quando ci siamo incontrati la prima volta circa un anno fa. Allora era determinato ma anche intimorito; oggi lo vedo grintoso e soddisfatto. Di fronte alla difficoltà, la risposta giusta è sempre quella di mettersi al lavoro, di collaborare e fare insieme quello che c'è da fare. Un anno fa qui c'era una spianata di materiale e di mezzi e, vedere oggi la bellezza di quello che è stato realizzato non può che rallegrare. Si restituisce una casa che serve ad accompagnare un percorso che è quello che va dall'uscita dell'emergenza alla ricostruzione e, fatto con la qualità che è sotto gli occhi di tutti e con dignità, fa capire che chi verrà a stare qui avrà tutto il necessario per superare questa fase e pensare alla ricostruzione. Oggi siamo già con la testa più avanti e con l'impegno proteso per una fase successiva.  Come ricordato dal Commissario, riservate ad Ussita sono cospicue risorse che riguardano tanti aspetti della comunità, risorse che consentiranno di ripartire e guardare avanti. Anche  noi- ha sottolineato Ceriscioli- siamo convinti che serva costantemente un percorso di semplificazione; ogni passaggio che c'è stato e ogni decreto, è stata l'occasione per proporre strumenti di semplificazione. Alcuni in verità li abbiamo proposti fin dall'inizio senza che siano stati mai accolti ma è nostra intenzione riprovarci ogni volta perchè, quello che serve lo sappiamo bene e, insisteremo. C'è un nuovo parlamento e deve esserci un governo, indispensabile per darci le risposte sulle questioni più urgent. Una squadra locale senza governo, non potrà mai andare fino in fondo. Il grosso delle risorse annunciate è ora alla Corte dei Conti; dalla cabina di regia nazionale riunitasi pochi giorni fa, la Commissaria De Micheli ha riferito che si è al 99% e immaginiamo che a breve vi sia la disponibilità di quei finanziamenti  per poter partire con le gare di progettazione". 

Da parte del presidente Pettinari, una bella notizia riguardante la frazione ancora chiusa di Casali: "E'  stata avviata la procedura di gara e, entro aprile, avremo la ditta incaricata di eseguire i lavori. Le opere di messa in sicurezza della galleria, ne richiederanno inoltre la chiusura notturna per alcuni giorni. La galleria resterà aperta nelle ore diurne a senso unico alternato  e - ha aggiunto- stiamo ragionando con l'Anas per una chiusura notturna di poche ore, salvo le emergenze e le urgenze di ogni tipo. Si sta inoltre terminando la complessa progettazione della Strada 130 Ussita- Frontignano- Castelsantangelo; la complessità è data dal fatto che vi sono alcune faglie ancora in attività, ma contiamo di andare in conferenza dei servizi entro fine aprile- inizio maggio e, risolveremo anche quel problema con la partenza dei lavori. A nome di tutta la comunità provinciale , dalla costa alla montagna- ha concluso Pettinari- ringrazio la popolazione qui presente per la tenacia, il coraggio, la passione e la determinazione". 

 

 

  Clicca per ascolare il testo Consegnate le ultime 21 casette di Ussita scritto Venerdì, 30 Marzo 2018 Consegnate nella tarda mattinata le ultime 21 casette di Ussita. Rientrati nella loro terra altri 36 abitanti. Alla cerimonia di consegna, accanto al Commissario Straordinario prefettizio Passerotti e al suo vice Di Martino, hanno presenziato il Presidente della Regione Ceriscioli con lassessore alla Protezione Civile Sciapichetti, lArcivescovo Brugnaro e il parroco Mons. Tranzocchi, il presidente della Provincia Pettinari, il presidente del Parco Olivieri, altre autorità civili e militari. Una giornata da ricordare per il ricostituirsi di una comunità che il sisma ha fortemente disgregato in un paese completamente devastato ed evacuato.  Gioia mista a commozione nei volti dei 36 ussitani, rientrati in paese; vanno ad aggiungersi ai 137 cittadini delle altre strutture abitative provvisorie già consegnate in precedenza e, ai compaesani che hanno già potuto far rientro, utilizzando le proprie dimore dichiarate agibili. E di 88 il numero totale delle SAE consegnate ad Ussita per il rientro di circa 200 persone. La cerimonia ha anche rappresentato loccasione per uno scambio di auguri per la Santa Pasqua con la benedizione da parte dellarcivescovo Francesco e di don Nello. Di grande qualità le infrastrutture di completamento che hanno richiesto grande lavoro da parte delle maestranze della ditta Rossetti di Castignano. Suggestivo limpatto visivo delle casette consegnate, vicine alla piazza di Ussita, con il Monte Bove che le guarda dallalto.   A ricevere le chiavi dellalloggio di servizio consegnato ai militari di Ussita,  il Tenente Roberto Cara, comandante della Compagnia Carabinieri di Camerino    Mi ritengo fortunato per essere potuto riuscito a concludere un percorso che ha visto la sinergia delle istituzioni e degli uffici preposti- ha dichiarato il Commissario straordinario Mauro Passerotti-  Il monitoraggio stretto sui cantieri da parte del comune e dei suoi uffici, ha fatto sì che non si siano registrate problematiche particolari, se non quelle fisiologiche. E la conclusione di un procedimento significativo che vede il rientro complessivo di tutte le famiglie; un nuovo inizio in una comunità che è già ripartita. Una volta appurato infatti che le  SAE  stavano andando nella giusta direzione,  ci siamo dedicati ad altro. Oggi- ha aggiunto Passerotti-  abbiamo una serie di finanziamenti che assommano ad oltre 50 milioni di euro e, consentiranno al territorio di riprendere la sua vitalità.  Finanziamenti e priorità che sono state anchessi determinati  in sinergia tra uffici comunali, Regione e Provincia e che guardano al rilancio del territorio. Risorse che andranno a favore degli impianti, della casa di riposo, palazzo del ghiaccio, piano delle chiese, caserma e piano di riduzione di rischio idrogeologico  e, prima questi denari ci verranno trasferiti, meglio sarà, anche perchè il comune di Ussita ha fatto un grosso sforzo di avanzamento burocratico, rispettando tutte le incombenze per cui,  gli uffici comunali sono pronti a gestire tale flusso finanziario. Da ultimo il Commissario Passerotti ha evidenziato lesigenza di uno snellimento  dei processi burocratici  e di un forte coordinamento tra tutti i comuni del cratere sismico, tra istituzioni e competenze. Ci sarà  bisogno di gente fattiva che ha conoscenza dei meccanismi burocratici delle istituzioni, che ha competenza ed esperienza personale di lavoro per cercare di ottimizzare i livelli e le capacità singole di ciascun ufficio, lavoro essenziale per la migliore riuscita di ogni attività. Tra i risultati raggiunti con le messe in sicurezza, il Commissario ha annunciato la riduzione della zona rossa di Ussita e, limminente riapertura di via Roma.  Ringraziamenti da parte del presidente Ceriscioli al Commissario, per il lavoro svolto. Cè diversità da quando ci siamo incontrati la prima volta circa un anno fa. Allora era determinato ma anche intimorito; oggi lo vedo grintoso e soddisfatto. Di fronte alla difficoltà, la risposta giusta è sempre quella di mettersi al lavoro, di collaborare e fare insieme quello che cè da fare. Un anno fa qui cera una spianata di materiale e di mezzi e, vedere oggi la bellezza di quello che è stato realizzato non può che rallegrare. Si restituisce una casa che serve ad accompagnare un percorso che è quello che va dalluscita dellemergenza alla ricostruzione e, fatto con la qualità che è sotto gli occhi di tutti e con dignità, fa capire che chi verrà a stare qui avrà tutto il necessario per superare questa fase e pensare alla ricostruzione. Oggi siamo già con la testa più avanti e con limpegno proteso per una fase successiva.  Come ricordato dal Commissario, riservate ad Ussita sono cospicue risorse che riguardano tanti aspetti della comunità, risorse che consentiranno di ripartire e guardare avanti. Anche  noi- ha sottolineato Ceriscioli- siamo convinti che serva costantemente un percorso di semplificazione; ogni passaggio che cè stato e ogni decreto, è stata loccasione per proporre strumenti di semplificazione. Alcuni in verità li abbiamo proposti fin dallinizio senza che siano stati mai accolti ma è nostra intenzione riprovarci ogni volta perchè, quello che serve lo sappiamo bene e, insisteremo. Cè un nuovo parlamento e deve esserci un governo, indispensabile per darci le risposte sulle questioni più urgent. Una squadra locale senza governo, non potrà mai andare fino in fondo. Il grosso delle risorse annunciate è ora alla Corte dei Conti; dalla cabina di regia nazionale riunitasi pochi giorni fa, la Commissaria De Micheli ha riferito che si è al 99% e immaginiamo che a breve vi sia la disponibilità di quei finanziamenti  per poter partire con le gare di progettazione.  Da parte del presidente Pettinari, una bella notizia riguardante la frazione ancora chiusa di Casali: E  stata avviata la procedura di gara e, entro aprile, avremo la ditta incaricata di eseguire i lavori. Le opere di messa in sicurezza della galleria, ne richiederanno inoltre la chiusura notturna per alcuni giorni. La galleria resterà aperta nelle ore diurne a senso unico alternato  e - ha aggiunto- stiamo ragionando con lAnas per una chiusura notturna di poche ore, salvo le emergenze e le urgenze di ogni tipo. Si sta inoltre terminando la complessa progettazione della Strada 130 Ussita- Frontignano- Castelsantangelo; la complessità è data dal fatto che vi sono alcune faglie ancora in attività, ma contiamo di andare in conferenza dei servizi entro fine aprile- inizio maggio e, risolveremo anche quel problema con la partenza dei lavori. A nome di tutta la comunità provinciale , dalla costa alla montagna- ha concluso Pettinari- ringrazio la popolazione qui presente per la tenacia, il coraggio, la passione e la determinazione.     

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo