Radioc1inBlu

A Camerino torna la Granfondo Terre dei Varano Offroad. Per il 2020, sarà l’unica gran fondo in mountain bike delle Marche e si disputerà nella giornata del 18 ottobre tra le montagne , le vallate e i boschi del circondario camerte, su un unico percorso di 40 chilometri e 1600 metri di dislivello,

Promossa dal gruppo sportivo Avis Frecce Azzurre di Camerino, la gara avrebbe dovuto svolgersi la scorsa primavera ma l’emergenza sanitaria ha costretto ad un rinvio. Guidata da tanta passione la macchina organizzativa si è subito rimessa in moto per offrire ai partecipanti l'emozione di una seconda edizione che attraverserà un paesaggio meraviglioso.
A cavallo di una mountain bike si affronteranno single track, salite pedalabili e brevi strappi, discese tecniche, tratti molto suggestivi e panoramici. In questa edizione, la parte finale del percorso è stata modificata per ridurre ulteriormente i pochi tratti di asfalto ed aggiungere alla salita di San Francesco che si inerpica fino alla cima del monte Le Tegge, una seconda importante ascesa che regalerà ai bikers nuove emozioni . 

“Il successo della scorsa edizione ci ha fornito l’energia per riproporre anche quest’anno la gara di Mountain Bike. – afferma Luca Marassi del direttivo delle Frecce Azzurre - Stavamo lavorando da mesi per offrire il 22 marzo una gara e un programma ancora più completi e accattivanti. La pandemia ci ha costretti ad annullare tutto. Potevamo scegliere la via più facile e rinviare la gara di un anno, ma la passione per questo sport e per la nostra terra ci hanno ancora una volta guidato.Abbiamo deciso quindi di ripianificare la manifestazione il 18 ottobre e, una volta verificate tutte le procedure necessarie a contenere il rischio contagio e dopo averne discusso con il sindaco e tutta l’amministrazione, la macchina organizzativa si è rimessa in pista. La Terre dei Varano Offroad sarà l’unica Gran Fondo di mountain bike che si svolgerà quest’anno nella nostra regione, ci aspettiamo una grande partecipazione da parte di tutti gli appassionati che in questi mesi non hanno potuto gareggiare. Considerato il vero e proprio boom delle e-bike che c’è stato in questo periodo, abbiamo deciso di organizzare anche una passeggiata cicloturistica aperta ai non agonisti e alle bici a pedalata assistita che avrà luogo lungo lo stesso percorso della gara, ma con partenza ritardata. La manifestazione di quest’anno entra così nell’ampio programma di iniziative del progetto di promozione turistica Camerino Meraviglia; il nostro percorso è stato inserito nei sentieri di Hike&Bike scaricabili dal sito e dalla app e sarà fruibile e segnalato tutti i mesi dell’anno. Insomma – conclude Marassi - noi siamo pronti e motivati per questa strana e particolare edizione della gara. Il motto che avevamo scelto a marzo voleva essere un invito a far crescere la nostra giovane manifestazione e portarla ai livelli dell’oramai famosa Granfondo Terra dei Varano su strada: dopo quanto è successo in questi mesi, non avremmo potuto sceglierne uno migliore: Terre dei Varano Offroad 2020:#ilbellodiesserci...nonostatante tutto”.
c.c.

Diventa operativo l'incremento di posti da 10 a 15 nel centro Diurno Alzheimer di Camerino  ampliando  di fatto del 50% i posti convenzionati disponibili nella struttura sociosanitaria che fa capo all’Ambito Territoriale Sociale 18.
Soddisfatto del risultato raggiunto il presidente dell' ATS, Alessandro Gentilucci: "Abbiamo aggiunto un altro tassello importante per l’assistenza alle persone che soffrono di disturbi cognitivi ed alle loro famiglie. Un provvedimento atteso che ora trova la sua piena attuazione con l’ampliamento del 50% dei posti convenzionati nel Centro diurno Alzheimer e disturbi cognitivi di Camerino”. Il centro, che serve tutto il distretto camerte, oltre ad essere l'unico presente è anche unico nel suo genere avendo un'organizzazione fortemente orientata alla riabilitazione, in rete con l'Associazione nazionale Alzheimer e con le migliori esperienze europee. “Potremo rispondere in tal modo anche alle persone in lista di attesa – prosegue Gentilucci - ma, soprattutto, continuare nell’opera di assistenza e riabilitazione tenendo conto dell’incidenza che ha la popolazione anziana nel nostro territorio. È importante, dunque, garantire questo tipo di servizi che fanno il paio con le altre iniziative che, come Ambito Territoriale Sociale, stiamo portando avanti: penso, ad esempio, al progetto Probiosenior sull’alimentazione, realizzato in collaborazione con l’Università di Camerino, che coinvolge circa 150 anziani e la cui sperimentazione ha interessato anche qualche ospite del Centro diurno Alzheimer”.
cc. 




Paura lungo la superstrada Valdichienti per l'autista di un furgone telonato che viaggiava in direzione monti.
Erano circa le 11 quando, per cause in corso di accertamento, l'autista ha perso il controllo del mezzo che è finito sulla scarpata, poco prima dello svincolo di Belforte del Chienti.
Illeso il conducente che, dopo essere sceso dal furgone, ha avvertito i vigili del fuoco e le forze dell'ordine.
Sul posto i vigili del fuoco per la messa in sicurezza del mezzo, i carabinieri di Tolentino per la gestione del traffico e i sanitari del 118 in via precauzionale per l'autista.
Rallentamenti lungo la corsia.

GS

48d9ac44 fa53 4186 a265 d6630b4b6a45

a3873559 d637 4bf5 a7a6 612dfd5c7e11

36b629a6 a415 49ee 8e4f d9ecf11bc463

1850e6d9 cc76 4893 959d 60e261fd0e75
"Questa volta i cittadini hanno espresso la propria preferenza".

È questa l'analisi del neo eletto consigliere regionale della Lega, Renzo Marinelli, sindaco di Castelraimondo, che dimostra i motivi per cui, secondo lui, un territorio inascoltato come quello dell'entroterra si trova oggi ad avere due rappresentanti in consiglio regionale.

"La differenza tra i nostri territori rispetto ad altri - dice ai microfoni di Mario Staffolani per Radio C1...inBlu - è che nell'entroterra stata espressa la preferenza. I cittadini dell'entroterra hanno compreso la necessità di avere qualcuno che portasse la loro voce in Regione e per questo motivo hanno deciso di dare fiducia a chi voleva rappresentare questo territorio.
Quello che spetta a me e Gianluca Pasqui (eletto con Forza Italia ndr) è un compito arduo e importante perchè i cittadini ripongono in noi la speranza di far rinascere questo territori.
Mi impegnerò affinchè siano portate avanti le loro istanze".

A portarlo sugli scranni del consiglio regionale anche l'esperienza amministrativa a Castelraimondo: "Sono da molti anni nell'amministrazione di Castelraimondo, ho avuto una esperienza in Provincia e nell'Unione montana - ha spiegato - . Conosco le problematihe territoriali e credo che sia utile avere esperienza per svolgere i compiti che ci attendono. Prendere persone che non hanno mai vissuto questa realtà non produce buoni frutti".

Dopo l'elezione, quindi, anche Renzo Marinelli resta in attesa di conoscere la composizione della giunta e degli assessorati: "Ho avuto modo di parlare con il presidente e mi sono messo a disposizione per quaslaisi cosa serva. Le istanze del territorio le ho bene a mente e mi batterò per far avere attenzione al territorio".
Chiara la sua idea sulla possibile figura di un assessore alla Ricostruzione: "Potrebbe essere utile avere una figura deputata a questo, ma da sola non riuscirebbe a fare nulla. Deve essere il governatore a coinvolgere tutta la giunta perchè la ricostruzione non rigarda sole le case, ma tutti i settori, dal turismo all'ambiente, all'economia. È giusto che ci sia una persona che possa coinvolgere tutti, ma credo che la figura più importanhte debba essere il governatore. Un assessore lasciato solo rischia di prendere solo porte chiuse". 

GS
MS
Tra i danni causati dal maltempo che ieri sera si è abbattuto in provincia anche una quercia secolare abbattuta all'ingresso della biglietteria dello stadio universitario Livio Luzi di Camerino.
Le forti raffiche di vento unite alla pioggia hanno sradicato la pianta caduta sulla strada dove spesso si trovano parcheggiate le auto dei genitori che accompagnano i figli agli allenamenti.
Ma quello di Camerino non è di certo l'unico danno causato dal maltempo: nel tardo pomeriggio di ieri i vigili del fuoco hanno ricevuto decine di chiamate per interventi simili di rami e alberi caduti sulle strade, intervenendo da Macerata a Tolentino, San Severino, Civitanova e Corridonia.

GS

38c52896 07af 43d7 8c36 9afdfbc06ee6

812e6c1c d74a 439c 90bd a68b35954536
Lutto nella Lega SPI del Sindacato Italiano Pensionati della CGIL di Matelica. Dopo un percorso di malattia concluso all''Hospice di San Sevrino Marche, all'età di 69 anni è deceduto il Segretario Lindo Morichetti. Lascia la madre ultranovantenne, che abitava con lui a Valfornace e due fratelli.
Cordoglio è stato espresso dal segretario Generale SPI-Cgil Macerata Stefano Tordini , secondo il quale la perdita di Lindo Morichetti " lascia un vuoto incolmabile nella CGIL del territorio montano, in piena zona del cratere, dove Lindo si è sempre prodigato con ogni mezzo ed azione per soccorrere prima e sostenere ed assistere poi, le famiglie terremotate: dalla consegna e
raccolta dei beni di prima necessità da distribuire alle famiglie costrette all’inagibilità dai
propri immobili raccolti dal sindacato fino all'assistenza e disbrigo quotidiano delle pratiche di Patronato (insieme con gli altri collaboratori della CGIL) girando e presidiando quelle zone con il camper dell’Ufficio Mobile".

Lindo B
Nel tracciare il suo ricordo, il Segretario Stefano Tordini sottolinea che Lindo Morichetti era "molto benvoluto proprio per questa sua disponibilità quotidiana, accompagnata dal sorriso e da parole di saggezza, ma con un carattere forte e determinato, era tornato da tempo nella sua terra d’origine dopo aver girato molto quale operatore della Saipem nelle piattaforme off-shore per la ricerca e l’estrazione del greggio e del metano. Già durante il lavoro era stato iscritto ed attivo all’interno dell’ attuale Filctem-CGIL, scelta poi conferma nel momento della messa in quiescenza, quando ha aderito allo SPI-CGIL.
All’interno del Sindacato Pensionati- continua Tordini-  si è messo subito in evidenza ed a disposizione, ricoprendo incarichi all’interno del Direttivo della Lega di Matelica, fino a divenirne il
Segretario dal 26/09/2018, incarico che ricopriva tuttora presidiando un’ampia zona montana come, Matelica, Esanatoglia, Gagliole, Castelraimondo, Camerino, Muccia e San Severino Marche. Un impegno straordinario l’ha coinvolto in maniera temeraria e continua, la costruzione fino all’inaugurazione della nuova sede della CGIL di Camerino avvenuta il 18 aprile 2019, una delle sua massima soddisfazioni.
I funerali verranno celebrati domani nella Chiesa del Comune di Valfornace, località Zona
Commerciale alle ore 15.00.
La Segreteria provinciale dello SPI di Macerata, i Segretari di Lega, lo SPI Regionale, la Segreteria della CGIL di Macerata, e la CGIL tutta, salutano con dolore questo prezioso dirigente nella certezza del suo ricordo".
c.c.
Molto intensa e ricca si prospetta a Camerino l'intera giornata di domenica 27 settembre.  La novità assoluta è nell'iniziativa  “A cavallo nella Marca”, grazie alla quale il medioevo tornerà ad essere protagonista attraverso la quintana e, nel rigoroso rispetto delle prescrizioni anti-covid, alla partecipazione di circa 50 figuranti. Un progetto che è nato da una fattiva collaborazione che ha riunito insieme Associazione Corsa alla Spada e Palio, Giacche Verdi della Protezione civile a cavallo, Comune di Camerino e Pro Loco.
“ Come Corsa alla Spada – spiega la presidente dell’associazione Stefania Scuri- abbiamo pensato di agganciare un gruppo di giovani fantini che corrono in maniera semiprofessionistica per manifestazioni di quintane e giostre all’Anello a Foligno e Ascoli Piceno, così da far nascere anche a Camerino un progetto che trovi la sua massima espressione a maggio in occasione dei festeggiamenti legati al patrono- continua Stefania Scuri-. Vorremmo infatti creare un gruppo di ragazzi che si appassionino a questo progetto, così da poter dar vita a Camerino allo spettacolo della giostra all’anello, in modo da arricchire il cartellone delle dieci giornate di festa in onore di San Venanzio.
La centralità per la Corsa alla Spada- sottolinea- chiaramente è quella della Corsa e dunque del gesto atletico dei nostri 30 corridori, tuttavia, perché non creare anche qui da noi uno spettacolo che da altre parti muove tante presenze. Crediamo che potrebbe essere una bella occasione per far uscire ancora una volta il nome della Corsa alla Spada al di fuori del territorio comunale. Nata questa bella collaborazione alla quale si è aggiunta anche una positiva sinergia con la Pro Loco e il Comune, abbiamo dunque intrecciato una serie di inziative che avranno avvio la mattina di domenica con la partenza a cavallo da Pioraco lungo il percorso dell’Intagliata per arrivare a Camerino. Coloro che non vanno a cavallo, grazie alla sezione di Camerino della Marca dell’Archeoclub, avranno la possibilità di visitare Rocca Varano; inoltre, alle ore 10.30 l’amministrazione comunale inaugurerà la nuova area giochi di “Sotto le piante”. Nel pomeriggio un’altra bella attrattiva sarà la dimostrazione equestre di corsa all’anello che si terrà negli impianti sportivi in località Le Calvie. In sostanza, non sarà una vera e propria ‘quintana’ ma una rappresentazione della stessa, terminata la quale l'associazione Corsa alla spada premierà  i bambini che a maggio hanno partecipato al contest ” La corsa alla spada che vorrei”. Dai bambini sono uscite anche delle belle idee che speriamo di poter mettere in concreto nel calendario della nostra rievocazione storica. A seguire  ci sarà uno spettacolo equestre in chiave moderna, offerto dalle Giacche verdi della protezione civile a cavallo.
c.c.

Continua a tenere banco a Matelica la questione relativa alla discarica, di recente sollevata anche dal gruppo di minoranza consiliare "Per Matelica", che per voce del suo capogruppo Alessandro Del Priori chiede l'organizzazione di un'assemblea pubblica per portare la cittadinanza a conoscenza delle scelte che al riguardo l'amministrazione comunale intende adottare.

"Si tratta - dichiara il capogruppo Del Priori - di una questione piuttosto complicata che deve essere spiegata ai cittadini ai quali bisogna anche far capire quali sono i passaggi amministrativi che servono per l'approvazione del piano provinciale delle discariche. Ecco il motivo principale per cui si rende necessario fare un'assemblea pubblica in cui la maggioranza spieghi quali sono le decisioni prese e i passaggi che occorre fare".

Sono anni, per la precisione dal 2015, che il piano provinciale dei rifiuti viene discusso, come ricorda lo stesso Del Priori. "Negli anni in cui ero sindaco della città - continua - avevo proposto una mozione che serviva per evitare la termovalorizzazione dei rifiuti e un nuovo inceneritore. Questo significava dover realizzare una nuova discarica per rifiuti, oltre a quella di Cingoli, ma non farla a Matelica. Un territorio come il nostro, vocato al turismo e alla valorizzazione del verdicchio, non si può permettere di ospitare una discarica. L'amministrazione comunale ha tutti gli strumenti per farlo e noi vogliamo che ciò sia al primo posto nel dibattito politico".

f.u.
L'allarme sulla situazione del Punto di Primo Intervento di Tolentino, struttura strategica per la sanità dell'intero entroterra, è stato lanciato dall'esponente della Lega Anna Menghi, secondo la quale la struttura "rimane operativa soltanto grazie al lavoro straordinario del personale sanitario che, qualora cessasse, metterebbe a rischio la funzionalità e, di conseguenza, l'esistenza stessa della struttura".

Non tarda ad arrivare al riguardo la risposta del sindaco Giuseppe Pezzanesi. "Sulla nostra struttura ospedaliera ho chiesto spiegazioni alla dottoressa Nadia Storti, direttore dell'Asur Marche, che non ha negato le difficoltà relative alla carenza di personale. Un problema che, purtroppo, non si risolve in breve tempo, anche se la dottoressa Storti ha confermato di aver saldato tutte le competenze relative agli straordinari del personale ad eccezione dell'ultimo mese. Così qualcuno non ha perso tempo per guadagnarsi spazio sui giornali".

Rivendica, tuttavia, il proprio ruolo di massima autorità anche in materia di sanità il primo cittadino tolentinate. 

"Dove erano tutti questi politici, insieme ai consiglieri regionali dell'epoca, quando l'ospedale di Tolentino veniva di fatto smembrato e chiuso nei suoi servizi essenziali? - interroga e si interroga il primo cittadino - Quando si fanno interventi che riguardano un territorio, sia pure da taluni sollecitato - arriva anche la stoccata ad Anna Menghi - dovrebbe conoscersi anche la storia di quel territorio e, soprattutto, confrontarsi con il sindaco per avere chiarimenti su cosa sta succedendo. E' una vicenda che teniamo sotto controllo e che vogliamo nel più breve tempo possibile risolvere. Nessuno mi venga ad insegnare il mestiere".

f.u.


Un allevatore di Cingoli è finito nei guai per detenzione di specie protette. A seguito di un controllo avvenuto nei giorni scorsi nell'allevamento di avifauna dell'uomo, i Carabinieri Forestali dei Nuclei Carabinieri CITES di Fermo ed Ancona, hanno accertato la detenzione di 10 esemplari di fringillidi particolarmente protetti dalla normativa nazionale in quanto inclusi nella Convenzione di Berna.

Gli esemplari, detenuti all’interno delle voliere dell’allevamento, nello specifico 7 cardellini (Carduelis carduelis)e 3 lucherini (Spinus spinus), risultavano privi dell’anello inamovibile comprovante la nascita in cattività degli animali.

Accertata inoltre l’assenza di qualsivoglia documentazione attestante la regolare detenzione, i militari hanno provveduto a sequestrare gli animali che, come prevede la normativa vigente in materia, sono stati immediatamente rilasciati in natura.

L’allevatore è stato denunciato per i reati previsti dagli articoli 30 comma 1 lett b) ed h) della Legge 157/1992 che prevedono sanzioni contravvenzionali punibili con l’arresto fino a otto mesi e ammenda.

Rinvenuti, sequestrati e rilasciati in natura anche 4 esemplari di merlo (Turdus merula), specie appartenente alla fauna cacciabile, anch’essi sprovvisti di anello inamovibile.

Proseguono i controlli dei Nuclei CITES delle Marche, per il contrasto ai traffici di specie protette e contro il maltrattamento degli animali.
c.c.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo