Antibiotico resistenza: sconfiggiamola insieme”. Questo il motto della Giornata europea degli antibiotici che a Camerino ha offerto un doppio appuntamento di sensibilizzazione nei confronti della popolazione, con l'obiettivo di accrescere la consapevolezza verso il corretto utilizzo dei farmaci anti-microbici contrastandone l’uso inappropriato e l’abuso.
“Preveniamo insieme la resistenza anit-microbica” il titolo della campagna promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità, quest’anno anche insieme alla Fao, all’Unep (Programma nazioni unite per l’ambiente) e alla Woah (Organizzazione mondiale per la salute animale).
All’iniziativa hanno aderito a Camerino l’ospedale Santa Maria della Pietà, le scuole di bio-scienze Veterinaria e di Scienze del farmaco e dei prodotti della salute di Unicam, col patrocinio del comune di Camerino e del comitato locale della Croce Rossa italiana.

Le postazioni informative sono state collocate nell’atrio dell’ospedale Santa Maria della Pietà e, nella mattinata di sabato 19 novembre, nell’area del Vallicenter. Nei due momenti d'incontro, rivolti alla cittadinanza, agli operatori del settore sanitario e alla comunità universitaria, è stato fornito materiale informativo e gli interessati hanno potuto rivolgere domande.

«Grazie anzitutto ai cittadini che si sono dimostrati interessati a questa nostra iniziativa presentandosi numerosi all’atrio dell’ospedale e nell’area del Vallicenter e a tutti coloro che ci hanno dato una mano nel portarla avanti» – ha affermato la promotrice dottoressa Anna Maria Schimizzi, primario dell’unità complessa di Medicina interna dell’ospedale di Camerino, nel salutare i rappresentanti dei vertici regionali, comunali e istituzionali intervenuti alla prima giornata.
Presenti per l’occasione anche i consiglieri regionali Renzo Marinelli in rappresentanza della maggioranza e, Romano Carancini, della minoranza PD e componente della commissione sanità.

«Tra le tante problematiche che assillano un direttore di ospedale è questo invece un bel momento ricco di soddisfazione- ha affermato nel portare il suo saluto il dottor Carlo Di Falco, direttore medico dell’Area Vasta 3-. Soddisfazione perché questa occasione ci dà la possibilità di dare una giusta visibilità, ben guadagnata dall’ospedale di Camerino e, in particolare, alla Unità complessa di Medicina diretta dalla dottoressa Anna Maria Schimizzi arrivata da poco ma che ha subito dimostrato capacità, vitalità, voglia e passione all’interno del suo lavoro. Un’attività che le sta riuscendo molto bene, proprio perché è aiutata e supportata da tutti i colleghi e dal resto del personale. La giornata europea sugli antibiotici- ha spiegato- pone l’accento su una problematica di estrema importanza e, anche preoccupante, visto che l’Italia è una delle nazioni dove la resistenza agli antibiotici è abbastanza diffusa e, oltretutto, riguarda aspetti di grande rilievo. Corriamo il rischio di non avere più delle armi per contrastare l’aggressione da parte dei germi patogeni. Ovviamente c’è bisogno della massima sensibilità legata anzitutto alla massima professionalità degli operatori sanitari che deve essere sempre più adeguata a quelle che sono le attuali conoscenze nel campo dell’utilizzo degli antibiotici ma- ha aggiunto- deve riguardare anche tutta la popolazione che va sensibilizzata e che deve capire che l’antibiotico, nella sua stessa etimologia, è anti-bios, cioè contro la vita. Ne discende che dobbiamo essere tutti molto attenti nell’utilizzarlo al momento giusto. Problematica che sicuramente va affrontata a livello di sistema sanitario nazionale che poi deve dare le giuste indicazioni affinché, noi che lavoriamo in periferia, possiamo metterle in pratica».
Il rilievo dell’iniziativa per l’ospedale di Camerino è stato messo in evidenza dal vicesindaco e assessore ai servizi sociali Antonella Nalli , sottolineando che la stretta sinergia tra istituzioni e comitati cittadini, nell’occasione specifica, si è rivolta alla prevenzione.
«Chi lavora nel territorio – ha detto – deve essere animato da grande spirito di sacrificio ma anche da tanta voglia di fare. Iniziative come questa sono uno dei segnali della volontà di tornare a sperare del nosocomio camerte e dell’intero territorio di riferimento».
Coinvolta nell’attività di sensibilizzazione dei cittadini l’Università di Camerino, con il concreto apporto dei docenti David Vitali e Dezemona Petrelli.
«L’università – ha sottolineato il prorettore vicario Graziano Leoni- è proprio il mondo in cui questi fenomeni vengono spiegati agli studenti e studiati, ma anche il luogo adatto per sensibilizzare tante persone. Per richiamare attenzione su questi temi, dall’inizio alla conclusione della settimana dedicata all’uso consapevole degli anti-microbici, la sede del rettorato è illuminata di blu. E siamo molto contenti che l’iniziativa sia partita proprio dall’ospedale di Camerino. Momenti importanti come questo danno forza a questa struttura sanitaria che nel contempo dà forza anche alla nostra università - ha aggiunto -. Credo che se tanti studenti si iscrivono all’università di Camerino è anche perché c’è un ospedale vicino. Altrimenti, se la città rimanesse isolata all’interno del territorio appenninico, avremo sicuramente una riduzione di quelle che sono le nostre potenzialità. E penso che questo non lo voglia nessuno».
C.C. 
“Per adesso il bilancio è solo il grande spavento a cui, purtroppo, siamo abituati” – Il sindaco di Camerino, Roberto Lucarelli, ha voluto rassicurare la cittadinanza dopo le scosse di terremoto di questa mattina, avvertite distintamente anche in città.

“Immediatamente – ha aggiuntto – abbiamo messo in moto la macchina delle verifiche tecniche, provvedendo subito ai necessari accertamenti negli edifici scolastici.
Per quanto riguarda quelli di competenza comunale, non si sono registrate criticità di sorta e le lezioni si sono potute regolarmente svolgere. Siamo inoltre in contatto con i tecnici della Provincia di Macerata che stanno provvedendo alle medesime verifiche nelle strutture che fanno riferimento all’ente provinciale e, anche in questo caso, non abbiamo notizia di danni o di particolari disagi.
Contestualmente il nostro personale è al lavoro per ulteriori verifiche in altri edifici cittadini.
In via cautelativa, infine, abbiamo sospeso gli accessi nel centro storico, in Zona Rossa, così da poter effettuare tutti i necessari controlli e salvaguardare l’incolumità dei cittadini e di quanti operano in quell’area.
Taglio del nastro questa mattina a Camerino per la nuova sede temporanea degli uffici comunali in via Conti di Statte.
Su una superficie di 2700 metri quadrati, in un unico edificio sono da oggi raggruppati tutti i settori operativi del Comune di Camerino.   
Simbolica la data scelta per l'inaugurazione, coincidente con il sesto anniversario di una delle scosse più forti che stravolsero la vita e la fisionomia dei centri dell'entroterra maceratese.
Doppio il significato legato a quella data che, al ricordo della sofferenza e della forza di non mollare, aggiunge le energie del lavoro compiuto sin qui per ristabilire una situazione che superasse l'emergenza e la precarietà.
Ne portano il segno e l'esempio tutti i livelli delle tante istituzioni che la festosa cerimonia ha riunito oggi a Camerino, città delle Marche tra le più colpite e secondo centro dell'intero Cratere per livello di danneggiamento.
Sei anni in cui gli stessi dipendenti comunali, seppure in spazi ridotti e non senza difficoltà, hanno speso tutte le loro energie per garantire un costante e prezioso servizio alla cittadinanza.
Con l'introduzione musicale della banda città di Camerino, al taglio del nastro della funzionale e moderna costruzione interamente finanziata dalla Protezione civile nazionale con i fondi dell'emergenza per la cifra di due milioni e mezzo di euro, con il sindaco di Camerino Roberto Lucarelli e l'intera giunta comunale, sono intervenuti il Capo Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio, il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, il Subcommissario straordinario alla ricostruzione Gianluca Loffredo, il presidente della provincia di Macerata Sandro Parcaroli, il vice presidente del Consiglio regionale Gianluca Pasqui, il presidente del consiglio comunale Cesare Pierdominici. 
piazzale davanti sede
Intensi e significativi gli interventi che si sono susseguiti dal palco, in una giornata che ha trovato una sintonia e una condivisione particolare nelle parole che sono state pronunciate, anche da parte della folta schiera di sindaci del terriitorio arrivata in città a testimoniare vicinanza e unione d'intenti.

Lucareli sede
Subito i ringraziamenti del primo cittadino si sono rivolti a quanti hanno reso possibile questo positivo traguardo che permetterà una migliore organizzazione e un più proficuo lavoro degli uffici comunali,  ma - ha detto Roberto Lucarellil'inaugurazione di oggi vuole testimoniare la necessità di un cambio di passo. Il segno di oggi è il punto zero di una fase della ricostruzione che deve essere necessariamente diversa. Noi siamo un territorio che già  soffriva, dove lo spopolamento era già forte e dove il sisma ha accelerato alcuni processi. Oggi quelle misure diverse, anche economiche, debbono essere necessariamente impegnate in maniera di 'distinguo' - ha sottolineato il sindaco -. Quella filiera istituzionale che oggi è qui rappresentata in tutte le sue espressioni, dall'ente locale al Governo centrale, deve impegnarsi per quella che è e deve essere la rinascita di un territorio che è terriorio montano».
Ad oggi, su una popolazione di circa seimila residenti, le persone fuori casa nel comune di Camerino sono 1730, tra coloro che percepiscono il contributo di autonoma sistemazione o abitano le soluzioni abitative di emergenza «dunque, anche nella riparizione dei fondi del Pnrrr,  il rapporto con una città di sessantamila abitanti è sicuramente diverso, perchè diverse sono la parte sociale ed economica - ha continuato Lucarelli rimarcando la necessità di 'leggi speciali' riferite alle aree montane-, altrimenti domani ci troveremo a parlare di scuole senza alunni, a fare la lotta tra comuni, a puntellare quelle istituzioni che invece debbono rimanere salde sul territorio.
Da questa bella giornata - ha concluso-  deve nascere quella collaborazione territoriale che inizi a fare della nostra città un grosso punto di riferimento per tutta la Regione Marche e per il Centro Italia».
Acquaroli camerino
Proprio alle complessità e alle difficoltà legate ai sei anni del sisma e alle peculiarità del territorio dell'entroterra, hanno fatto riferimento le parole del Governatore Francesco Acquaroli.
"Quello che è accaduto, è un dramma che ha cambiato il volto sociale, economico e urbanistico dei territori e ha fatto anche riflettere rispetto all'approccio che le istituzioni hanno avuto rispetto alle emergenze. Con molta difficoltà oggi la fase dell'emergenza è stata superata  e ci accingiamo a velocizzare la fase della ricostruzione che però - ha affermato Acquaroli- necessariamente ci impone delle riflessioni, soprattutto in relazione alle strategie da mettere in campo.
Occore quindi che la filiera istituzionale sia in grado di mettere in campo quelle azioni rivolte non solo a garantire la ricostruzione privata e pubblica ma a dare anche il segnale di una rivitalizzazione economica e a riconoscere la centralità di questi territori affinché possano rinascere, non così come li si è lasciati la sera del 26 ottobre 2016, ma con delle opportunità aggiuntive ulteriori. È questa la sfida dei servizi, quella delle scuole che non debbono rappresentare una battaglia continua. Dobbiamo innescare un meccanismo che, una volta per tutte, sappia proiettare una programmazione che, da qui a prossimi mesi, porti a garantire le risorse, gli strumenti e la programmazione. Solo così potremo ottenere che, dopo anni di devastazione e sofferenza, si arrivi ad una fase dinamica e con più certezze, capace di ricollocare questi territori nella centralità che è importante per tutta la regione. Lo dico con la consapevolezza che lo spopolamento delle aree interne non è grave solo per le Marche ma per tutta l'Italia. Se perdiamo questo patrimonio, è come se noi rinunciassimo ad una parte della nostra capacità di prodotto interno lordo, ad una parte della nostra identità e capacità di essere attrattivi. Noi non lo dobbiamo consentire». 

Al di là del sicuro segnale di ripresa, l'inaugurazione dei nuovi uffici comunali, è stata anche  l'occasione per lanciare una rflessione più ampia sui temi delle emergenze che sempre più stanno riguardando varie zone di un fragile Paese.   

 Ripercorse e rivissute emotivamente le fasi concitate dei primissimi momenti seguiti alle scosse del 2016 con la mobilitazione di tanti gruppi di Protezione civile impegnati nel soccorso alle popolazioni, il capo Dipartimento Fabrizio Curcio, ha evidenziato come la presa di coscienza del dramma sia avvenuta rapportandosi con realtà che avevano ognuna proprie specificità, per ciascuna delle quali si è cercato di individuare la chiave per rimettere in moto subito quello che serviva.
Curcio si è poi riallacciato ai temi approfonditi in precedenza, perché "se si è affrontato il prima e il durante, davanti c'è un dopo che è di ripresa ma anche momento di analisi rispetto ai problemi che c'erano prima- ha dichiarato -. Perchè io non conosco emergenze che abbiano risolto problemi preesistenti ma ho solo conosciuto emergenze che li hanno amplificati. Allora noi dobbiamo recuperare l'opportunità "drammatica" di fare una riflessione sul dopo e sul come agire riguardo ad alcuni territori che avevano già delle dinamiche difficili, per riportarli a diventare risorsa. Un percorso che noi come sistema di protezione civile possiamo solo accompagnare. Un percorso che è di ricostruzione non solo materiale ma sociale, organizzativa, economica, lavorativa culturale». 

La sfida futura si concentra soprattutto sui comuni più colpiti dalla devastazione, secondo il subcommissario Gianluca Loffredo, che ha puntato l'attenzione sulle aree interne dove, sebbene da tempo segnate dallo spopolamento, «una comunità c'è ed è importante accelerare e dare una qualità anche economico-sociale agli interventi.
Il problema è del legislatore a livello nazionale - ha sottolineato-. Occorre mettere in campo una ordinarietà della straordinarietà, in quanrto la straordinarietà  non può cogliere impreparate  sotto le future comunità che si  troveranno di fronte a problemi simili, sotto il profilo organizzativo funzionale e di gestione». 

Nel corso della cerimonia, a conclusione degli interventi, l'amministrazione ha voluto rendere omaggio ai dipendenti comunali che hanno raggiunto il pensionamento negli ultimi 10 anni. 
vescovo Massara sede
A precedere il taglio del nastro, la benedizione dell'arcivescovo Francesco Massara il quale ha formulato l'augurio che la nuova sede comunale sia un luogo di rinascita e d'accoglienza e che possa essere a servizio di tutti i cittadini e del territorio.


 Carla Campetella
74d5a671 171e 4c2a 80f9 d852029f5180
 


Domani, 26 ottobre 2022, alle ore 10.30, verrà inaugurata a Camerino la nuova sede temporanea degli uffici comunali in via Conti di Statte. 

“Si tratta di una nuova sistemazione – spiega il sindaco Roberto Lucarelli – che vede in un unico edificio tutti i vari settori del comune: a piano terra gli affari generali, il settore finanziario e la polizia locale, nel piano superiore l’ufficio del sindaco e del segretario comunale, la segreteria, l’urbanistica, la ricostruzione privata e i lavori pubblici”.

Dal 27 ottobre tutti gli uffici saranno pienamente operativi.

Il numero del centralino è: 0737 431401.
Avrà inizio il 24 novembre per concludersi il 20 aprile,  la stagione teatrale 2022- 2023 organizzata dal comune di Camerino in collaborazione con Amat, associazione marchigiana attività teatrali, con il contributo di Regione Marche e Ministero della cultura e col patrocinio dell'Università di Camerino
All'auditorium dell'Accademia musicale 'Franco Corelli', questa mattina  la presentazione alla stampa da parte del sindaco Roberto Lucarelli , l'assessore alla cultura Antonella Nalli, il vicepresidente del Consiglio regionale Gianluca Pasqui e il direttore Amat Gilberto Santini.

Sei titoli, di cui cinque in abbonamento, compongono il variegato cartellone degli spettacoli che, tutti con inizio alle 21 e 15, si terranno all'auditorium Benedetto XIII in località Colle Paradiso.
«Una stagione che parte con una energia particolare - ha esordito il direttore di Amat Gilberto Santini- C'è voglia di coinvolgere gli spettatori con spettacoli di alto livello». Un'esperienza importante che riprende il suo corso nel solco tracciato con prestigio da tutte le stagioni teatrali camerti che si sono susseguite nel tempo, a detta del sindaco Roberto Lucarelli che non ha mancato di esprimere il suo ringraziamento a quanti hanno a vario titolo contribuito alla sua realizazione. «Un cartellone bellissimo che sicuramente incontrerà la partecipazione e il gradimento del grande pubblico».

L'eco dei ringraziamenti è stato prontamente raccolto dallo stesso vicepresidente del Consiglio regionale Gianluca Pasqui, nella doppia veste di consigliere comunale e, a lungo, anche assessore alla cultura nell'amministrazione camerte.
«Mi complimento per il lavoro che, con capacità, si sta portando avanti- ha detto- e che sintetizza di come ci si deve comportare per tirar fuori quello che deve essere il fine ultimo e cioè il benessere e il piacere per i cittadini. La ricostruzione non è solo quella delle case. Diamola per scontata, anche se sono passati tanti anni. La ricostruzione è quella sociale, economica e culturale e dunque, a maggior ragione, una città come questa ha bisogno di iniziative eccellenti come questa stagione teatrale, per guardare al futuro di questi territori. Non un evento solo cittadino ma che per la sua qualità e per il suo essere così eterogeneo nei gusti, va  oltre i confini e oltre quello che può essere il piacere della comunità di Camerino  - ha aggiunto Pasqui-. La Regione Marche ha bisogno di comunità che esprimano il senso del percorso  presente e futuro proprio in questi modi. Sono certo che questa è una amministrazione molto attenta al presente e al futuro della comunità cittadina  e dei nostri figli».

La parola è poi passata all'assessore alla cultura Antonella Nalli che ha colto l'occasione per sottolineare ancora la varietà degli spettacoli in cartellone  che lo rendono adatto ad ogni pubblico ed età.
"L'auspicio è che questa stagione rappresenti un nuovo e  positivo  segnale per il tessuto economico e sociale profondamente disgregato e provato non solo a causa del sisma ma soprattutto dalla pandemia. Da subito ho avuto dalla mia il supporto dell'intera squadra, a partire dal sindaco, perchè avere una stagione teatrale ha significato un costo a livello economico. Ma ci abbiamo fortemente creduto motivati dalla convinzione che il teatro così come le iniziative culturali, musicali e sportive,  in questo momento storico, siano da simbolo per migliorare la condizione sociale e in funzione della crescita di ciascuno di noi a livello umano. Camerino - ha proseguito Nalli- non può prescindere dalla cultura e secondo noi è giustissimo puntare su una stagione teatrale del genere». L'assesore alla cultura ha poi evidenziato l'importanza dell'appuntamento fuori abbonamento dell'opera lirica , trasposizione su musica e libretto del celebre dramma bettiano "Delitto all'isola delle capre".  «Ci auguriamo che questo particolare omaggio ad Ugo Betti possa essere apprezzato da tutto il territorio, anche per rivalutare la figura del nostro poeta». 

Al direttore Amat Gilberto Santini il compito di illustrare nel dettaglio date e protagonisti degli spettacoli, precisando che abbomamenti e  biglietti d'ingresso manterranno prezzi invariati.

Inaugura la stagione,  giovedì 24 novembre, l'attore Alessandro Preziosi affiancato da Daniele Bonaviri alla chitarra, in scena con "Totò oltre la maschera". La carriera del principe della risata sarà ripercorsa tra lettere, interviste, musica e poesia, mettendo a nudo l'uomo Antonio De Curtis, oltre la maschera dell'interprete 

Domenica 4 dicembre sarà la volta di "Figlie di Eva" commedia tutta al femminile interpretata dal trio di grandi attrici Maria Grazia Cucinotta, Vittoria Belvedere e Michela Andreozzi, affiancate da Massimiliano Vado che firma anche la regia. 

 Quindi, domenica 12 febbraio,  Antonio Milo e Adraino Falivene insieme ad Elisabetta Mirra , sono i protagonisti di "Mettici la mano" per la regia di Alessandro D'Alatri.
Gioved' 30 marzo, la stagione teatrale camerte continua con Roberto Ciufoli, Benedicta Boccoli, Simone Colombari e Sarah Biacchi che, tra battute di spirito e sferzanti dialoghi, porteranno sul palcoscenico "Il test".

La conclusione del cartellone in abbonamento è affidata, giovedì 20 aprile, a Lino Guanciale protagonista del recital "Non svegliate lo spettatore", omaggio alla vita e alle opere delll'indimenticabile scrittore e sceneggiatore Ennio Flaiano. Regia e musiche sono di Davide Cavuti. 

Fuori abbonamento, l'omaggio al grande poeta e scrittore Ugo Betti di cui quest'anno ricorrono i 130 anni dala nascita: in programma mercoledì 30 novembre, la serata offrirà al pubblico la prima esecuzione assoluta dell'opera lirica  "Delitto all'isola delle capre".
Dal celebre dramma in tre atti del drammaturgo camerte, con musica di Marco Taralli su libretto di Emilio Jona e per la regia di Matteo Mazzoni, l'opera sarà messa in scena dal Time Machine Ensemble diretto da Marco Attura.
Lo spettacolo è co-prodotto da Fondazione Pergolesi Spontini e Teatro dell'opera Giocosa di Savona. 
C.C.
A Camerino, è prevista per mercoledì 26 ottobre alle ore 10.30, in via Conti di Statte, l'inaugurazione della nuova sede temporanea degli uffici comunali. Nella nuova struttura troveranno collocazione tutti gli uffici finora ospitati in diverse situazioni in località Le Mosse.
«Le operazioni di trasloco dei materiali e delle dotazioni informatiche  - spiega l'ammnistrazione comunale- avranno inizio giovedì 20 ottobre e si protrarranno fino al giorno dell'inaugurazione».
Il sindaco Roberto Lucarelli ha pertanto disposto la chiusura al pubblico degli uffici comunali dal 20 al 26 ottobre, per consentire le operazioni di trasloco.
Da lunedì 24 ottobre, per esigenze improrogabili, i cittadini possono chiamare il numero 320 4316980 ed è parzxialmente attivo il nuovo centralino al numero 0737 431401.

Il prossimo lunedì 17 ottobre torna a Camerino la fiera di Santa Camilla.
Dalle ore 8 alle ore 14, le bancarelle stazioneranno nell'area dell'ex City Park in via Madonna delle Carceri.  


Ridotta la zona rossa nel cuore storico di Camerino. La città si riappropria di un’altra parte del centro che torna dunque ad essere fruibile dopo il sisma del 2016.
Riaperte le vie XX settembre e Vergelli, una porzione di via Lili nonchè porzioni di Piazza Mazzini, di via San Francesco, via Costanza Varano, via Morrotto  e alcune porzioni di vicoli adiacenti.  
La rimodulazione è stabilita dall'apposita ordinanza firmata dal sindaco Roberto Lucarelli che, valida  dallo scorso 5 settembre, andando a sostituire  integralmente quelle emesse in precedenza, specifica con apposita planimetria  la nuova perimetrazione della zona rossa, così da tutelare l’incolumità pubblica.

via camillo Lili lato da via xx settembre
Diverse le persone che hanno potuto rivivere l'emozione unica di percorrere vie che, se non residenti in zona, da sei anni a questa parte non avevano più avuto la possibilità di praticare. 
via Vergelli
La nuova delimitazione, come evidenziato nel documento, riguarda esclusivamente la pubblica via e non la valutazione di agibilità dei singoli edifici che è ovviamente demandata all’apposita procedura di legge. Resta fermo il divieto assoluto di spostamento delle transenne apposte e l'ingresso nelle parti tuttora interdette della zona rossa nelle quali l'accesso è consentito solo alle forze di polizia, ai vigili del fuoco, ai possessori di regolare permesso, al personale dell'ufficio tecnico o persone e mezzi comunali.  

C.C. 


A Camerino, torna anche quest'anno, una delle iniziative più vivaci e apprezzate della bella stagione.
Appuntamento con la "Fiera d'estate", in programma venerdì 12 agosto lungo tutto il viale Giacomo Leopardi fino alla piazza di san Venanzio. Dalle 8 del mattino e fino alle ore 20, ricca sarà l'offerta delle tante bancarelle presenti: artigianato, abbigliamento, dolciumi, gastronomia, accessori e articoli per la casa. 


Il neo eletto sindaco di Camerino Roberto Lucarelli ha firmato il decreto di nomina della giunta che governerà, insieme al primo cittadino, la città ducale nei prossimi cinque anni.

Quattro gli assessori per una squadra per due terzi al femminile: Antonella Nalli, che come anticipato assume anche il ruolo di vice sindaco, con delega a cultura, servizi sociali, rapporti con le frazioni, protezione civile, Silvia Piscini, che si occuperà di istruzione, turismo, sport, politiche giovanili, rapporti con la popolazione studentesca, Erika Cervelli, assessore al bilancio, programmazione economica e finanziaria, tributi, ambiente, agricoltura, attività produttive e Stefano Falcioni cui sono state attribuite le deleghe all'urbanistica, ai lavori pubblici e alla manutenzione.

“Il criterio utilizzato nella scelta nella Giunta, come preannunciato – ha spiegato il sindaco Roberto Lucarelli - è stato in base alle preferenze, posto che da sempre ho sostenuto di poter contare su una squadra formata da persone qualificate. Ne abbiamo quindi discusso insieme, prendendo le decisioni di comune accordo”.

Il gruppo consiliare di maggioranza sarà composto da: Gianluca Pasqui, Alessandro Salvetti, Giovanni Fedeli e Cesare Pierdominici.

Ora l'insediamento del consiglio comunale, con il giuramento del sindaco, fissato per mercoledì 29 giugno


Il sindaco Roberto Lucarelli con i componenti della Giunta Stefano Falcioni Silvia Piscini Antonella Nalli e Erika Cervelli
Pagina 1 di 22

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo