Torna Risorgi Marche, IV edizione: "Viviamo ancora di più la nostra Regione"

Sabato, 11 Luglio 2020 11:05 | Letto 1741 volte   Clicca per ascolare il testo Torna Risorgi Marche, IV edizione: "Viviamo ancora di più la nostra Regione" Una nuova edizione, la quarta, per Risorgi Marche. A causa dellemergenza epidemiologica non era affatto scontata, ma la forte squadra degli organizzatori sono riusciti a stilare un calendario di almeno 18 date. Sarà unedizione sui generis, dato che non prevederà più concerti sui prati e fra le montagne marchigiane, ma si sposterà nei borghi. Ci saranno anche concerti allalba e al tramonto, tanti nomi importanti affiancati da artisti meno conosciuti che vale la pena di scoprire.Sembrava impossibile - ha esordito lideatore, Neri Marcorè - ma a noi piacciono le difficoltà e abbiamo deciso comunque di riproporre Risorgi Marche. Sarà una edizione sui generis per le novità imposte dal Covid. Giambattista Tofoni ha formato una squadra preziosa che doveva andare avanti e la Regione non ci ha fatto mancare il proprio supporto.Alla presentazione della prima parte del programma (sono stati svelati 7 concerti su 18) hanno preso parte lassessore regionale alla cultura, Moreno Pieroni, e Daniela Tisi, consigliere nazionale di Icom (International Council of Museum). Il rapporto che abbiamo creato - ha affermato Pieroni -  va al di là del semplice rapporto istituzionale. Il duplice obiettivo è quello di mantenere alta l’attenzione in quei territori che hanno vissuto il dramma del sisma, bellissimi dal punto di vista paesaggistico, e valorizzare sempre più la loro economia con l’indotto che Risorgi Marche crea. Mi piacerebbe che questa iniziativa diventasse strutturale: una scommessa partita quattro anni fa oggi è diventata una realtà nel territorio nazionale e dobbiamo fare di tutto per mantenerla anche per il futuro. Secondo Tisi, levento di questanno, più che mai, è estremamente positivo poiché porta materialmente a scoprire i Comuni e i borghi delle Marche, le loro piazze, i loro siti archeologici, i musei: Si va anche ad aiutare un settore che dopo il terremoto e la pandemia, è abbastanza in difficoltà. In tutti i concerti ovviamente saranno seguite pedissequamente le norme specifiche anti contagio come luso delle mascherine mentre si è in fila, il termoscanner, il gel igienizzante, numeri limitati e aree circoscritte. Punteremo molto sul turismo di prossimità. Riteniamo che questa sia la stagione migliore per scoprire la nostra Regione, nessuno di noi credo la conosca bene. L’invito quest’anno è di vivere ancora di più il territorio quindi, oltre al concerto, a visitare luoghi, musei e le bellezze delle città. A presentare le prime sette date è stato Giambattista Tofoni. La prima sarà il 18 luglio. Tofoni ha anche comunicato che questanno, per lesigenza di censire le persone che assisteranno ai concerti (e di mantenere una lista per 15 giorni), sarà prevista la prenotazione obbligatoria nei borghi, con due opzioni per lingresso: un biglietto solidale di 5 euro e un biglietto sostenitori di 20 euro. Lintero incasso delle serate sarà sempre devoluto interamente al Comune ospitante che potrà investirli come crede e per chi volesse contribuire ulteriormente, saranno forniti gli Iban dei Comuni stessi. Ogni concerto, a seconda delle location, potrà accogliere dai 200 agli 800 spettatori.Per la scelta dei borghi abbiamo avuto un movimento di massa da parte del popolo di Risorgi Marche - ha aggiunto Tofoni - e anche i Comuni hanno inviato le loro proposte benché non tutte siano adeguate. Il criterio è stato quello di coniugare bellezza e ampiezza del sito per ospitare un concerto. Il calendario è ancora work in progress e sembrerebbero esserci nomi molto importanti in ballo. Nel corso dei prossimi giorni saranno aggiunti nuovi ospiti e comunicate nuove date. Date attualmente confermate 18/7: Petra Magoni e Ferruccio Spinetti al teatro romano di Falerone  22/7: Ambrogio Sparagna col suo trio a Villa Fermani di Corridonia 25/7 Banda della Ricetta a Montemonaco 28/7 Peppe Servillo e i Solis String Quartet in Piazza Repubblica di Treia  29/7 Ziad Trabelsi e Carthage Mosaik allabbazia di Sant’Urbano di Apiro  1/8 Enzo Avitabile trio in piazza alta a Sarnano  2/8 Dente a Piazza del Popolo di Offida Gaia Gennaretti
Una nuova edizione, la quarta, per Risorgi Marche. A causa dell'emergenza epidemiologica non era affatto scontata, ma la forte squadra degli organizzatori sono riusciti a stilare un calendario di almeno 18 date. Sarà un'edizione sui generis, dato che non prevederà più concerti sui prati e fra le montagne marchigiane, ma si sposterà nei borghi. Ci saranno anche concerti all'alba e al tramonto, tanti nomi importanti affiancati da artisti meno conosciuti che vale la pena di scoprire.
"Sembrava impossibile - ha esordito l'ideatore, Neri Marcorè - ma a noi piacciono le difficoltà e abbiamo deciso comunque di riproporre Risorgi Marche. Sarà una edizione sui generis per le novità imposte dal Covid. Giambattista Tofoni ha formato una squadra preziosa che doveva andare avanti e la Regione non ci ha fatto mancare il proprio supporto".
Alla presentazione della prima parte del programma (sono stati svelati 7 concerti su 18) hanno preso parte l'assessore regionale alla cultura, Moreno Pieroni, e Daniela Tisi, consigliere nazionale di Icom (International Council of Museum). 
"Il rapporto che abbiamo creato - ha affermato Pieroni -  va al di là del semplice rapporto istituzionale. Il duplice obiettivo è quello di mantenere alta l’attenzione in quei territori che hanno vissuto il dramma del sisma, bellissimi dal punto di vista paesaggistico, e valorizzare sempre più la loro economia con l’indotto che Risorgi Marche crea. Mi piacerebbe che questa iniziativa diventasse strutturale: una scommessa partita quattro anni fa oggi è diventata una realtà nel territorio nazionale e dobbiamo fare di tutto per mantenerla anche per il futuro". 
Secondo Tisi, l'evento di quest'anno, più che mai, è estremamente positivo poiché porta materialmente a scoprire i Comuni e i borghi delle Marche, le loro piazze, i loro siti archeologici, i musei: "Si va anche ad aiutare un settore che dopo il terremoto e la pandemia, è abbastanza in difficoltà". 
In tutti i concerti ovviamente saranno seguite pedissequamente le norme specifiche anti contagio come l'uso delle mascherine mentre si è in fila, il termoscanner, il gel igienizzante, numeri limitati e aree circoscritte. "Punteremo molto sul turismo di prossimità. Riteniamo che questa sia la stagione migliore per scoprire la nostra Regione, nessuno di noi credo la conosca bene. L’invito quest’anno è di vivere ancora di più il territorio quindi, oltre al concerto, a visitare luoghi, musei e le bellezze delle città". 
A presentare le prime sette date è stato Giambattista Tofoni. La prima sarà il 18 luglio. Tofoni ha anche comunicato che quest'anno, per l'esigenza di censire le persone che assisteranno ai concerti (e di mantenere una lista per 15 giorni), sarà prevista la prenotazione obbligatoria nei borghi, con due opzioni per l'ingresso: un biglietto solidale di 5 euro e un biglietto sostenitori di 20 euro. L'intero incasso delle serate sarà sempre devoluto interamente al Comune ospitante che potrà investirli come crede e per chi volesse contribuire ulteriormente, saranno forniti gli Iban dei Comuni stessi. Ogni concerto, a seconda delle location, potrà accogliere dai 200 agli 800 spettatori.
"Per la scelta dei borghi abbiamo avuto un movimento di massa da parte del popolo di Risorgi Marche - ha aggiunto Tofoni - e anche i Comuni hanno inviato le loro proposte benché non tutte siano adeguate. Il criterio è stato quello di coniugare bellezza e ampiezza del sito per ospitare un concerto".
Il calendario è ancora work in progress e sembrerebbero esserci nomi molto importanti in ballo. Nel corso dei prossimi giorni saranno aggiunti nuovi ospiti e comunicate nuove date. 

Date attualmente confermate

18/7: Petra Magoni e Ferruccio Spinetti al teatro romano di Falerone 

22/7: Ambrogio Sparagna col suo trio a Villa Fermani di Corridonia

25/7 Banda della Ricetta a Montemonaco

28/7 Peppe Servillo e i Solis String Quartet in Piazza Repubblica di Treia 

29/7 Ziad Trabelsi e Carthage Mosaik all'abbazia di Sant’Urbano di Apiro 

1/8 Enzo Avitabile trio in piazza alta a Sarnano 

 2/8 Dente a Piazza del Popolo di Offida 

Gaia Gennaretti

Letto 1741 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo