chANCE banner Appennino 1022 200px

Belardinelli: "Sul trasporto scolastico serve un deciso scatto in avanti"

Venerdì, 28 Agosto 2020 12:58 | Letto 754 volte   Clicca per ascolare il testo Belardinelli: "Sul trasporto scolastico serve un deciso scatto in avanti" Sul fatto che la scuola riapre agli studenti il 14 settembre non sembrano ormai esserci più dubbi, sulle modalità con cui ciò avverrà le incertezze, invece, sono ancora molte. Il dibattito forse più accesso riguarda, però, il trasporto scolastico su cui Governo, Regioni, Istituzioni Scolastiche stanno focalizzando la propria attenzione. Un problema che preoccupa in modo particolare le aziende che gestiscono il servizio del traporto degli studenti e che, a pochi giorni ormai dallinizio dellanno scolastico, chiedono linee guida certe.Un problema che avevamo sollevato già diversi mesi fa e che purtroppo non ha ancora trovato soluzione - a parlare Stefano Belardinelli, presidente di Contram s.p.a. - Noi vorremmo offrire un servizio efficiente e sicuro alla popolazione studentesca, ma il grido lanciato tempo fa è rimasto a lungo inascoltato. Ora, però, si stanno accorgendo che con lattuale normativa, che in sostanza prevede la riduzione del 50% della capienza a bordo dei pulman, non si riuscirebbe ad assicurare il trasporto di tutti i ragazzi che dovranno raggiungere le scuole. Non è neppure possibile pensare nel breve periodo ad un aumento massiccio del numero degli autobus e dei conducenti, che necessita di unattenta programmazione e pianifica sia dal punto di vista della fattibilità sia sotto il profilo economico.La soluzione, da alcuni presa in considerazione, potrebbe essere quella della previsione ancora una volta della didattica a distanza, in alternanza con la presenza in aula degli studenti, o di turni di lezione da svolgersi al mattino e al pomeriggio.E questo un tema che purtroppo si scontra con la rigidità del mondo scolastico - la costatazione di Belardinelli - Mentre, infatti, noi che operiamo nel mondo dei trasporti siamo abituati ad avere una certa flessibilità, non altrettanto notiamo nel sistema scuola. La nostra speranza è che si arrivi ad un punto di incontro che si può raggiungere facendo ognuno un piccolo passo in avanti. Garantire da parte nostra un aumento del servizio e maggiore flessibilità nella definizione degli orari delle lezioni da parte della scuola sarebbe una buona base di partenza. E chiaro, tuttavia, che servono linee guida certe da parte del Governo e della Regione e che vengano assicurate le necessarie risorse.Mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata, narrava Tito Livio nelle sue Storie. Ancora una volta, a ridosso del via alla scuola, la storia appare maestra di vita.f.u.
Sul fatto che la scuola riapre agli studenti il 14 settembre non sembrano ormai esserci più dubbi, sulle modalità con cui ciò avverrà le incertezze, invece, sono ancora molte. Il dibattito forse più accesso riguarda, però, il trasporto scolastico su cui Governo, Regioni, Istituzioni Scolastiche stanno focalizzando la propria attenzione. Un problema che preoccupa in modo particolare le aziende che gestiscono il servizio del traporto degli studenti e che, a pochi giorni ormai dall'inizio dell'anno scolastico, chiedono linee guida certe.

"Un problema che avevamo sollevato già diversi mesi fa e che purtroppo non ha ancora trovato soluzione - a parlare Stefano Belardinelli, presidente di Contram s.p.a. - Noi vorremmo offrire un servizio efficiente e sicuro alla popolazione studentesca, ma il grido lanciato tempo fa è rimasto a lungo inascoltato. Ora, però, si stanno accorgendo che con l'attuale normativa, che in sostanza prevede la riduzione del 50% della capienza a bordo dei pulman, non si riuscirebbe ad assicurare il trasporto di tutti i ragazzi che dovranno raggiungere le scuole. Non è neppure possibile pensare nel breve periodo ad un aumento massiccio del numero degli autobus e dei conducenti, che necessita di un'attenta programmazione e pianifica sia dal punto di vista della fattibilità sia sotto il profilo economico".

La soluzione, da alcuni presa in considerazione, potrebbe essere quella della previsione ancora una volta della didattica a distanza, in alternanza con la presenza in aula degli studenti, o di turni di lezione da svolgersi al mattino e al pomeriggio.

"E' questo un tema che purtroppo si scontra con la rigidità del mondo scolastico - la costatazione di Belardinelli - Mentre, infatti, noi che operiamo nel mondo dei trasporti siamo abituati ad avere una certa flessibilità, non altrettanto notiamo nel sistema scuola. La nostra speranza è che si arrivi ad un punto di incontro che si può raggiungere facendo ognuno un piccolo passo in avanti. Garantire da parte nostra un aumento del servizio e maggiore flessibilità nella definizione degli orari delle lezioni da parte della scuola sarebbe una buona base di partenza. E' chiaro, tuttavia, che servono linee guida certe da parte del Governo e della Regione e che vengano assicurate le necessarie risorse".

"Mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata", narrava Tito Livio nelle sue "Storie". Ancora una volta, a ridosso del via alla scuola, la storia appare maestra di vita.

f.u.

Letto 754 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo