Baldini sulla sanità: "Non desertifichiamo la montagna"

Martedì, 10 Marzo 2020 17:36 | Letto 356 volte   Clicca per ascolare il testo Baldini sulla sanità: "Non desertifichiamo la montagna" Motivazioni circa la destinazione dell’ospedale di Camerino alla cura dei pazienti affetti da Coronavirus e richieste specifiche per l’ospedale di Matelica: sono questi i due punti fondamentali della lettera che il sindaco di Matelica Massimo Baldini e l’assessore alla sanità Rosanna Procaccini hanno inviato al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, al presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, alla direttrice generale dell’Asur Marche Nadia Storti, al direttore dell’Area Vasta 3 Alessandro Maccioni ed al prefetto di Macerata Iolanda Rolli. Per quanto concerne il primo punto, forte è il dissenso dei due amministratori nei confronti di una scelta che va a pesare ulteriormente sull’entroterra maceratese, “area le cui ferite sono tutt’altro che rimarginate e che di fatto sanguinano ancora sia sul piano strutturale-abitativo che su quello aziendale ed economico: i numerosi spostamenti provenienti da altre aree vaste di pazienti affetti da COVID-19 fanno temere che tale area possa divenire il lazzaretto della provincia di Macerata”. Da qui la richiesta da parte dell’amministrazione comunale di Matelica di “un’esaustiva ed articolata risposta tesa a scongiurare la desertificazione dell’intera area montana”. Come detto, le preoccupazioni di Baldini e Procaccini si estendono, e non potrebbe essere diversamente, alla struttura ospedaliera matelicese, portandoli a sollecitare un tempestivo impegno che contempli “il mantenimento e potenziamento nell’ospedale di Matelica dei servizi essenziali, di base, ambulatoriali nonché delle prestazioni indispensabili per le popolazioni del territorio, la riapertura del reparto di lungodegenza al fine di soddisfare le reali e quantomai indispensabili ed irrinunciabili esigenze di una popolazione tra le più longeve d’Europa, particolare attenzione e massima tutela nei confronti del personale medico, paramedico e tecnico come disposto dall’ultimo DPCM del 09/03/2020.
Motivazioni circa la destinazione dell’ospedale di Camerino alla cura dei pazienti affetti da Coronavirus e richieste specifiche per l’ospedale di Matelica: sono questi i due punti fondamentali della lettera che il sindaco di Matelica Massimo Baldini e l’assessore alla sanità Rosanna Procaccini hanno inviato al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, al presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, alla direttrice generale dell’Asur Marche Nadia Storti, al direttore dell’Area Vasta 3 Alessandro Maccioni ed al prefetto di Macerata Iolanda Rolli. Per quanto concerne il primo punto, forte è il dissenso dei due amministratori nei confronti di una scelta che va a pesare ulteriormente sull’entroterra maceratese, “area le cui ferite sono tutt’altro che rimarginate e che di fatto sanguinano ancora sia sul piano strutturale-abitativo che su quello aziendale ed economico: i numerosi spostamenti provenienti da altre aree vaste di pazienti affetti da COVID-19 fanno temere che tale area possa divenire il lazzaretto della provincia di Macerata”. Da qui la richiesta da parte dell’amministrazione comunale di Matelica di “un’esaustiva ed articolata risposta tesa a scongiurare la desertificazione dell’intera area montana”. Come detto, le preoccupazioni di Baldini e Procaccini si estendono, e non potrebbe essere diversamente, alla struttura ospedaliera matelicese, portandoli a sollecitare un tempestivo impegno che contempli “il mantenimento e potenziamento nell’ospedale di Matelica dei servizi essenziali, di base, ambulatoriali nonché delle prestazioni indispensabili per le popolazioni del territorio, la riapertura del reparto di lungodegenza al fine di soddisfare le reali e quantomai indispensabili ed irrinunciabili esigenze di una popolazione tra le più longeve d’Europa, particolare attenzione e massima tutela nei confronti del personale medico, paramedico e tecnico come disposto dall’ultimo DPCM del 09/03/2020".

Letto 356 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo