Radioc1inBlu

Il quadro realizzato dall'Associazione Maestri Infioratori di Castelraimondo in occasione della solenne riapertura della Basilica di San Venanzio avvenuta lo scorso 15 dicembre, ha trovato collocazione in una apposita nicchia all'interno della stessa chiesa. Nel bellissimo quadro fiorito, una citazione dell'opera del Crivelli che raffigura il giovane Martire che tiene in mano la città. L'opera che racchiude tutta l'arte che i Maestri Infioratori hanno raggiunto in tanti anni di passione ed esperienza, farà bella mostra di sè in occasione degli imminenti eventi della vigilia di Preghiera con l'Offerta dei Ceri e della festa del protettore di Camerino  che ricorre lunedì 18 maggio.
IMG 20200516 WA0003 1
"Lo realizzammo proprio per quell'occasione grandiosa della riapertura della Basilica dopo il suo meraviglioso recupero - afferma Erasmo Rovelli, rappresentante dell'Associazione di Castelraimondo- La nostra cittadina fa parte della Diocesi di Camerino- San Severino Marche e San Venanzio è anche il nostro protettore, da qui il motivo di offrire la nostra opera alla chiesa camerte. Il quadro è realizzato con fiori freschi e fiori secchi e- aggiunge Rovelli- secondo le intenzioni del parroco don Marco Gentilucci sembra che rimarrà stabilmente all'interno della Basilica. Con tutta probabilità quindi, quella che è la  sistemazione provvisoria approntata in questi giorni, diverrà collocazione definitiva. Il lavoro è stato davvero molto lungo, certosino e fatto di tanta pazienza, ma alla fine, molto soddisfacente e ci riempie di gioia sapere che potrà avere una collocazione permanente. La cosa che ci ha fatto più piacere- conclude Erasmo Rovelli- è il fatto che tutti i cittadini abbiano espresso il loro aprezzamento per la nostra realizzazione. Questa è sicuramente la soddisfazione più grande che ripaga tutto il nostro impegno".
C.C.
Un sostegno economico per le aree interne del territorio regionale. A chiederlo è il capogruppo dei Verdi Sandro Bisonni con una mozione che impegna il Presidente e la Giunta regionale ad aumentare le risorse economiche destinate alla misura “Resto al Sud” e all’incentivo “Smart & Start”, estendendo la prima ai Comuni delle aree interne e montane ed i benefici del secondo, previsti nel Mezzogiorno, a tutti quelli delle Marche. “Il territorio regionale – evidenzia Bisonni – oltre ad essere stato interessato dai terremoti del 2016 e del 2017, sta attraversando una pesante crisi determinata dall’emergenza sanitaria del Covid – 19, con inevitabili conseguenze economiche e sociali. Da considerare, inoltre, che le aree interne sono state già fortemente compromesse dai problemi endemici legati allo spopolamento e alla flessione di alcuni settori produttivi, strategici nell’ambito di questo contesto geografico. Occorrono interventi mirati che ridiano respiro all’economia e affrontino i problemi nella loro specificità”.

Entrando nel merito di quanto proposto nella mozione, va ricordato che “Resto al Sud” è l’incentivo che supporta la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali o libero professionali nelle regioni del Mezzogiorno e nelle aree del Centro Italia colpite dal terremoto, fornendo agevolazioni fino a 200.000 euro per l’avvio di nuovi progetti da parte di giovani professionisti.

“Smart & Start”, invece, sostiene le startup innovative ad alto contenuto tecnologico in tutte le regioni italiane, che però al Sud percepiscono maggiori agevolazioni.

“In questo caso – fa presente Bisonni – l’obiettivo è stimolare una nuova cultura imprenditoriale legata all’economia digitale, valorizzare i risultati della ricerca scientifica e tecnologica, incoraggiare il rientro delle nostre eccellenze dall’estero”.
Unita a diverse piazze d’Italia anche Piazza del Popolo, luogo simbolo di San Severino Marche, coinvolta nell’iniziativa “Assaggi di Meeting”, per la terza edizione dell’evento di raccolta fondi in favore del Meeting tra i Popoli di Rimini.  L’appuntamento, in programma per il pomeriggio di sabato 23 maggio, coinvolgerà in prima persona il sindaco, Rosa Piermattei, che si ritroverà insieme a tanti altri protagonisti in una grande piazza digitale viste le misure di contenimento imposte dall’emergenza sanitaria da Covid19. L’evento permetterà di scoprire la nuova edizione del Meeting e sostenere la costruzione dello stesso grazie al buon vino, che è il simbolo dell’iniziativa. “Abbiamo pensato di aderire alla ricorrente iniziativa che ormai da tanti anni il Meeting realizza in preparazione dell’evento di Rimini – così Claudio Sgrò del Centro Culturale “Andrej Tarkovskij” – che abbina a questo approccio di conoscenza sul Meeting dei buoni vini italiani. Nel nostro caso abbiamo optato per un Verdicchio di Matelica, il “Vernale” annata 2018, che veicoliamo on line insieme alla promozione del Meeting 2020. La nostra piazza di San Severino – continua Sgrò – assume un duplice significato, unendo all’emergenza Coronavirus anche quella del terremoto del 2016 che ha devastato il nostro territorio. Sarà un’occasione per mettere in risalto il nostro territorio cercando di far fronte attraverso queste iniziative culturali alla nuova e vecchia emergenza utilizzandole anche come strumento di rinascita”.

f.u.
Il Sindaco di Castelsantangelo sul Nera, Mauro Falcucci, ha inviato una nota al Presidente del Consiglio dei Ministri per sollecitare un suo intervento sulla stabilizzazione del personale impiegato nell’ambito dell’emergenza e della ricostruzione. La questione era già stata anticipata al Presidente Conte  in ovasione della sua visita a Castelsantangelo sul Nera il 13 settembre 2019.

"E’ prossima la scadenza dei tre anni dall’assunzione del personale a tempo determinato a suo tempo ripartito tra la struttura del Commissario, le Amministrazioni Comunali, USR-Regionali, Provincie, e Università- fa notare il primo cittadino- Al momento la normativa prevede la possibilità di applicare a questo personale una limitatissima deroga o proroga fino al termine dello stato d’emergenza che si ricorda è stato fissato dal Decreto Sisma centro Italia al 31 dicembre 2020.
Il personale in scadenza, ormai esperto, in molti casi, stante le pochissime figure professionali dei piccoli Comuni, è stato individuato nell’ambito dell’emergenza e della ricostruzione, con posizione organizzativa, ricoprendo quasi sempre il ruolo non solo di Responsabile dell’Ufficio Sisma, ma anche di Responsabile Unico del Procedimento e di Direttore Esecuzione Contratto.
Questa modalità ha consentito agli Enti di far fronte alle difficoltà connesse all’iniziale emergenza ed oggi è indispensabile, grazie alle competenze maturate, per seguire la ricostruzione la cui durata è stimata in oltre quindici anni. Sono evidenti le difficoltà tecniche/operative che l’Amministrazione dovrà gestire, quando il dipendente, suo malgrado, terminerà il rapporto di lavoro con l’Ente di appartenenza. I Comuni si vedranno costretti ad interrompere, bruscamente, tutte le attività procedurali, di gara, di contratti, di verifiche, con i diversi operatori/enti, che la normativa vigente in ambito di codice degli appalti e di T.U.E.L., affida ai Responsabile dell’Ufficio, nonchè al Responsabile Unico del Procedimento e Direttore all’esecuzione del contratto, di tutti i procedimenti sia in ambito di Emergenza che di Ricostruzione.

"Purtroppo i Comuni possono stabilizzare i dipendenti a tempo determinato solo con risorse finanziarie proprie- sottolinea Falcucci-  Va da sé che, specialmente per i piccoli comuni, come quello che il sottoscritto rappresenta, si tratta di uno sforzo insostenibile e, quindi, impossibile! Per ironia della sorte ci troviamo di fronte a casi in cui i nostri dipendenti, dopo aver acquisito presso di questi Comuni la dovuta esperienza e formazione, vengono reclutati a tempo indeterminato dagli Enti più grandi, i quali hanno ben altre capacità assunzionali rispetto alle nostre. I nostri Comuni subiscono, quindi, danni enormi da questo inutile processo migratorio tra Enti/Istituzioni, con interruzione del servizio, perdita del know how e necessità di formare ex novo il personale. 

La necessità di stabilizzare a tempo indeterminato una parte del personale che da oltre tre anni lavora negli Uffici Sisma e che ricopre ruoli apicali di Responsabilità nei Comuni terremotati- continua il sindaco-  è nota anche al Commissario Legnini, il quale già durante i primi incontri, ha subito mostrato la propria attenzione sul tema, condividendo l’oggettiva necessità per la quale occorre una copertura legislativa, la stessa che viene richiesta per accelerare la ricostruzione pubblica che a distanza di circa quattro anni dal sisma, purtroppo, non è ancora partita in quanto legata alle procedure di appalto ordinarie. E’ auspicabile che vengano individuati al più presto, e prima delle imminenti scadenze contrattuali, i criteri e modalità per stabilizzare il personale già formato, anche prevedendo che lo stesso, una volta terminata l’esperienza lavorativa per il Sisma del Centro Italia, in considerazione delle notevoli competenze di elevata professionalità acquisite sul campo in ambito di gestione dell’emergenza e Ricostruzione, possa rientrare alle dipendenze, ad esempio, del Dipartimento di Protezione Civile, del Dipartimento CasaItalia o della Regione, al fine di essere impiegato nella gestione di altre calamità naturali/emergenze, che sempre più spesso stanno interessando il nostro territorio Nazionale".
L’indifferibile esigenza di assumere a tempo indeterminato il personale che nei piccoli Comuni ha acquisito una esperienza non sostituibile, pena il blocco delle attività della ricostruzione,oltre che  al Presidente del Consiglio Conte. è stata già rappresentata dal sindaco di Castelsantangelo anche  al Commissario Legnini, al Capo Dipartimento della Protezione Civile Borrelli, al Vice Commissario della Regione Marche Ceriscioli e al Presidente dell’Anci Marche Mangialardi.
"Ad essi - conclude Falcucci- ci affidiamo fiduciosi per una decisione tempestiva e assolutamente non rinviabile considerato che finalmente si registrano significativi segnali positivi sulla ricostruzione con l’insediamento del Commissario Legnini". 
C.C.














Un nuovo appuntamento questa domenica 17 maggio, VI domenica di Pasqua, con la messa di comunità trasmessa in diretta facebook sulla pagina de L'Appennino camerte. A presiedere la celebrazione dalla chiesa di Santa Caterina in Bavareto padre Mario Minicucci, parroco di Serravalle di Chienti. "Nell'ultima celebrazione festiva prima della riapertura delle chiese ai fedeli la comunità di Serravalle prosegue nell' di trasmettere tramite social la messa, iniziata nel giorno di Pasqua, allargata a tutta la diocesi grazie a L'Appennino camerte - così il sindaco Emiliano Nardi - Un mezzo che permette anche alla nostra comunità, composta in maggioranza da anziani, di restare unita in un momento drammatico a causa del Covid 19. Un grazie particolare, dunque, a padre Mario con il quale ho collaborato in questo periodo proprio per mantenre il contatto con la nostra comunità e ai cittadini di restare legati tra loro in attesa del ritorno alla normalità". L'appuntamento, dunque, è per questa domenica alle ore 10 per partecipare tramite la nostra pagina facebook alla messa di comunità.

f.u. 
Doppia operazione della Guardia di Finanza: sequestrati 327 grammi di marijuana, 2 grammi di cocaina, materiale strumentale al reato di spaccio e 4.430 euro in banconote di diverso taglio, ritenuti il provento dell’attività delittuosa. Due responsabili denunciati di cui uno tratto in arresto. 
Durante un pattugliamento pmeridiano a Civitanova, i finanzieri hanno notato strani movimenti di persone e mezzi nei pressi dell’ingresso del casello autostradale. 
In particolare, le Fiamme Gialle hanno notato una persona sostare con l’auto nel piazzale di un adiacente distributore di carburante, con atteggiamento sospetto e nervoso; pensando che questo comportamento fosse dovuto al fatto che possedesse della droga, hanno deciso di pocedere con un controllo nel corso del quale è stato rinvenuto e sequestrato un spinello occultato all’interno di un calzino. 

Gli indizi raccolti hanno convinto i militari ad effettuare immediatamente anche una perquisizione domicialiare, con l’ausilio dell’unità cinofila antidroga, a casa del ragazzo, un 21enne residente a Civitanova. In questa circostanza sono stati rinvenuti  5,3 grammi di marijuana, 1.980 euro in contanti e altro materiale. Il ragazzo è stato denunciato a piede libero alla locale Procura della Repubblica.
Ma l'attività non si è conclusa qui. I militari hanno sviluppato tutti gli elementi raccolti e, nel corso della notte, hanno posto la loro attenzione nei confronti di un 43enne residente a Potenza Picena, tra l’altro gravato da specifici precedenti. Nel corso della perquisizione in casa sua, i finanzieri hanno ritrovato e sequestrato 322 grammi di marijuana, 2 grammi di cocaina e 2.350 euro in contanti ritenuti proventi del reato di spaccio. Il soggetto è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari.  

g.g.



Arrivata la risposta, da parte della Regione, anche alla preoccupazione dei commercianti che riguardava i saldi di fine stagione.
Dopo il lockdown, infatti, i commercianti sono pronti a ripartire, pur consapevoli che gli affari non saranno come avevano previsto prima della pandemia e anche lo 'spauracchio' dei saldi che sarebbe cominciato a luglio è stato posticipato al mese successivo.
Ad annunciarlo è la Regione Marche che spiega come "Per il solo 2020 potranno essere effettuati dal 1° agosto al 15 ottobre".
Lo ha stabilito la Giunta regionale che ha modificato la precedente delibera dove veniva indicato il periodo “4 luglio – 1° settembre”. La decisione è stata presa per “rispondere alle richieste avanzate dalle associazioni di categoria - spiega l’assessore al Commercio, Manuela Bora – Il posticipo si è reso necessario a causa dell’emergenza epidemiologica che ha costretto tutte le imprese commerciali, a eccezione di quelle alimentari, a sospendere l’attività per oltre due mesi, creando danni economici notevoli. Come Regione veniamo incontro alle esigenze degli operatori commerciali e a quelle dei consumatori, ugualmente penalizzati dal lockdown. I saldi sono stati quindi collocati in un periodo che, auspichiamo, nella massima sicurezza, possa vedere una ripresa delle attività commerciali e delle vendite. Confidiamo che la decisione contribuisca a recuperare una normalità economica, pesantemente compromessa dal Coronavirus”.
Il periodo è stato individuato a livello di Conferenza delle Regioni, su sollecitazione della Regione Marche che coordina la Commissione attività produttive e dove si è stabilito il mantenimento della data unica su tutto il territorio nazionale.

GS
Vigili del fuoco al lavoro a Piediripa di Macerata, in via Arno, per l'incendio di un capanno adibito a deposito. Le fiamme sono divampate per cause in corso di accertamento e, una volta lanciato l'allarme, sul posto è intervenuta una squadra di pompieri che sono riusciti a spegnere il rogo e a mettere in sicurezza l'intera zona prima che le fiamme potessero raggiungere le vicine abitazioni. Fortunatamente non si segnalano danni a persone o cose. 


capanno

pom
E’ Riccardo Augusto Marchetti il nuovo commissario della Lega nelle Marche, subentrando al senatore lombardo Paolo Arrigoni. La nomina è stata fatta dal segretario Matteo Salvini insieme a quella dei commissari delle regioni Emilia-Romagna e Sardegna. Marchetti, classe 1987, e' stato protagonista della recente campagna elettorale per la Regione Umbria, conclusa con lo storico successo del centrodestra a trazione leghista. “Accogliamo l’arrivo del nuovo commissario Marchetti con entusiasmo – dichiara l’onorevole Tullio Patassini – Una giovane leva (Marchetti è nato nel 1987 ndr) che sono sicuro potrà fare molto bene nelle Marche, così come ha già fatto in Umbria. Con Riccardo ho condiviso quell’esperienza lavorando insieme nelle valli umbre, così come faremo nelle Marche dove sicuramente ci aspetta una battaglia importante, ma con prospettive davvero positive”. Non manca lo stesso Patassini di ringraziare il senatore Paolo Arrigoni “che in questi due anni ha ricostruito la Lega nelle Marche – così Patassini – e siamo certi che lo stesso slancio accompagnerà l’opera del nuovo commissario”.

f.u.
A  seguito delle segnalazioni ricevute da parte di cittadini e professionisti, relative a difficoltà e ritardi nell’erogazione dei contributi per la ricostruzione, e degli anticipi previsti dalle ordinanze recentemente emanate, il Commissario alla Ricostruzione dei territori colpiti dal sisma 2016, Giovanni Legnini, ha incontrato ieri a Roma il Direttore generale dell’Associazione Bancaria Italiana, Giovanni Sabatini.
Come riporta la nota del Commissario alla Ricostruzione, è’ stato istituito un gruppo di lavoro comune che elabori rapidamente proposte per superare le criticità e velocizzare l’erogazione dei contributi da parte degli istituti bancari
Un gruppo ristretto di lavoro tra gli esperti del Commissario e l’Associazione Bancaria Italiana, valuterà insieme lo stato della ricostruzione per approfondire e
individuare le soluzioni delle diverse problematiche connesse all’erogazione dei contributi pubblici alla riparazione delle abitazioni e dei siti produttivi nel Centro Italia colpito dal sisma del 2016. La costituzione del tavolo è stata decisa oggi nel corso di un incontro tra il Commissario alla Ricostruzione, Giovanni Legnini, ed il Direttore generale dell’Associazione Bancaria, Giovanni Sabatini, che hanno indicato i punti essenziali di sviluppo del confronto e il metodo di lavoro per condividere modalità e soluzioni che possano accelerare gli interventi.
In questo contesto - continua il comunicato- saranno attivate azioni informative congiunte sulle ultime decisioni prese dal Commissario con le recenti Ordinanze che, oltre ad aver sbloccato gli anticipi ai professionisti sui progetti di ricostruzione presentati, consentono il pagamento dei lavori fatti nei cantieri prima della sospensione per il Coronavirus e introducono una procedura nuova e molto più rapida per ottenere i contributi alla ricostruzione. Anche i meccanismi di erogazione dei rimborsi saranno verificati ed eventualmente aggiornati, così come si valuteranno tutte le soluzioni tecnologiche per agevolarli ed interventi mirati per risolvere questioni specifiche.
Il Commissario e l’Associazione Bancaria Italiana, infine, valuteranno congiuntamente anche alcuni problemi che potrebbero aver bisogno di eventuali soluzioni di carattere normativo.
C.C.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo