Lo hanno fatto di nuovo. Dopo aver soppresso il punto nascite nel 2015 con una determina del 31 dicembre, quasi come a voler nascondere l'atto nel marasma delle festività, ora l'Asur, con una determina del 31 dicembre 2019, ha deciso di depotenziare ben tre unità semplici dipartimentali a unità semplici dell'ospedale di San Severino: l'Hospice, oncologia e radiologia. "Che vuol dire? Che non sono più autonome, che possono essere soppresse in qualunque momento, o che possono essere inglobate nella struttura di riferimento.
Queste tre strutture sono fondamentali - sono le parole del sindaco in un video di protesta e denuncia che riportiamo sotto. Carissimo presidente Luca Ceriscioli, nonché assessore regionale alla sanità, e cara direttrice dell'Asur, Nadia Storti, vi chiedo di ritirare immediatamente questa determina o di modificarla. Siamo un città terremotata e questo ospedale è sempre stato un riferimento per tutto l'entroterra per la sua posizione, la solida struttura che nemmeno il sisma è riuscito a scalfire e per la pista di Elisoccorso. Quando ci invitaste a candidarci per l'ospedale unico io lo feci - aggiunge- ma nessuno mai chiese il progetto perché era già tutto preparato. Noi siamo il secondo territorio per estensione nelle Marche e abbiamo bisogno di questa struttura, non solo noi ma tutto l'entroterra. Ci siamo noi, i comitati e le associazioni. Siamo pronti a venirvi a trovare in Regione".
g.g

Investimento a San Severino, in viale Bartolomeo Eustachio, in centro. Muore una donna.
È accaduto alle 19.30. Per cause ancora in corso di accertamento, un'auto, una Panda condotta da una donna, ha investito una anziana, A.C.. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 ma per il pedone, una donna, non c'è stato nulla da fare. La salma è stata trasportata all'obitorio dell'ospedale. I carabinieri si sono occupati dei rilievi, mentre la protezione civile del deflusso del traffico.
F41AE353 0990 408A AFA8 B66A8988C196

DC6E3538 2CDC 4289 9E2D A9488F72EF48
(Servizio in aggiornamento)

GS

Due nuovi appartamenti popolari tornano agibili nella ex scuola di Stigliano, a San Severino. Nonostante la lentezza del sistema di ricostruzione post sisma, il Comune ha raggiunto un altro piccolo grande traguardo: a tre anni dal terremoto, sabato saranno consegnati due alloggi ad altrettante famiglie. La cerimonia è prevista per le 10:30. La struttura si trova lungo la provinciale 121, dietro la chiesa della frazione, e nell'ottobre 2016 era stata lesionata dalle scosse. I lavori rientravano nell'ordinanza relativa alla riparazione del patrimonio edilizio pubblico destinato ad abitazione e sono stati quindi finanziati dal commissario straordinario. Ad eseguire le opere, l’impresa Sardellini Costruzioni Srl di Macerata per un importo di oltre 300mila euro. I lavori sono consistiti nel rifacimento di tutte le tramezzature, di una porzione e della struttura portante del tetto, nella sostituzione di alcuni elementi della copertura, nella realizzazione di un intonaco armato e del cappotto esterno oltre che di un vespaio areato. L’edificio è stato inoltre dotato di nuovi impianti.
g.g.


Doppio incontro quello dell’arcivescovo di Camerino – San Severino Marche, Francesco Massara,che oggi a Roma ha partecipato alla riunione dei vescovi del cratere alla Cei per le problematiche del terremoto e in particolare per l’ordinanza 84 del 2019, secondo piano dei beni culturali.
Nel pomeriggio, a Palazzo Chigi, l'incontro riservato con il Premier Conte, in cui Massara si farà portavoce dei problemi della gente e delle attività produttive. 

G.S.

- servizio in aggiornamento -
Taglio del nastro all'hospice di San Severino per i locali rinnovati dopo i lavori di restauro della ditta Alessio Ferri Costruzioni. Un lavoro che è stato possibile grazie ad un perfetto connubio tra pubblico e privato e a fare da trait d'union il Rotary Club di Tolentino. Il sodalizio, peraltro, ha anche voluto donare una somma di denaro per permettere la manutenzione delle stanze dell'importante reparto settempedano che in breve tempo è diventato eccellenza del territorio.
L'idea è nata dopo l'esperienza della famiglia Ferri all'interno dell'hospice: "Il progetto è nato a seguito di un doloroso trascorso familiare in questo reparto. Vedevamo che la pavimentazione era un po' scivolosa - racconta Alessio Ferri - vi erano delle infiltrazioni, numerose crepe dovute al terremoto del 2016, macchie e quant'altro mi sono sentito di dare un input positivo a quell'evento negativo. Mi sono chiesto come dare all'ammalato una seppur minima percentuale di sollievo e ho deciso di fare quello che è il mio lavoro dando una sistemata laddove vi fosse bisogno. Il mio gesto - aggiunge - è stato ovviamente non per gloria ma per rendere la permanenza dei pazienti il più confortevole possibile e poi in segno di riconoscenza verso il dottor Giorgetti e la sua equipe medico-infermieristica che fa un lavoro encomiabile".
g.g. 



Un successo la prima festa di quartiere interamente plastic free. Nei giorni scorsi si è svolta la festa del Rione di Contro, a San Severino, e il comitato di quartiere, rinnovato e ancora presieduto da Stefano Stefanelli ha deciso di accogliere la direttiva del comune per eliminare dagli uffici comunali, dalle feste e dagli eventi in generale, la plastica monouso. A presentare la mozione Plastic Free, lo scorso inverno, era stato il consigliere Mauro Bompadre e l'amministrazione aveva subito accolto l'iniziativa approvando la proposta all'unanimità e, in seguito, redigendo il "Protocollo Verde", una sorta di vademecum da utilizzare in occasione delle manifestazioni in cui è prevista la somministrazione di cibi e bevande.
"Volevamo fin da subito recepire questo Protoccolo Verde - afferma Stefanelli -. E' andata benissimo anche se molto più impegnativa per noi. Abbiamo dovuto capire come differenziare meglio e poi è stato impegnativo anche farlo conoscere e adeguarci tutti a questo orientamento. La difficoltà maggiore l'abbiamo riscontrata nelle consegne dei materiali, non tutti siamo preparati a questo. In ogni caso i giorni di festa sono stati un successo con tantissime presenze anche nei giorni infrasettimanali che di solito sono più tranquilli". 

(Sul prossimo numero de L'Appennino Camerte un approfondimento sull'argomento).
  
È riuscita ad aggiudicarsi una fascia all’ambitissimo concorso di Miss Italia la 18enne Vittoria Massei, di San Severino. L’unica partecipante settempedana alla tappa di Cupramontana e fra le pochissime della provincia di Macerata, ha ottenuto la fascia di sesta classificata, una piccola soddisfazione per essere alla sua prima esperienza e soprattutto questo le consentirà di partecipare anche alle selezioni regionali.

Vittoria, figlia di Marco Massei, avvocato e vice presidente del comitato per la difesa del Bartolomeo Eustachio, ha preso la maturità classica quest’anno dopo aver frequentato il liceo classico F. Filelfo di Tolentino e da settembre frequenterà la facoltà di giurisprudenza alla Luiss Guido Carli di Roma. Oltre a dedicarsi allo studio con profitto, la giovane ha la passione per il pianoforte che studia dall’età di 7 anni, del canto e del make up.

Parla molto bene l’inglese e ha anche ottenuto una certificazione per poter fare gli studi in America anche se ha scelto di rimanere in italia.

Nuova illuminazione per il villaggio dei terremotati. In arrivo anche due nuovi marciapiedi. Proseguono le opere per migliorare l’area delle soluzioni abitative emergenziali “Campagnano” di San Severino, dove abitano 103 famiglie, e la sicurezza delle persone. La Regione e il dipartimento nazionale di Protezione Civile stanno concludendo i lavori sollecitati dal sindaco Rosa Piermattei per mettere in sicurezza gli accessi a tutta l’area sia per gli automobilisti che per i pedoni. Consistono nell’installazione di lampioni lungo la strada provinciale e nella pulizia del fosso che si ricongiunge al fiume Potenza.

A breve saranno anche realizzati, stando a quanto annunciato dal primo cittadino lunedì in consiglio comunale, anche due tratti di marciapiede: uno in direzione centro città e uno in direzione Tolentino, per garantire la sicurezza dei pedoni.

g.g.

"Imbarazzante il silenzio dell'Amministrazione sulla Commemorazione del Giorno del Ricordo". Duro il commento del gruppo politico di Fratelli d'Italia dopo la giornata di ieri, dedicata al ricordo delle vittime delle Foibe, nei confronti dell'amministrazione settempedana che ha disposto le bandiere a mezz'asta e invitato le scuole a tenere lezioni sull'argomento. Null'altro.

Fratelli d'Italia circolo di San Severino, si è ritrovato ieri insieme alla Comunità Istriana locale, per la commemorazione. In seguito all'introduzione del portavoe Tiziana Gazzellini è intervenuto Emanuele Piloni, dell'associazione Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, diretto discendente da famiglia Istriana: la nonna, esule del periodo, ha potuto raccontare alla famiglia le orribili violenze che venivano inferte a quelle persone che avevano la sola colpa di essere italiani. "L'intervento - si legge in una nota - commovente ed incisivo, ha descritto in maniera precisa e puntuale la vicenda nella sua realtà che fin ad oggi, non ha ancora ricevuto la giusta importanza, suscitando la commozione dei presenti. C'è ancora tanta strada per poter affermare la verità.  Ci meraviglia il silenzio imbarazzante dell'Amministrazione Comunale, che ha disatteso l'appello del Presidente della Repubblica, il quale invitava le istituzioni a questa doverosa commemorazione (con Legge n. 92/04 del 30/03/2004), facendo si che gli infoibati siano stati uccisi due volte".

 

 

Lunedì  (11 febbraio) torna a riunirsi il Consiglio comunale di San Severino. Tra gli argomenti all’ordine del giorno della seduta convocata per le 16 nell’ex sala udienza del Giudice di Pace, a palazzo Governatori, figurano le comunicazioni del Sindaco, Rosa Piermattei, l’approvazione dell’atto di indirizzo riguardante la municipalizzata Assem Spa per la stipula di un contratto di rete, la determinazione delle aliquote per l’anno 2019 dell’Imu, l’Imposta Municipale Propria, di quelle della Tasi, il Tributo per i Servizi Individuali, e dell’addizionale comunale all’Irpef.

L’Assise settempedana, inoltre, sarà chiamata ad approvare il Piano finanziario e le tariffe della Tari, la Tassa rifiuti, sempre per l’anno 2019 oltre al Programma dei lavori per il triennio 2019/2021 e quello biennale per gli affidamenti di servizi e forniture per il 2019/2020.

Tra gli argomenti della seduta anche il Piano di alienazione del patrimonio comunale, la ricognizione e la determinazione dei prezzi per l’anno 2019 delle aree e i fabbricati da destinare ad attività produttive e terziarie, l’approvazione del Documento unico di programmazione per il 2019-2021 e l’approvazione del bilancio di previsione 2019-2021 oltre alle variazioni al bilancio previsionale 2019-2021. Sarà poi discussa l’approvazione definitiva del piano di revisione delle società partecipate e una variante parziale al Piano regolatore.

Infine nell’Odg del Consiglio figurano due interrogazioni sulla manutenzione del monumento ai Caduti della Resistenza e sulla realizzazione di una centralina idroelettrica in prossimità del Ponte Sant’Antonio e una mozione in tema sanità presentata dai consiglieri Massimo Panicari, Gabriela Lampa e Mauro Bompadre.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo