Valfornace- Consegnate 41 casette nell'area Giovanni XXIII

Giovedì, 29 Marzo 2018 11:45 | Letto 1422 volte   Clicca per ascolare il testo Valfornace- Consegnate 41 casette nell'area Giovanni XXIII Pasqua gioiosa per 41 nuclei famigliari di Valfornace. Nel corso di una sobria cerimonia, sono state consegnate le  41 Soluzioni Abitative Emergenziali  dellarea Giovanni XXIII, a ridosso del centro di Pievebovigliana. Clima festoso tra la popolazione che finalmente si riappropria delle proprie radici; dopo oltre un anno e mezzo, vissuto tra le strutture della costa o le sistemazioni autonome presso città anche distanti, lagognato ritorno in paese. A consegnare le chiavi il sindaco Massimo Citracca, presenti anche le ditte esecutrici e il direttore dei lavori ing. Paolo Sabbatini, funzionario Erap. Una bella festa e un bel regalo per 41 famiglie che rientrano- ha dichiarato il sindaco- E un bel numero di casette ma,essendo circa 80 quelle che dobbiamo ancora consegnare, siamo circa a metà dellopera. Confidiamo comunque di riuscire a completare lopera tra il mese di aprile e metà maggio, in modo da riavere tutti i cittadini in paese e, dopo tante difficoltà, poter brindare tutti insieme al risultato ottenuto. Un ringraziamento alla Regione, allimpresa EV s.r.l. di Trecastelli, al direttore dei lavori e allErap, a tutte le maestranze che hanno reso possibile il rientro delle persone. Inconvenienti e problematiche nellultimazione dei lavori hanno fatto slittare le consegne; oggi - ha aggiunto il sindaco- è meglio non pensare al passato ma guardare al futuro. La vicinanza al vecchio centro abitato dellarea ha infatti richiesto ingenti opere; qui di fronte- ha spiegato- è stata portata via parte di una montagna, il vantaggio è che si è vicini ad una strada provinciale e tutta larea delle casette risulta ben organizzata, ben vivibile dai cittadini e, immersa nello straordinario nostro paesaggio . Soddisfazione è stata espressa anche dal direttore dei lavori ing. Paolo Sabbatini: Anche per noi è un giorno di festa. Siamo riusciti a consegnare larea Giovanni XXIII al completo. I lavori eseguiti in questo contesto sono stati particolarmente importanti e ci abbiamo messo del nostro per poter accelerare. Abbiamo raggiunto un bel traguardo e lo stesso auspichiamo per tutte le altre aree, così da permettere a tutti i cittadini di Valfornace di far ritorno alla loro terra e ad una dimensione di vita normale. Laugurio è che possano superare serenamente questa prima fase dellemergenza per  poter pensare alla ricostruzione e a tutto il resto che verrà.  Così come tutte le SAE del comune di Valfornace le 41 SAE consegnate sono state realizzate dalla ditta CNS; nella prima fase, larea è stata urbanizzata dallErap con la preparazione della viabilità,  prima fase degli impianti e delle fondazioni, quindi,  a provvedere al montaggio delle casette è stata la Ditta Internazionale, consorziata CNS. Con la conclusione di tutte le opere si è dunque giunti alla consegna agli assegnatari. Allappello mancano ora le 49 SAE dellarea di piazza Vittorio Veneto che verranno consegnate a metà maggio e, le 38 di Piani Campi, area ubicata nellex comune di Fiordimonte che si prevede potrà essere finalmente abitata dalla metà di aprile. 

Pasqua gioiosa per 41 nuclei famigliari di Valfornace. Nel corso di una sobria cerimonia, sono state consegnate le  41 Soluzioni Abitative Emergenziali  dell'area Giovanni XXIII, a ridosso del centro di Pievebovigliana. Clima festoso tra la popolazione che finalmente si riappropria delle proprie radici; dopo oltre un anno e mezzo, vissuto tra le strutture della costa o le sistemazioni autonome presso città anche distanti, l'agognato ritorno in paese. A consegnare le chiavi il sindaco Massimo Citracca, presenti anche le ditte esecutrici e il direttore dei lavori ing. Paolo Sabbatini, funzionario Erap. " Una bella festa e un bel regalo per 41 famiglie che rientrano- ha dichiarato il sindaco- E' un bel numero di casette ma,essendo circa 80 quelle che dobbiamo ancora consegnare, siamo circa a metà dell'opera. Confidiamo comunque di riuscire a completare l'opera tra il mese di aprile e metà maggio, in modo da riavere tutti i cittadini in paese e, dopo tante difficoltà, poter brindare tutti insieme al risultato ottenuto. Un ringraziamento alla Regione, all'impresa EV s.r.l. di Trecastelli, al direttore dei lavori e all'Erap, a tutte le maestranze che hanno reso possibile il rientro delle persone. Inconvenienti e problematiche nell'ultimazione dei lavori hanno fatto slittare le consegne; oggi - ha aggiunto il sindaco- è meglio non pensare al passato ma guardare al futuro. La vicinanza al vecchio centro abitato dell'area ha infatti richiesto ingenti opere; qui di fronte- ha spiegato- è stata portata via parte di una montagna, il vantaggio è che si è vicini ad una strada provinciale e tutta l'area delle 'casette ' risulta ben organizzata, ben vivibile dai cittadini e, immersa nello straordinario nostro paesaggio ".

Valfornace Sabbatini

Soddisfazione è stata espressa anche dal direttore dei lavori ing. Paolo Sabbatini: " Anche per noi è un giorno di festa. Siamo riusciti a consegnare l'area Giovanni XXIII al completo. I lavori eseguiti in questo contesto sono stati particolarmente importanti e ci abbiamo messo del nostro per poter accelerare. Abbiamo raggiunto un bel traguardo e lo stesso auspichiamo per tutte le altre aree, così da permettere a tutti i cittadini di Valfornace di far ritorno alla loro terra e ad una dimensione di vita 'normale'. L'augurio è che possano superare serenamente questa prima fase dell'emergenza per  poter pensare alla ricostruzione e a tutto il resto che verrà". 

Valfornace Magaly

Valfornace area giovanni XXIII

Così come tutte le SAE del comune di Valfornace le 41 SAE consegnate sono state realizzate dalla ditta CNS; nella prima fase, l'area è stata urbanizzata dall'Erap con la preparazione della viabilità,  prima fase degli impianti e delle fondazioni, quindi,  a provvedere al montaggio delle 'casette' è stata la Ditta Internazionale, consorziata CNS. Con la conclusione di tutte le opere si è dunque giunti alla consegna agli assegnatari. All'appello mancano ora le 49 SAE dell'area di piazza Vittorio Veneto che verranno consegnate a metà maggio e, le 38 di Piani Campi, area ubicata nell'ex comune di Fiordimonte che si prevede potrà essere finalmente abitata dalla metà di aprile

Letto 1422 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo